Tags: ,
Categorie: Eventi

CartaCarbone Festival – Programma 2° Edizione 2015


CartaCarbone Festival – Programma 2° Edizione 2015

CartaCarbone 2015 festival letterario di autobiografia & dintorni alla sua seconda edizione a Treviso il; 15, 16, 17 e 18 ottobre 2015. Più che raddoppiata la programmazione di quest’anno che prevede la presenza di oltre duecento ospiti: scrittori italiani e stranieri, autobiografi e romanzieri, artisti con i loro spettacoli. E poi reading, mostre, performance, tavole rotonde, laboratori, giochi letterari, momenti per la promozione di esordienti, il concorso letterario e, come novità, la poesia. L’originalità di CartaCarbone è risultata essere un polo attrattivo non solo per i Trevigiani ma anche per chi, lo scorso anno, è venuto da tutta Italia per partecipare agli incontri. CartaCarbone, inoltre, ha avuto eco oltre i confini della nazione: al concorso letterario infatti, hanno partecipato persone che risiedono all’estero (Stati Uniti, Australia, Egitto) venute a conoscenza dell’iniziativa attraverso la fittissima rete attivata per l’occasione. CartaCarbone ha fatto rivivere il territorio e ha generato ricadute estremamente positive sull’immagine dello stesso.
Benefici che ci auguriamo siano destinati a crescere, consapevoli che l’arte e la cultura sono sviluppo e economia oltre che necessità, benessere e bellezza.
Ti aspettiamo a Treviso dal 15 al 18 ottobre. Vieni a visitare la nostra città d’acque e ad ascoltare gli ospiti che parleranno di poesia, narrativa, autobiografia pura e poi di musica e di pittura, forme differenti di una stessa intenzione: raccontare e raccontarsi. Perché raccontare è un’esigenza etica. Il nostro futuro si costruisce suciòcheèstatoesuciòche ci ha formati.
Dimenticare questo è negare la nostra ricchezza culturale. Riconoscerlo è anche riconoscerci.

Giovedì 15
Ore 12:00 | Chiostro del Museo di Santa Caterina
Inaugurazione della mostra di scultura di Giovanni Casellato per CartaCarbone
Ore 16:00 | Palazzo Rinaldi
Apertura lavori
Associazione Nina Vola, Istituzioni, Sponsor
Ore 17:30
Biblioteca Città Giardino Duccio Demetrio
Con Bruna Mozzi
Green autobiography
Duccio Demetrio, direttore scientifico della Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari, ci immerge nella letteratura green per scoprire che, come noi raccontiamo la natura, anch’essa si narra con i suoi linguaggi, le sue fisionomie, i suoi richiami.
Un libro che si rivolge a chiunque non voglia dimenticare tutto ciò che i mondi verdi o desolati, aspri, impervi della nostra Terra, dei nostri cieli, delle nostre acque ci offrono.
Ore 18:00
Auditorium Santa Caterina Antonia Arslan
Con Giandomenico Mazzocato
Il rumore delle perle di legno
I ricordi, usciti dalle loro scatole, dilagano nel cuore e prendono possesso della mente. Così, guardando il cortile dalla finestra, una donna torna bambina e ci conduce nel passato. Dopo La masseria delle allodole e La strada di Smirne, queste sono le note di un libro che è una sinfonia sulla memoria e sulla passione per le storie, porte sempre aperte verso il quotidiano degli altri, con colori infiniti e trame sempre uguali.
Ore 18:30 | Loggia dei Cavalieri Francesco Maino e Alessandro Cinquegrani
Il coraggio in letteratura: Cartongesso e Cacciatori di Frodo
In letteratura, coraggio è soprattutto raccontare la verità che sta nel disfacimento dell’esistenza umana, dei singoli individui, imbibiti dei medesimi mali contro cui essi si scagliano.
Personaggi intrappolati nella vita come cavie isteriche ma consenzienti, persino complici.
Complici deboli del mondo in cui sono immersi.
Nel binario morto della vita, si consumano storie di una dannazione, forse un vademecum su come diventare clandestini del pensiero nell’epoca della banalità.
Ore 19:00
Biblioteca Città Giardino Alfredo Zuppiroli e Emma Della Libera
Con Valentina Polati
Le trame della cura
Un medico racconta il senso di salute e malattia attraverso la sua esperienza, con l’aiuto di alcune storie che parlano non solo di ammalati ma di persone, di anime e di coscienze.
Sono storie che trasmettono quale sia il significato, per lui, di parole come Cura, Salute, Malattia. All’incontro parteciperà anche Emma Della Libera, che scrive per sensibilizzare l’opinione pubblica all’atassia di Friedrich, patologia ‘orfana di cure’ da cui è affetta.
Emma ogni giorno vive con entusiasmo e fiducia i suoi sedici anni perché, come lei stessa sostiene nel suo diario interattivo Trova il tempo, le avversità stimolano il coraggio.
Ore 19:30 | Quartiere Latino
(in caso di maltempo, Sala Clara Rosso Coletti)
Giovanni Turra
Con Marco Scarpa
Con fatica dire fame
Versi attenti, meticolosi nel controllo sapiente della struttura, delle elezioni linguistiche sempre accorte e cesellate. Coscienza poetica che emerge nella padronanza della trama versificatoria.
Flash autentici del vissuto restituiti in un dialogo itinerante tra l’io poetico e il lettore/auscultatore che è richiamato a guardare quel frammento di vita senza orpelli. Poesia fisica che non si nasconde e offre la nudità sensuale, l’orografia dei corpi, attraverso parole visive.
Ore 20:00 | San Gregorio Antonio Bortoluzzi
Con Fulvio Ervas
Paesi alti
Un ragazzino, una madre e la loro comunità di montagna diventano un vero compendio del mondo. Paesi alti, scomparsi e ritrovati. Nel 1955 il borgo montano chiamato le Rive non aveva nemmeno la tabella con il nome: qui si svolge la storia del giovane Tonìn, del suo lavoro nei prati e con le bestie, e di sua madre, donna austera e portatrice di fatiche e di segreti.
Attorno a loro una comunità antica e viva, testimone inconsapevole di un modo di vivere che sarebbe scomparso in pochi decenni.
Ore 20:30 | TRA Ca’ dei Ricchi
Libri vs film
Isabella Panfido
e Cineforum Labirinto
Una democratica sfida tra il testo e l’immagine: romanzi di grandi autori – contemporanei e non – contro i film che da essi hanno tratto ispirazione.
Nel corso dei primi due appuntamenti, Isabella Panfido ci guiderà nella lettura de Il giardino dei Finzi Contini di Giorgio Bassani (1962). La terza serata sarà invece dedicata alla visione del film diretto da Vittorio De Sica nel 1970. Appuntamenti: 8, 15 e 22 ottobre.
Ore 20:45
Auditorium Stefanini Francesca Mazzucato
Con Nicolas Alejandro Cunial
La passione, il corpo,
gli abissi: l’amore cattivo
Come l’amore degeneri in ossessione, fino a chiedersi senza riserve se sia mai stato amore. Un viaggio nella mente femminile e maschile, quella dei due protagonisti Nora e
Alessandro, attraverso tutto ciò che è istintivamente cattivo: diffiden-
za, paura, buio, freddo, ansia, perdita di controllo. Il libro porta il lettore a riscoprire e riscoprirsi, partendo dall’infanzia, l’età in cui tutto si forgia, fino ad arrivare all’età adulta, quella in cui tutto si rivela.
Ore 21:00 | Loggia dei Cavalieri
Cheap & Chic
Anni Sessanta: canzoni pop e versi d’avanguardia. Ideazione e regia di Donella Del Monaco
(Finestre sul Novecento)
Cheap&Chic, dedicato agli anni ‘60, è un incontro/scontro tra flash delle canzoni più celebri e dei testi surreali dell’epoca (Una Zebra a pois, Vengo anch’io, no tu no, Gechegechegechegè, Tintarella di luna… ) e l’enigmatica e provocatoria poesia dei poeti del gruppo ‘63 (N. Balestrini, E. Sanguineti, U. Eco) che Eco stesso descrive come rispecchiamento e contestazione di uno stato sociale e immaginativo disgregato. Canzoni pop e poesia d’avanguardia: due opposte realtà o due aspetti della stessa?

