Tags: ,
Categorie: Eventi

I martedì al Cinema a tre euro a Treviso e provincia


I martedì al Cinema a tre euro a Treviso e provincia

Tornano a Treviso e provincia nel mese di maggio I martedì al Cinema con la Regione Veneto. A partire dal 3 maggio 2016 tutti i martedì si potrà assistere ad opere cinematografiche d’autore al costo ridotto di tre euro. I martedì al cinema, iniziativa organizzata dalla Federazione Italiana Cinema d’Essai (FICE) delle Tre Venezie, l’Associazione Generale Italiana dello Spettacolo (AGIS) delle Tre Venezie, Regione del Veneto.
strong>Tutti i martedì del mese di maggio 2016, i martedì al cinema porteranno nelle sale cinematografiche di Treviso e provincia aderenti alla Fice opere cinematografiche d’autore che saranno fruibili al pubblico al costo ridotto di tre euro. Ogni settimana gli appassionati di cinema potranno verificare quali opere sono in cartellone a tre euro sul sito internet www.spettacoloveneto.it, oppure attraverso l’applicazione per smartphone e tablet APP al Cinema.

Tre sono le opere in programma al Multisala Corso per questo primo martedì di maggio. Alle 17.30 inizia la proiezione di La foresta dei sogni (Drammatico, USA 2015, 110’) di Gus Van Sant. Sono l’amore e il rimorso a condurre Arthur Brennan all’altro capo del mondo, in Giappone, nella foresta fitta e misteriosa di Aokigahara, nota come la foresta dei sogni, situata alle pendici del Monte Fuji. Un cammino di riflessione e di sopravvivenza che conferma la voglia di vivere di Arthur e gli fa riscoprire l’amore per la moglie. Alle 17.30, 20.00 e 22.00 si potrà assistere a The Dressmaker – Il diavolo è tornato (Commedia sentimentale, Australia 2015, 118’) di Jocelyn Moorhouse. Il film è ambientato nel 1951. Tilly Dunnage, affascinante e talentuosa stilista, dopo aver lavorato per anni per i più grandi atelier parigini di haute couture, decide di far ritorno a Dungatar, un piccolo paesino nel sud est dell’Australia. Dopo quasi 20 anni di assenza, Tilly, che, ancora bambina, ha dovuto abbandonare la città natale in seguito a un tragico evento, torna per stare accanto all’eccentrica madre, Molly, e affrontare un passato scomodo e doloroso. Infine, alle 20.00 e 22.00 è il turno di Lo Stato contro Fritz Bauer (Drammatico, Germania 2015, 105’) di Lars Kraume. Germania, 1957. Una cortina di reticenza e omertà è calata sui nazisti che si macchiarono di atroci crimini di guerra. È lo Stato stesso a nascondere il suo terribile passato. Ma il procuratore Fritz Bauer non può accettare che uomini come Eichmann si godano la vita liberi e tranquilli. Per scovarlo attiva ogni possibile mezzo e fa di tutto. Perfino rivolgersi al Mossad israeliano. Alto tradimento o gesto estremo per scuotere le coscienze e ottenere giustizia? Un personaggio mal digerito, contestato, accusato, dimenticato e finalmente riscoperto come un eroe.

Il periodo storico del nazional-socialismo nazista è affrontato anche al Multisala Edera con la proiezione, alle 17.30, 20.05 e 22.20 de Il labirinto del silenzio (Drammatico, Germania 2014, 124’) di Giulio Ricciarelli. 1958. Nessuno ha voglia di ricordare i tempi del regime Nazionalsocialista. Il giovane pubblico ministero Johann Radmann si imbatte in alcuni documenti che aiutano a dare il via al processo contro alcuni membri delle SS che avevano prestato servizio ad Auschwitz. Ma gli orrori del passato e l’ostilità che avverte nei confronti del suo lavoro portano Johann vicino all’esaurimento. È quasi impossibile per lui trovare l’uscita da questo labirinto; tutti sembrano essere stati coinvolti, o colpevoli.

