“Diritti umani” in Fondazione Benetton


Diritti umani. Se ne parla in Fondazione Benetton. Immagini: l’inganno delle emozioni incontro pubblico con Enrico Bossan, direttore responsabile di «Colors Magazine»,    che introdurrà la visione del documentario Fabbrica dei martiri (Fabrica e rsi, 2008)   giovedì 29 marzo 2012 ore 21   auditorium spazi Bomben, via Cornarotta 7, Treviso      Il ciclo di incontri sul tema dei diritti umani Dialoghi per una società della consapevolezza, pensato e organizzato dalla Fondazione Benetton Studi Ricerche, in collaborazione con l’Università Ca’ Foscari di Venezia e il Liceo Ginnasio “Antonio Canova” di Treviso, prosegue giovedì 29 marzo alle ore 21, negli spazi Bomben di Treviso, con l’incontro pubblico Immagini: l’inganno delle emozioni.   Enrico Bossan, direttore responsabile di «Colors Magazine», introdurrà la visione    del documentario Fabbrica dei martiri di Camilla Cuomo e Annalisa Vozza, prodotto nel 2008    da Fabrica e da rsi-Radiotelevisione Svizzera, che racconta degli enormi dipinti, commissionati e sponsorizzati dal governo, che in Iran ricoprono i muri di interi palazzi.
Il volto del carismatico leader Khomeini insieme ai suoi successori, ritratti dei martiri nazionali, figure animali che simboleggiano il bene e il male. Pitture che fanno parte della campagna propagandistica islamica iniziata ai tempi della Rivoluzione del 1979 e tenuta viva ancora oggi, a dispetto di una religione iconoclasta.
Proliferati in seguito alla guerra contro l’Iraq, scoppiata un anno dopo la formazione della Repubblica Islamica, i murales si affollano ai bordi delle strade, tra le pubblicità di elettrodomestici o cellulari, e sono diventati delle vere e proprie “epopee” di uomini comuni che, attraverso il sacrificio e il martirio caro alla tradizione religiosa sciita, vogliono essere riconosciuti appieno come eroi nell’immaginario collettivo.    L’insieme di queste opere risalta oggi nel paesaggio urbano, amalgamando, in una sola immagine, politica, guerra e religione. Accanto a queste, tuttavia, stanno trovando posto    negli ultimi anni nuove immagini, astratte e di natura mistica o veri e propri trompe-l’oeil    in stile francese, indice della volontà di dare un volto nuovo, moderno e sereno al Paese. Immagini che rispecchiano i cambiamenti, le paure e le contraddizioni di una società islamica    in fermento, posta sotto i riflettori dell’attenzione internazionale.

Auditorium spazi Bomben, via Cornarotta 7, Treviso
ingresso libero
per informazioni: Fondazione Benetton Studi Ricerche, tel. 0422.5121, fbsr@fbsr.it, www.fbsr.it

TTL Staff © redazione@time-to-lose.it - www.time-to-lose.it











Categorie

Archivio