Venerdì 16

Ore 15:00 | Libreria Canova Barbara Fiorio
Con Ricky Bizzarro
Qualcosa di vero
Inizia tutto su un pianerottolo, la notte in cui Giulia, quarant’anni e nessun istinto materno, inciampa in Rebecca, quasi nove anni, figlia della vicina. Giulia le dà ospitalità e le racconta le fiabe della sua infanzia. Ma in ogni storia si può nascondere un cattivo.
E per sconfiggerlo le parole non bastano. Perché l’uomo nero può essere ovunque, e anche un pianerottolo può diventare famiglia.
Ore 15:30 | Palazzo Rinaldi Giuliana Altamura
Con Elia Russo
Corpi di Gloria
Gloria e Andrea, due fratelli ventenni, trascorrono l’estate in Puglia, nel villaggio di Riva Marina, una lussuosa distesa di ville bianche.
Gloria ha appena terminato il liceo e si rapporta al mondo con un distacco feroce.
Andrea, che studia Arte negli Stati Uniti, torna a casa per le vacanze assieme a un amico americano. La morte violenta di un amico, immerso in uno stile di vita senza prospettive, porterà gli altri a fare i conti con la necessità del cambiamento.
Ore 16:00
Auditorium Santa Caterina Fulvio Ervas
Con Sara Salin
Tu non tacere
Con questo nuovo romanzo tratto da una storia vera, Ervas si addentra con la delicatezza che gli è propria nel grande campo minato del diritto alla salute.
Incontra medici che si ribellano a una pressione ingiusta e persone poco disposte a diventare numeri e pura statistica; si dibatte tra speranze di vita, industria dei farmaci, conoscenza troppo incerta del corpo, industria delle assicurazioni e ragioni implacabili dell’economia.
Ore 16:00 18:00
Spazi Bomben – Fondazione Benetton Studi Ricerche
Parole allo specchio
Bruna Graziani Conduce Silvia Battistella
La scrittura autobiografica tra introspezione e svelamento
Scrivere di sé è intraprendere un viaggio, sollevare un velo, imparare un idioma. È un atto intenso e liberatorio, che richiede coraggio perché la pagina, come uno specchio, riflette ciò che di noi è più visibile ma, allo stesso tempo, può sorprenderci rivelando l’inaspettato. Guardarsi negli occhi e saper sostenere lo sguardo, accettandoci per come siamo, è anche gesto lieve e salvifico, leggero come il tratto che segna il nostro passaggio nel mondo.
Ore 16:00 | San Gregorio Alberto De Poli, Alessandro Toso, Fulvio Romero
Con Gianmarco Busetto
Social network
Social Network è uno sguardo lucido e disincantato sul variopinto mondo che gravita intorno alla Rete. Dove sta il confine tra il mondo del computer e quello fuori? Tre affermati scrittori trevigiani provano a esplorarlo con racconti che spaziano dal noir al pulp, ambientati nella loro città. Dopo quella di Signore e Signori oggi c’è una Treviso 2.0. O meglio: un po’ Treviso e per il resto Italia o mondo.
Ore 16:30
Sala Clara Rosso Coletti Nanni Balestrini con Lello Voce
Carbonia
Nanni Balestrini, storico esponente della neoavanguardia (gruppo dei poeti Novissimi, Gruppo 63) distintosi per il suo sperimentalismo spinto, in Carbonia narra la storia di un minatore e i suoi cinquant’anni di lotta alla luce delle lampade e all’ombra del carbone, dei viaggi sognati e fatti nel miraggio di condizioni di lavoro migliori.
Al ritorno in patria, la lotta disperata dei lavoratori aprirà nuove battaglie, per difendere prima il lavoro, poi la casa, infine persino se stessi.
Ore 16:3 0 | Loggia dei Cavalieri
Rhythm And Poetry: Hyst in performance
Con Federico Martino BigF e Nicolas Alejandro Cunial Artista/performer poliedrico, Taiyo Yamanouchi, meglio conosciuto con lo pseudonimo di Hyst, possiede una dirompente forza musicale che comunica energia, positività in un mix alchemico di racconto poetico, ricercato nella parola che incide, e di potente formula sonora. Con BigF, rapper e visual performer e Nicolas Alejandro Cunial, poeta e performer
di poetry slam, in un’azione inclusiva di arti combinate e potenti.
Ore 17:00 | Palazzo Rinaldi Saveria Chemotti
Con Paola Bellin
Gramsci: Lettere dal carcere
Antonio Gramsci, deputato del Partito Comunista, viene arrestato dalla polizia fascista nel 1926. Condannato a vent’anni di carcere, muore nel 1937. Tra le sue opere più importanti, accanto ai Quaderni del carcere, Le lettere dal carcere. Dal luogo di costrizione, la comunicazione con l’esterno diventa condizione primaria per la difesa e la conservazione dell’identità biopsicologica. La lotta per sopravvivere alla reclusione, connotandosi come un autoritratto che non cade mai nell’autobiografia romanzata, diventa autobiografia malgré soi.
Ore 17:30 21:00
Letture Capovolte
Itinerari cittadini
De Il Portolano e
Teatro Capovolto.
In collaborazione con Confcommercio Treviso
A cura di Silvia Battistella e Marika Tesser
Un piccolo viaggio – questa volta non soltanto metaforico – nell’universo autobiografico. Un percorso che si snoderà concretamente attraverso dieci stazioni del centro storico, in cui venti opere di Alessia Trentin, realizzate per CartaCarbone, dialogheranno con altrettante voci letterarie. L’obiettivo zoomerà di volta in volta a inquadrare dettagli di mondi vicini – scritture di autrici de Il Portolano – o ad allargare il campo su autobiografie più famose, proposte dagli attori del Teatro Capovolto. Appuntamenti: 9 e 16 ottobre.
Ore 18:00
Spazi Bomben – Fondazione Benetton Studi Ricerche Marco Aime
Con Marco Philopat
All’ Avogadro si cominciava a ottobre / Autobiografia di
un quinquennio
E tutti a parlare di giovani. Ma proprio tutti. Pareva la scoperta del secolo. Sembrava che prima di quegli anni la gente fosse sempre nata vecchia. Aime racconta i conflitti generazionali, le contestazioni politiche, la voglia di trasgredire e di vivere un’esperienza totale con altri compagni di viaggio in una Torino d’altri tempi. L’autobiografia di una torma agitata di giovani che, a differenza dei loro genitori, hanno potuto accedere allo studio superiore e che perciò si sono sentiti protagonisti di un mondo da cambiare completamente.