In provincia, il Cinema Cristallo di Oderzo offre la visione a tre euro (ore 20.00 e 22.00) di Carol (Drammatico, Gran Bretagna 118’) di Todd Haynes. Ambientato nella New York degli anni ’50, il film racconta la storia di due donne appartenenti ad ambienti molto diversi, travolte da una reciproca passione. Sfidando i tabù imposti dalla morale dell’epoca, che condannano la loro innegabile attrazione, vivranno la loro storia d’amore, a dimostrazione della forza e della capacità di resistenza dei sentimenti.

Due i film in cartellone al Multisala Italia di Montebelluna. Alle 15.35 e 19.15 si potrà assistere a Un’estate in Provenza (Commedia, Francia 2014, 105’) di Rose Bosch, commedia che esplora il conflitto generazionale tra nonni e nipoti: due ragazzi e il loro fratellino sono vissuti sempre a Parigi e scoprono le piacevolezze della vita di campagna nella splendida cornice della Provenza insieme ad un nonno un pò burbero e a sua moglie. I tre nipoti, all’interno della fattoria del nonno, riscoprono uno stile di vita bucolico e passano da quella che gli appariva inizialmente solo come una vacanza imposta a vivere un piacevole momento di confronto intergenerazionale. Le differenze tra la vita di città e di campagna favoriscono la scoperta di questo intenso rapporto con i nonni, proprio nel momento in cui invece i genitori si apprestano a divorziare. Segue, alle 21.20, Bandiza – Storie venete di confine (Documentario, Italia 2015, 100’) di Alessio Padovese. Bandiza era il termine con cui si indicava, in passato, il confine fra due province nel Veneto. Bandiza è il confine, nello spazio e nel tempo, delle storie narrate nel documentario. Dove finisce un racconto ne inizia un altro. Quando termina un’esperienza, ne comincia un’altra. Non importa in che direzione, ma è chiaro che oltre le nebbie impenetrabili o dopo l’alba c’è qualcosa. Qualcosa di semplice ma intenso, profondo. Bandiza è la linea che divide quello che è stato da quello che sarà. Quello che è buono da quello che non lo è. Quello che siamo disposti a lasciare da quella che è una strada nuova.

Doppio appuntamento anche al Multisala Georges Melies di Conegliano che, alle 17.30, 19.50 e 22.10 proietta il pluripremiato Lo chiamavano Jeeg Robot (Fantascienza, Italia 2015, 112’) di Gabriele Mainetti, David di Donatello 2016 per Miglior regista esordiente, Miglior produttore, Miglior attrice protagonista, Miglior attore protagonista, Miglior attrice non protagonista, Miglior attore non protagonista, Miglior montaggio. Enzo Ceccotti entra in contatto con una sostanza radioattiva. A causa di un incidente scopre di avere una forza sovraumana. Ombroso, introverso e chiuso in se stesso, Enzo accoglie il dono dei nuovi poteri come una benedizione per la sua carriera di delinquente. Tutto cambia quando incontra Alessia, convinta che lui sia l’eroe del famoso cartone animato giapponese Jeeg Robot d’acciaio. Alle 17.30, 19.55 e 22.20 si potrà invece assistere a Zona d’ombra – Una scomoda verità (Drammatico, USA 2015, 123’) di Peter Landesman. Il film racconta la storia di Bennet Omalu, il neuropatologo che cercò in ogni modo di portare all’attenzione pubblica una sua importante scoperta: una malattia degenerativa del cervello che colpiva i giocatori di football vittime di ripetuti colpi subiti alla testa. Durante la sua ostinata ricerca, il medico tentò di smantellare lo status quo dell’ambiente sportivo che, per interessi politici ed economici, metteva consapevolmente a repentaglio la salute degli atleti.

Il costo del biglietto è di 3 euro. Nel caso di Multisala verificare preventivamente quali proiezioni sono a 3 euro. La prenotazione dei posti è facoltà riservata alla gestione della sala.

Per informazioni: Fice Tre Venezie www.spettacoloveneto.it
Ufficio Stampa Studio Pierrepi

TTL Staff © redazione@time-to-lose.it - www.time-to-lose.it












Categorie

Archivio