Ore 18:00 | San Gregorio Valeria Parrella
Con Francesco Maino
Assenza. Euridice e Orfeo
Un uomo, forse un ragazzo, ama una donna, forse una ragazza, e ne è riamato. Ma lei muore.
E lui rimane solo. Il mito di Orfeo e Euridice ci parla di questo.
Ma ci parla ancora?
E cosa può dirci di questo accadimento così comune eppure così unico, definitivo, come la perdita della persona amata? Valeria Parrella torna a confrontarsi con la classicità e, in questa novella, che diventa uno spettacolo teatrale, rielabora il mito con forza, originalità, coraggio e lo fa parlare ancora agli uomini e alle donne di oggi.
Ore 18:00 | Palazzo Giacomelli
Design e Letteratura: suggestioni e incroci
Con Cesare De Michelis
(Presidente Marsilio Editori)
Ennio Bianco (Unindustria Treviso), Hans Kruger e Angelica Meucci (Flowerssori), Carlo Leonardo Rosa (designer), Giampaolo Allocco (Delineo design), Antonio Perotti (artista), Paolo Fantoni (Fantoni spa)
Conduce Alessandro Russello (Direttore del Corriere del Veneto) Quale interazione corre tra la produzione di design e la produzione letteraria? Genesi e approccio possono essere gli stessi? La Letteratura ispira il design?
Design e Letteratura, entrambi partono da un’idea madre che si sviluppa, prende forma e diventa prodotto alla ricerca di un fruitore/estimatore. Entrambi tendono oggi, dopo la sovrapproduzione non sempre di qualità degli ultimi vent’anni, ad essere un prodotto di nicchia, che sfidi il tempo, che sia riconoscibile e che aspiri a diventare un classico, oltre le mode.
Ore 18:30
Biblioteca Città Giardino Giuliano Galletti
Con Nicola De Cilia
Il nostro tempo migliore
Daniele Padovan viene sconvolto da poche righe di cronaca su un giornale locale, che riferiscono la morte di uno stimato medico in un incidente stradale, il suo miglior amico ai tempi del liceo. Daniele cerca le tracce che gli sono rimaste dell’amico per ritrovarne il ricordo. La ricerca, dolorosa e necessaria, diventa l’occasione per scoprire il senso di un tempo migliore, nel quale i due amici, per pochi anni uno accanto all’altro, preparavano insieme la loro vita futura.
Ore 18:45 20:15
Orme e parole
FAI giovani, letture itineranti
Lettura itinerante di brani di prosa e poesia su Treviso. Verranno letti anche testi pervenuti dal pubblico di facebook scelti tra quelli che descrivono con maggior efficacia la città. Quello che più ne avrà colto l’essenza sarà premiato.
Ore 19:00
Auditorium Stefanini Marco Peano
Con Elena Sbrojavacca
L’invenzione della madre
Questa è una storia d’amore, il più antico e forte, forse il più puro che esista in natura: quello che unisce una madre e un figlio.
Lei è malata, ha poco tempo, e lui, Mattia sapendo che non potrà salvarla, eppure ostinandosi contro tutto e tutti dà il via a un’avventura privatissima e universale: non sprecare nemmeno un istante. Raccontando di questo ‘everyman’, Marco Peano ridà senso all’aspetto più inaccettabile dell’esperienza umana: imparare a dire addio a ciò che amiamo.
Ore 19:15
Sala Clara Rosso Coletti Tommaso Tommaseo Ponzetta Con Silvano Piazza
Gott mit uns
Il 30 gennaio ‘33 Hitler sale al potere e quando, nel ‘39, scatenerà la seconda guerra mondiale, i ragazzi della Hitlerjugend saranno diventati soldati pronti a combattere per un solo Capo. Sulla fibbia del loro cinturone si legge: GOTT MIT UNS (Dio è con noi). Tommaso Tommaseo Ponzetta, cimentatosi con la propria autobiografia, Il bisturi e la vita, assaporata la forza del linguaggio, si è spinto con Gott Mit Uns ad analizzare con finezza psicologica le contraddizioni dell’essere umano.
Ore 19:30 | San Gregorio
Dibattito sull’editoria indipendente
Marco Dalpane e Claudia Vio Con Vittorio Anastasia
Ogni cosa nuova nasce da un bisogno o da una mancanza, o da tutte e due: A simple lunch e Unica Edizioni sono nate dall’esigenza di pubblicare lavori, frutto di professionalità e passione. La crisi dell’industria discografica ed editoriale ha convinto Marco Dalpane e Claudia Vio a creare un’etichetta autonoma e indipendente.
È quindi anche un atto di resilienza: la capacità di battersi per il proprio lavoro e per la difesa della ‘bio-diversità’ musicale, letteraria e artistica.
Ore 20:00 | Loggia Dei Cavalieri
Poetry slam con Lello Voce Ospite: Nanni Balestrini
Con Simone Savogin
(campione italiano 2014-15), Dome Bulfaro, Tiziana Cera Rosco, Julian Zhara, Alessandro Burbank,
Nicolas Alejandro Cunial, Silvia Battistella, Maddalena Bergamin, Gianmarco Busetto Arriva a Treviso il Poetry slam, gara in versi inventata da M.K. Smith a Chicago nel 1986 e ormai tra le modalità più diffuse di proporre i versi al pubblico. Tra i partecipanti, il campione italiano 2015, Simone Savogin e altri poeti in una gara valida per il campionato italiano L.I.P.S. (Lega Italiana Poetry Slam).
A condurre sarà il più esperto degli EmCee italiani, Lello Voce, il poeta che ha importato l’evento in Italia nel 2001 e che per primo ha lanciato nel 2002 gli Slam internazionali. Ma il vero protagonista sarà il pubblico, che deciderà il vincitore.
Ore 21:00
Auditorium Santa Caterina Vivian Lamarque
Con Paola Bellin
Letture di: Teresa Vendramin, Giulia Zandonadi, Elia Russo
Poesia illegittima
Poesia della ricerca, della traccia ritrovata e risegnata, che arriva agile e veloce al lettore. Quasi con l’incanto delle favole. Versi semplici, versi bambini, che con limpidezza ed essenzialità di parole narrano e indicano la poesia della realtà. Dialogo tra l’io poetico e il mondo, anche doloroso, guardando negli occhi dell’altro accanto.
Empatia immediata e che giunge diretta grazie alla musicalità controllata del linguaggio, chiaro, dosato di ripetizioni, con l’attenzione dell’adulto che non vuole perdersi.

Sabato 17

Ore 10:00
Biblioteca Città Giardino Gianluca Barbieri
Con Alberto Fogliato
Il laboratorio delle identità. Dire io nell’epoca di internet Possiamo uscire indenni dai giochi di mascheramento e di simulazione innescati dall’uso dei nuovi media? In che modo il nostro corpo può con-
frontarsi con la dimensione virtuale del web? E la struttura del nostro
cervello risente di tutto ciò?
Nel libro si cerca di dare una risposta a queste e ad altre domande, facendo dialogare diverse discipline tra le quali la psicoanalisi, la psicologia dello sviluppo, le neuroscienze, la linguistica e la letteratura.
Ore 10:30 | Palazzo Giacomelli Serenella Antoniazzi, Romolo Bugaro e Roberto Fontana Modera Mariano Maugeri
I tempi della crisi: Io non voglio fallire e Effetto domino
La confessione senza censure di un’imprenditrice allo stremo che ha saputo lottare per sopravvivere, tra giorni bui e false speranze. Una piccola azienda artigiana strozzata dal fallimento cerca di resistere. Mettendoci l’anima, il cuore e la disperazione. Una donna forte e coraggiosa, che ha rimesso in discussione le priorità della propria vita. Serena si confronta con Effetto domino di Romolo Bugaro, scrittore di razza, e con il suo racconto della crisi, dove, quando l’onda d’urto arriva, tutti cadono come birilli. Due grandi storie dove si intrecciano fragilità e orgoglio di una imprenditoria per cui il lavoro rimane il valore fondante dell’esistenza.
Ore 11:00 | Chiostro ex Umberto I°
Street art con Ma Rea
2014. 30 aprile. Notte. Ferrara.
Distici e terzine compaiono su cestini del pattume. Sornioni. Inattesi. Nasce Cestinamenti. Seguono Imboscaletterarie. Nomen omen. Igienicamente. Elegantismi. Surgelamenti. Versi da bar. Sconfinamenti. Profilassi poetica. Ma Rea, all’anagrafe Andrea Masiero, ci fa dono di una Poesia fisica, commistione tra Parola e Ambiente.
Parola che trasforma.
Ambiente che la accoglie e la esalta. Entrambi al servizio di chi li incontra. CartaCarbone Festival ospita questo Artista con un saggio della sua Ars Poetica, scanzonata e provocatoria.
Ore 11:00
Auditorium Santa Caterina Giulio Giorello e Giovanni Boniolo
Con Luciano Franchin
Filosofia e Autobiografia
Chi è quel soggetto che nell’autobiografia dice io? Raccontarsi è diventare altro, è un esercizio filosofico in cui l’identità si scopre tramata da altre vite e l’io emerge come un doppio, triplo, multiplo. Per una filosofia del narrare e del narrarsi, una presa di coscienza dei limiti ma anche delle possibilità, per un’apertura verso l’altro, verso ciò che di più importante esiste: le relazioni, l’attenzione verso le persone, in un’ottica di convivenza pacifica tra culture e idee.
Ore 11:00 13:00 Spazio Paraggi
Il gioco della scrittura di sé
Lab Autobiografia
Il Portolano di Bruna Graziani Conduce Silvia Battistella
La scrittura autobiografica come scrittura dell’impossibile, dell’improbabile, dell’inaspettato
Per i bambini giocare è conoscere, esplorare, prender le misure del reale. Allo stesso modo, nella scrittura autobiografica l’elemento ludico è una lente bizzarra, che piazza e spiazza, disordinando l’ordine consueto e rassicurante con cui ci raccontiamo. Giocare il gioco antico della scrittura di sé, senza prendersi troppo sul serio, apre respiri larghi, autorizzandoci allo scherzo, all’ironia e perché no alla finzione feconda.
Ore 11:30
Sala Clara Rosso Coletti Giuliano Pasini
Con Valentina D’Urbano Intervento di Fulvio Luna & co
Il fiume ti porta via
Basta un trafiletto di giornale e Roberto Serra capisce cosa deve fare: è stato assassinato Mario Gardini, il medico che gli ha mostrato come ammansire la danza, la lucida allucinazione che gli fa rivivere alcune delle scene dei casi su cui indaga. Non gli resta che tornare in Emilia, a Pontaccio: ad attenderlo un mistero difficile da dipanare.
Pasini riporta Serra nei luoghi che lo hanno presentato ai lettori nel fortunatissimo Venti corpi nella neve per un noir avvincente.
Ore 12:00 | TRA Ca’ dei Ricchi
Ricordando il Ghiottone Veneto di Giuseppe Maffioli Con Caterina Vianello e Giuseppe Barbanti
Giuseppe Maffioli, gastronomo e uomo di cultura: regista teatrale, attore cinematografico, autore per la radio e la televisione, scrittore. Quest’anno ricorrono i 90 anni dalla nascita e i 30 dalla scomparsa. L’umanista trevigiano ha lasciato, in eredità, tra le altre opere, una dozzina di libri di cucina con migliaia di ricette a testimonianza della storia della cucina, veneta in particolar modo e della sua evoluzione. L’evento è curato da Mirko Sernagiotto ed Elisa Carrer, responsabili dell’Archivio Maffioli.
Ore 12:00 | Loggia dei Cavalieri
Ore 12:00 -14:00 Loggia dei Cavalieri Autori vari
Poster
La sessione di Poster è ideata come una vera e propria galleria di autori con particolare attenzione per quelli esordienti che sarà allestita alla Loggia dei Cavalieri. Ad ogni autore verrà assegnata una postazione che gestirà autonomamente.
Durante l’arco di tempo di due ore, potrà ‘catturare’ i visitatori del festival per farsi conoscere, stabilire un contatto diretto con loro, raccontare aneddoti, curiosità sui contenuti dell’opera ma anche sulle motivazioni e le peripezie della pubblicazione.
Ore 14:00
Sala Clara Rosso Coletti FAI giovani
Treviso si racconta attraverso i suoi affreschi
Gli affreschi presenti sulle pareti di tanta parte della nostra città sono un patrimonio culturale che può passare inosservato o del quale non si conoscono molte affascinanti vicende. Saranno i ragazzi del FAI Giovani e le loro letture a raccontare Treviso attraverso i suoi affreschi.
La presentazione avverrà grazie alla collaborazione della Fondazione Benetton Studi Ricerche nell’ambito del progetto di ricerca Treviso Urbs Picta. Particolare rilievo sarà dato al lavoro di restauro di un affresco adottato dal FAI Giovani.
A seguire, sarà offerta una degustazione di tè.
Ore 14:30 | San Gregorio Valentina D’Urbano Con Giuliano Pasini
Quella vita che ci manca
Un romanzo sull’amore quello di Valentina D’Urbano, giovane scrittrice di talento. Un amore spietato come solo quello tra fratelli può essere. Ma è anche un romanzo sull’unico altro amore che possa competere: quello che irrompe come il buio in una stanza piena di luce, quello tra un ragazzo e una ragazza, contro tutto e tutti.
Ore 15:00
Biblioteca Città Giardino Annalisa Bruni,
Stefano Pittarello
Con Saveria Chemotti
Langenwang, ovvero il disastro della puntualità Raccontare una storia e contemporaneamente la Storia, quella con la esse maiuscola, attraverso un evento che ha toccato non soltan-
to i diretti protagonisti ma anche una comunità, anzi, la collettività
tutta. Una storia fatta di tante piccole storie che si sono incontrate e intrecciate per saldarsi in modo inatteso, per sempre.
Gli ingredienti narrativi ci sono tutti: un viaggio, una storia d’amore (anzi due storie d’amore), un epilogo che romperà molti equilibri.
Ore 15:00 | Loggia dei Cavalieri Incontro spettacolo
Con Luigi Dal Cin
Primi mesi di scuola: piccoli trucchi per difendersi
Sei forse tra quelli che pensano che uno scrittore che ha scritto 100 libri per ragazzi andasse bene a scuola in italiano? Vorresti conoscere i suoi segreti? Anche tu non sai come prepararti per la verifica? Anche a te hanno rubato la bici mentre eri in classe?
Anche tu arrivi sempre in ritardo a scuola e non sai più come giustificarti con la maestra?
Niente Paura! Lo scrittore Luigi Dal Cin vi presenterà le sue personalissime soluzioni raccolte dalla sua personalissima esperienza.
Ore 15:30 Spazi Bomben – Fondazione Benetton Studi Ricerche Cristiano Dorigo, Marco Crestani, Francesco Jori
Ore 16:00 | San Gregorio Nguyen Chi Trung
Con Alberto Trentin
Venti
Nell’autunno del 1992, il poeta si domanda come il suono della morte viva nel vento, nei luoghi dove la concretezza dei suoi studi matematici si contrappone all’astrattezza di quelli filosofici.
Nella più antica filosofia indiana, il soffio e il vento sono il cardine della vita. E poi il rimbombo della teoria astrofisica del Big Bang. A tratti, nel cielo convulso, il poeta scorge un movimento di astri. Che sposta l’aria e il destino della materia, nell’universo che è un gas caldissimo di particelle elementari in rapida espansione.
Ore 16:00 | TRA Ca’ dei Ricchi
Viaggio oltre il sipario
Con deSidera e Duse’s Blush
deSidera è una rivista di libera letteratura, poesia, arte e critica.
Carta stampata ma anche collettivo di giovani che, accanto alla tradizione, amano l’ecletticità delle arti. Vincente perciò l’incrocio con Duse’s Blush, giovane gruppo teatrale nato da un corso di studi sulle tecniche di recitazione statunitensi ideate da Sanford Meisner, Uta Hagen e Robert Lewis legati al Group Theatre di New York, dove l’arte di Eleonora Duse era fonte d’ispirazione e ricerca.
Cartoline dal fronte, L’anarchico Emilio e Ne uccise più la fame
La Grande Guerra vista da una diversa angolazione, più nascosta.
In Cartoline dal fronte di Dorigo e Crestani la guerra viene vista attraverso frammenti di memoria che rievocano immagini e aprono improvvisi scorci di quotidianità. Allo stesso modo, Jori nel suo libro, Ne uccise più la fame, ripercorre gli anni di guerra vissuti dai civili nelle retrovie delle città, dei piccoli paesi, borghi, vie, dando voce ai dimenticati di una guerra in cui gli atti eroici furono gli sforzi per sopravvivere alla fame.
Ore 16:00 | Palazzo Giacomelli
Andrea Rachello tra impegno civico e imprenditoriale Modera Daniele Ferrazza
La vita di Andrea Rachello è allacciata a Musestre di Roncade così come la piccola frazione bagnata dal fiume Sile è allacciata a questo imprenditore. Il libro è un percorso a ritroso nella vita di quest’uomo e della frazione sulle sponde del Sile, in cui risiede.
Il suo impegno non è riassumibile solo negli obiettivi conseguiti dall’azienda ma anche in quello intrapreso tra gli industriali di Treviso e nel Gruppo delle industrie molitorie, pastarie e dolciarie di Confindustria.
Ore 16:30 | Libreria Canova Cristiana Sparvoli
Con Cristina Greggio
Memorie di cucina e tradizioni di una comunità
Non un semplice ricettario, ma uno scrigno che raccoglie le testimonianze dei nostri vecchi saggi, nelle case di riposo di Agordo, Alano di Piave, Belluno, Feltre e di altri luoghi. Le tradizioni del filò nel Bellunese, dell’arte del bucato, dei matrimoni del tempo, dell’arte del gelataio, della storia della birra di Pedavena.
Ore 17:00 | Palazzo Rinaldi Roberta Dapunt
Con Anna Orlando
Le beatitudini della malattia
I versi della Dapunt alternano parole e silenzi in modo sapiente, sono un dialogo con un sacro che si manifesta nei misteri del quotidiano. E il primo mistero è la demenza, il malato di Alzheimer, una forma di Altro sospeso in un luogo apparentemente metafisico, ma nello stesso tempo persona, corpo, snodo di concentrazioni affettive.
Una forma di misticismo riflesso dove il vero mistico è il malato, che si può soltanto interrogare senza avere risposte, che si può soltanto accostare con amorosa ritualità.
Ore 17:30
Auditorium Santa Caterina Moni Ovadia
Ideatore, regista, attore e capocomico di un teatro musicale in cui le esperienze si innestano alla vena di straordinario intrattenitore, oratore e umorista. Filo conduttore della sua vastissima produzione discografica e libraria è il vagabondaggio culturale e reale proprio del popolo ebraico, di cui egli si sente figlio e rappresentante, in un’immersione continua in lingue e suoni di una cultura che le ideologie totalitarie del ‘900 avrebbero voluto cancellare, e di cui si fa memoria per il futuro.
Ore 17:30 | Loggia dei Cavalieri
Chance
Enrica Bacchia (Vocal), Massimo Zemolin
(7 string Guitar),
Stefano Graziani (Guitar)
Nel progetto Chance, maturato in occasione del convegno di Psicoterapia Gestalt Emozioni in scena, voluto dal dott. Paolo Baiocchi, le sonorità jazz del duo Bacchia / Zemolin si fondono con quelle di sapore più melodico del chitarrista Stefano Graziani. La 7 string guitar di Massimo, la chitarra di Stefano e la voce di Enrica ricreano un sound essenziale e pulito. La naturalità con cui viene proposto esalta la genuinità e le emozioni legate all’atto artistico.
Ore 18:00
Spazi Bomben– Fondazione Benetton Studi Ricerche Kader Abdolah
Con Alberto Trentin
La scrittura cuneiforme
Lo scrittore iraniano racconta la Storia dei potenti che si intreccia con la vita semplice, spesso sofferta, degli umili, l’amore di Ismail, carico di nostalgia per la patria, con quello intimo e dolente per il padre, gli ideali di giustizia e libertà con l’impegno a parlare per chi non può più farlo.
E ancora una volta, l’incontro tra Persia e Occidente, tra montagne iraniane e dune olandesi, tra una poesia icastica e lieve e una lingua sobria, intesse motivi inattesi e preziosi, figure mitiche e fiabesche nella trama della nostra cultura.
Ore 18:30 | Quartiere Latino
(in caso di maltempo,
Sala Clara Rosso Coletti) Francesco Targhetta Con Simone Maria Bonin
Le cose sono due:
poesia e narrazione
Poesia che osserva, attenta e puntuale, a tratti puntigliosa, l’umanità che corre, latita, attende, si illude. A partire dall’immersione a piene mani dell’io poetico nel reale vissuto e guardato con osservazione acuta, riconoscendo l’amara contraddizione dei molti e dei nessuno, invischiati nella solitudine reciproca. Poesia che porta alla luce, con ironia e amarezza, la precarietà esistenziale, l’immobilità di un pensiero collettivo periferico, che fatica al
passo con i tempi, inadeguato nella sua sedimentazione.
Ore 18:30 | TRA Ca’ dei Ricchi
The General
Buster Keaton
(U.S.A. 1926/27, 75 min.)
Film concerto:
cinema & musica dal vivo con Marco Dalpane al pianoforte
A cura di Pietro Bertelli (Finestre sul Novecento)
The General, da tutti considerato uno dei massimi capolavori della storia del cinema, è un film che esalta lo straordinario genio di Buster Keaton. Un film comico che è anche un trascinante racconto di azione e di avventura. Marco Dalpane, musicista che sonorizza i film muti, nutre la tradizione con una sensibilità moderna e originale.
Ore 19:30
Auditorium Santa Caterina Stefano Benni
con Giuliano Pasini e Valentina D’Urbano
Cari mostri
Stefano Benni sfida l’orrore con ironia, attingendo al grottesco, tuffandosi nel comico, tastando l’angoscia. Lo fa, in omaggio ai suoi maestri, rammentandoci di cosa è fatta la paura. E finisce con il consegnarci una galleria di memorabili mostri. Benni scende negli anfratti del Male per mettere disordine e promettere il brivido più cupo e la risata liberatoria.
Ore 20:30 | San Gregorio
Nove colori e una voce per tre cantiche
Con Ivano Marescotti
All’arpa: Alessandro Tombesi A cura di Annamaria Rosin Nove colori e una voce per tre cantiche presenta la lettura integrale di tre canti della Divina Commedia: il I, il V e il XXVI dell’Inferno recitati da Ivano Marescotti, grande attore, interprete di oltre 60 film, che ha lavorato, tra gli altri, con Silvio Soldini, Marco Risi, Pupi Avati, Carlo Mazzacurati, Marco Tullio Giordana. La lettura dei canti sarà accompagnata da suggestive video proiezioni realizzate in collaborazione con i ragazzi della scuola
Manzoni di Bastia di Rovolon. All’arpa: Alessandro Tombesi.

Ore 21:30 | Loggia dei Cavalieri
Teresa De Sio e Valerio Corzani
Coreconcerti | Goodness presentano: L’attentissima Teresa De Sio torna dal vivo con il reading tratto dal suo romanzo L’Attentissima (Einaudi), accompagnata dal musicista, giornalista e conduttore radiofonico di Radio3 Valerio Corzani. Letture e musiche si mischiano in un’unica narrazione dai toni fortemente emozionali. Il tessuto del romanzo si srotola e riavvolge senza mai svelare la trama ma tenendo gli ascoltatori sospesi in vicende d’amore che si tingono di toni noir.
Domenica 18
Ore 9:30 11:30 | Sala Ipogea
Libriccini a spasso laboratorio di burattini l’aprisogni
(Dai 5 ai 10 anni)
Museo di Santa Caterina Conducono Cristina Cason e Paolo Saldari
Li abbiamo incontrati in giro per la città, appollaiati sul parapetto del sottoportico dei Buranelli, alla Fontana delle Tette, seduti sulle panchine del Lungosile a guardare le papere nuotare. Affacciati al Ponte San Francesco, osservavano i giri senza fine della ruota del mulino. Piccoli amici che, legati con un nastro al polso, potrai far camminare, saltellare, sedere sul bordo del tavolo, far dormire in un lettino-scatola o… nel tuo.
Vieni anche tu a creare la tua marionetta da polso!
Ore 10:00 | Loggia dei Cavalieri Bruno Tognolini
La letteratura per ragazzi è un modo di fare il domani
da oggi?
Lettori e scrittori di biografie lo sanno bene, e la parola biografia lo dice: fra storie e vite c’è un circolo sanguigno che va e viene. Le
vite scrivono le storie e le storie cambiano le vite. Se noi scegliendo
i libri che leggiamo orientiamo le nostre vite, scegliendo i libri che i nostri bambini leggono orientiamo le loro: cioè il futuro. L’autore ci propone un’escursione, ricca di rime e storie, nel compito ineludibile degli adulti: la costruzione del domani per interposto bambino.
Ore 10:30
Biblioteca Città Giardino Stefania Laurora
Con Marta Celio e Manuela Tirelli
Solo un salto e la ragione diventa follia
No, non sono schizofrenica. Sono borderline. Almeno così dicono, gli risposi sogghignando, come se la cosa fosse divertente.
E cosa vorrebbe dire borderline? All’ombra di una donna che vive la vita con buonsenso e ironia, si nasconde il demone della malattia mentale. La protagonista lo affronta a viso aperto, riflettendo sulla natura degli stati di alterazione psichica che sperimenta, ripercorrendo le esperienze dei ricoveri e inter-
rogandosi su quale sia il confine tra ragione e follia.

Ore 11:00
Auditorium Santa Caterina Paola Mastrocola
Con Antonella Prigioni
L’esercito delle cose inutili
Cos’è che riempie davvero la nostra vita? Anche quando fai la cosa più inutile del mondo – che sia raccogliere conchiglie, trapiantare primule, trascinare stancamente i tuoi passi, invecchiare, amare qualcuno in silenzio – puoi trovare una scintilla di vita, un lampo di senso, uno scatto inaspettato. O persino te stesso. Perché l’inutilità – sembra dirci Paola Mastrocola con questa sua storia che coinvolge ed emoziona – è soprattutto un sentimento.
ORE 11:15 | San Gregorio
Presentazione del progetto OFFI-CINE Veneto
Con Stefano Pesce e Cristina Magoga
OFFI-CINE VENETO è il nuovo progetto di formazione e produzione in campo cinematografico che propone corsi triennali dedicati ai mestieri del cinema tenuti da registi, scenografi e attori professionisti.
Il cinema esiste, vive più che mai nel dialogo con le altre arti: comprende la pittura e la fotografia, la scultura e l’architettura, la musica e il suono, la danza, la parola e la scrittura, le macchine e la natura.
Il progetto ha il sostegno di Confindustria Veneto e della Regione Veneto.
Ore 11:30 | TRA Ca’ dei Ricchi Massimiliano Santarossa Con Bruna Mozzi
Metropoli
Metropoli narra la vita di un uomo perso in un futuro prossimo a noi vicinissimo: un luogo confinato dentro vastissime mura, innalzate per proteggersi dal nulla esterno, un sistema chiamato Metropoli dove tutto ha avuto inizio e dove tutto ha trovato fine. Il racconto di un uomo, del suo coraggio nell’affrontare il buio che invade ogni spazio della vita, della terra e del cielo, la volontà di porre strenua resistenza al nuovo sistema totalitario, in nome della parola più importante, Libertà.
Ore 11:30 | Loggia dei Cavalieri
Premiazione
concorso letterario
Guida per principianti all’uso della notte
A cura di Kellermann editore Non basta pensare che la notte serva per dormire, da soli o in compagnia? O forse per lavorare, per chi deve farlo? Non sappiamo rispondere. Dobbiamo ancora imparare a usarla, la notte.
Ecco perché ci aspettiamo che qualcuno ce lo indichi. I dieci racconti selezionati, comporranno un’antologia edita da Kellermann.
Ore 12:00
Auditorium Stefanini Giandomenico Mazzocato Con Paolo Calia
Delitto sulla collina proibita
Il noir di Gian Domenico Mazzocato è basato su fonti documentarie (i diari di don Fervido, la Gazzetta di Treviso, riportate nel testo con impaginazioni e stili diversi), ricostruite in una narrazione che, di quando in quando, vira al gotico e ricorda le atmosfere claustrofobiche e gelide di La casa dalle finestre che ridono di Pupi Avati.
Il romanzo è caratterizzato da un buon uso del dialetto locale e da
una notevole aderenza al territorio e alle sue prerogative, soprattutto naturali.
Ore 12:00 | Quartiere Latino
(in caso di maltempo, Sala Clara Rosso Coletti) Antonio Turolo
Con Marco Scarpa
Evitamento
Versi che entrano nell’autobiografismo senza mediazione e senza necessità terapeutiche. Scandagliano e si restituiscono integri all’onestà del sentire. Versi intrisi di storia familiare e di vita vissuta, frammentata e ricucita, che non si lasciano sfuggire l’occasione di guardare dritto negli occhi chi ascolta. Parola limpida che rifugge gli equilibrismi e dice amarezze, illusioni, disillusioni, dipana fili di armonia semantica. Lingua chiara, luminosa, che irradia l’opacità dell’esperienza e che traccia la linea di demarcazione tra l’io riconosciuto e il mondo sfuggente.
Ore 14:00 -16:00 Loggia dei Cavalieri
#Juke-BOOKS Libri in ascolto
Libreria Marco Polo
Il libraio e la libraia della Marco Polo di Venezia si esibiscono in un jukebox vivente di libri.
Il pubblico sceglie i libri del JukeBOOKS da una lista distribuita dai librai. A suonare, saranno letture, storie e consigli.
Ore 14:30 | San Gregorio
CartaCarbone festival letterario si fa Poesia UNOpuntoUNO e UNOpuntoDUE
Incontro tra generazioni nell’antologia di Samuele editore che raccoglie i testi di 13 poeti protagonisti di UNOpuntoUNO e UNOpuntoDUE, eventi prefestival dedicati alla poesia. Il primo, con poeti affermati, in onore di Calzavara, è stato curato da Lello Voce. Il secondo, con gli emergenti, da Paola Bellin. I testi delle voci più significative del panorama poetico della terra trevigiana verranno presentati nella deliziosa veste grafica dell’antologia edita da Samuele editore CartaCarbone festival letterario si fa Poesia.
Ore 15:00
Sala Clara Rosso Coletti
Lo storytelling crossmediale Donne Si Fa Storia:
Reportage in zona di guerra Francesca Tosarelli, Emanuela Zilio, Cristina Greggio
Con Cristiana Sparvoli
Quando le informazioni e le storie vengono scritte e pubblicate at-
Ore 14:00 | Chiostro ex Umberto I° Giorgio Battistella
L’Amor che move il sole e
l’altre stelle
Dentro al Canto XXXIII del Paradiso di Dante Alighieri
Il momento di ascolto condotto da Giorgio Battistella si caratterizza per un’introduzione intensa, seguita dalla recita integrale a memoria del Canto. L’approccio rende l’Opera dantesca accessibile anche ai meno esperti e stimola un coinvolgimento non soltanto culturale, ma soprattutto emotivo, interiore. Uno spazio finale di dialogo con il pubblico permetterà di esprimere ad alta voce le risonanze personali che la parola poetica ha suscitato traverso la contaminazione tra i diversi media ascoltiamo, vediamo e interagiamo con una narrativa di tipo crossmediale. Entrano così in connessione e si integrano tra loro più mezzi di comunicazione, dando vita a nuove piattaforme digitali nelle quali il racconto genera un’esperienza di coinvolgimento che interessa tutti i nostri sensi. Lo storytelling crossmediale, la Storia e le storie di una coraggiosa reporter di guerra sono il focus di questo incontro così come del progetto Donne Si Fa Storia.
Ore 15:00 17:00
Spazi Bomben – Fondazione Benetton Studi Ricerche
La scrittura in pillole di Bruna Graziani Conduce Fabrizio Cocco, editor Longansi
In un testo, la scelta della parola giusta può fare la differenza.
E così pure un punto o una semplice virgola e ancora di più un verbo o un sostantivo. La forma, lo stile, non c’entrano con la ‘bella scrittura’.
La forma è sostanza. Scrivere è lavoro duro, artigianale. È coraggio e impegno. È riscrittura e rilettura.
È ascolto di chi, con consigli di
esperto, ti fa risparmiare tempo, fatica, accende le tue frasi, chiari-
sce dettagli di cui non ti eri curato, ti illumina sui piccoli grandi segreti dello scrivere.
Ore 15:30
Auditorium Santa Caterina Paolo Maurensig
Con Elena Filini
Teoria delle ombre
L’ultima traversa e L’arcangelo degli scacchi, come il famoso libro La variante di Lüneburg, sono legati dal filo rosso della passione per gli scacchi. E così anche Teoria delle ombre. Storie capaci di accendere sensazioni forti e riflessioni, in un appassionante intrecciarsi di sfide, fede e amore. L’incontro con Maurensig proseguirà alle 18 Chez Donella (via Postumia 41, Treviso), studio di registrazione di Donella Del Monaco, per un aperitivointervista con l’autore che verterà sulle canzoni cantate da Milva per la versione teatrale di La variante di Lüneburg.
Ore 15:30 | Spazio Paraggi
Lab Fumetti TCBF (5-14 anni) Conduce Marina Girardi Laboratorio di autobiografia a fumetti per bambini con Marina Girardi, a cura di Treviso Comic Book
Festival. Autrice di storie a fumetti e canzoni illustrate, Marina è diplomata al corso di Fumetto e Illustrazione all’Accademia di Belle Arti di Bologna. Intratterrà i bambini allo Spazio Paraggi in un entusiasmante laboratorio di fumetti.
Capriole
In occasione del festival, Marina Girardi esporrà le sue opere presso Papermedia Carattere studio in una mostra dal titolo Capriole, ispirata al suo ultimo libro (Capriole, 128 pp, Topipittori 2015, Collana Gli anni in tasca). In montagna dove sotto i nomi dei luoghi, fra gli alberi e le sorgenti, vivono storie bellissime è bello imparare a cantare mentre si fanno i lavori della campagna, scoprire che per fare uscire il sole basta fare la polenta.
Ore 16:00
Spazi Bomben – Fondazione Benetton Studi Ricerche Luciano Cecchinel
Con Giovanni Turra
In silenzioso affiorare
Poesia che si afferma ed esprime in più lingue, dal dialetto di Revine, all’inglese dei migranti, all’italiano, nella necessità del dato biografico, non sempre immediato, talvolta eletto ad emblema decodificabile con pazienza. Versi che riflettono l’immersione sofferta e simbiotica con l’ambiente da cui l’Io-reale e io-lirico trasudano avvertendo un mondo condannato e sofferto al non ritorno. Ma la poesia è memento; la lingua, le lingue restituiscono, nell’asperità fonica, franta e tagliente, distillati di architetture sintattiche in bilico tra l’oralità e la scrittura.
Ore 16:30 | San Gregorio Tijana Djerkovich
Con Stefano Brugnolo
Inclini all’amore
È possibile per una giovane donna diventare l’erede di una storia al maschile? Sì, se si è inclini all’amore e se si possiede l’arte del racconto. La vita nasce da un sasso gettato nell’acqua: un indifferente masso pronto a generare cerchi magici, dal primo, il più piccolo, fino all’ultimo, il più grande. Arianna è proprio l’ultimo grande cerchio: nonostante sia minuta e fragile, rappresenta l’abbraccio che contiene il ricordo degli avi, tutti maschi, i cerchi più piccoli che l’hanno generata.
Ore 17:00 Auditorium Stefanini
Il Migliore di me
Spettacolo in forma di regalo di e con Vasco Mirandola
Vasco Mirandola ci porta a fare un viaggio in un Teatro costruito sulla propria pelle, modellato sugli appuntamenti della vita, le scoperte, le sconfitte. Il pubblico avrà l’occasione di vedere senza trucco e senza inganno come nasce un personaggio, da dove prende vita un testo, come si forma un’idea artistica. Il migliore di me è anche un dovuto ringraziamento al pubblico, che muove un artista a sfidarsi sempre, a non scappare, a rialzarsi, a mettere un passo dopo l’altro, a
camminare, a correre, saltare, volare, sognare.
Ore 17:00 | TRA Ca’ dei Ricchi Francesca Marciano
Con Alberto Trentin
Isola grande, isola piccola
L’autrice di Casa rossa raccoglie nove racconti incandescenti, eleganti, commoventi, che esplorano il cambiamento sia nelle relazioni che nella geografia, attraverso culture diverse, per rivelarci aspetti di noi stessi che non conoscevamo. Illuminato dallo sguardo limpido di Francesca Marciano, ricco di svolte sorprendenti, di incontri fortuiti, di riflessioni originali, il libro ci parla della gioia che c’è nella riscoperta di noi stessi e dell’ironia contenuta in ogni atto di reinvenzione.
Ore 17:30
Auditorium Santa Caterina Lucia Annibali, Giusi Fasano, Annalisa Bruni
Con Sergio Frigo
Io ci sono.
La mia storia di non amore Lucia Annibali ripercorre la sua storia con l’uomo che la sfigurò con l’acido il 6 aprile 2013: dal corteggiamento al processo racconta i momenti dell’emozione e quelli della sofferenza; racconta l’acido che scioglieva il suo viso (Un minuto dopo la belva era ammaestrata) e
poi i mesi bui e dolorosissimi, segnati anche dal rischio di rimanere cieca. Per la sua tenacia, la sua determinazione e il coraggio di mostrarsi, oggi Lucia è diventata un’icona, punto di riferimento per tutte le altre donne. Inserti poetici tratti da Andando a capo (prima di finire la riga) di Annalisa Bruni.
Ore 18:00 | Loggia dei Cavalieri Paolo Nori
Con Mitia Chiarin
La piccola battaglia portatile
La Battaglia è una bambina che quando aveva otto anni, la prima volta che è andata a dormire in un albergo, a Torino, quando è arrivata alla stazione di Torino Porta Nuova si è fermata davanti al tabellone delle partenze ha allargato le braccia ha detto Che città meravigliosa.
Ed è una bambina, la Battaglia, che nel dicembre del 2010, quando aveva sei anni, saltava sul letto diceva Io salverò il mondo dall’umanità, io salverò il mondo dall’umanità.
Ore 18:30
Sala Clara Rosso Coletti Gabriele Romagnoli
Con Sara Salin
Solo bagaglio a mano
In ogni istante, anche ora, anche intorno a voi, finiscono amori, si sgretolano patrimoni, vengono cancellate esistenze irrinunciabili e contemporaneamente si accendono altre passioni, crescono nuove fortune, sbocciano splendide vite. Gabriele Romagnoli centra uno dei temi decisivi della società contemporanea e della sopravvivenza globale e scrive una delle sue opere più saporite, il racconto di una rinascita, di un risveglio. Senza magniloquenza. Senza arroganza.
Ore 18:30 | San Gregorio
Tratti primi e Road Trippin
Simone Maria Bonin,
Riccardo Fabiani
Con Paola Bellin
Esperienze di viaggio e di incontri che si fanno urgenze poetiche e grafico-poetiche.
Simone Maria Bonin si racconta nelle forti esperienze dell’essere altrove, in Costa Rica a quindici anni dove tutto è cominciato, dove si è conosciuto e ha sentito il desiderio del fare poesia, del ritorno in Europa dove il desiderio è diventato necessità di esplorazione dell’io.
Riccardo Fabiani racconta il suo bisogno di svoltare dalla parte opposta a quella abituale uscendo di casa. E camminare, oltre, per stupirsi ad ogni volto incontrato, ad ogni frase, a cenni auscultati che traducono lo stupore in segni, parole, graffi. Parole ed immagini sedimentate e restituite in anni di viaggio nella vita.
Ore 19:00 Auditorium Stefanini Loriano Macchiavelli Con Giuliano Pasini
Di ferro e di fuoco, storia di un eroe invisibile
Macchiavelli ripercorre i momenti salienti della vita di un anti-eroe, un protagonista invisibile della storia nazionale: Gustavo Trombetti, comunista, partigiano e cooperatore. Nato nelle campagne bolognesi, emigrò a Parigi e, al suo rientro, fu condannato a dieci anni di reclusione a Turi, dove conobbe Gramsci, di cui fu compagno di cella, amico e sostegno nelle sofferenze della prigionia.
È grazie a un espediente ideato da Gramsci e attuato da Gustavo se i Quaderni del carcere sono arrivati sino a noi.
Ore 19:30
Auditorium Santa Caterina Francesco Piccolo
Momenti di trascurabile (in) felicità
Ridere dei momenti di tristezza è un controsenso di quelli che possono cambiare la giornata. Eppure, a saperli prendere, i contrattempi, gli accidenti, i lancinanti dolori momentanei, spesso risultano esilaranti. Purché siano di entità trascurabile e vissuti con allegria, appartengono di diritto alla gioia di vivere. E nessuno saprebbe raccontarlo meglio di Francesco Piccolo, che dei momenti di cui è fatta la vita ha composto una perfida e divertentissima enciclopedia portatile.
Ore 21:00 | Loggia dei Cavalieri
E per finire: Circottoni!
A cura di Pietro Bertelli (Finestre sul Novecento)
I Circottoni, gruppo di ottoni, giocolieri della musica, guardano alla letteratura in modo divertito e fisico: gli artisti suoneranno e giocheranno fra di loro con libri, fogli stampati e… carta carbone, in una allegra processione di chiusura, il 18 ottobre, alla Loggia Dei Cavalieri e dintorni.

 

fonte e info:
Nina Vola Associazione Culturale
tel. 328/0208784 cell. 335/6764694
info@cartacarbonefestival.it www.cartacarbonefestival.it

TTL Staff © redazione@time-to-lose.it - www.time-to-lose.it












Categorie

Archivio