L’arsenale 2015: Nuova Musica a Treviso – Ensemble l’Arsenale


L’arsenale 2015: Nuova Musica a Treviso – Ensemble l’Arsenale

Festival Musicale – L’arsenale 2015: Nuova Musica a Treviso fal 7 al 21 novembre 2015. La nuova stagione del festival festeggia i 10 anni dell’Ensemble l’Arsenale. Per l’occasione sono state commissionate 10 nuove composizioni a 10 compositori provenienti da tutto il mondo, grazie al sostegno della Ernst von Siemens Music Foundation. Ciascun concerto è in linea con l’idea di suono elettroacustico che l’ensemble sta portando avanti da ormai diversi anni. Vi aspettiamo numerosi per una grande partenza con il concerto dell’ensemble Nikel, uno dei gruppi di punta del panorama contemporaneo internazionale, che si esibirà per la prima volta in Italia.

7 novembre
Ensemble Nikel

Ore: 19:30 Chiesa di San Gregorio
Un quartetto composto da sassofono, chitarra elettrica, percussioni e pianoforte, strumenti sviluppatisi principalmente nel XX secolo che qui si fondono in un unico organismo, elettronico e acustico allo stesso tempo, in grado di oltrepassare pregiudizi estetici e fungere da collegamento fra generi musicali. Nel programma di questa sera tutti i brani sono stati scritti per Nikel tra il 2008 e il 2014.
Ensemble Nikel
Yaron Deutsch chitarra elettrica
Patrick Stadler sax
Brian Archinal percussioni
Antoine Françoise pianoforte

8 novembre
Livia Rado

Ore: 17:30 Chiesa di San Gregorio
Livia Rado soprano ed elettronica
Quattro delle possibili e infinite declinazioni dell’uso della voce nell’epoca contemporanea.
Quella che ritrae Eric Maestri è una voce che soccombe alla propria incapacità di dire, frantumata in mille schegge, dalle quali però evapora un intimo e timido calore.
A dispetto dell’idea di lirismo spesso associata ad essa, Mauro Lanza organizza la parte vocale in un rigoroso e ricco sistema di cellule ritmiche; insieme ad essa, un ensemble virtuale di percussioni, fatto di suoni creati dal nulla al computer.
Il Fado portoghese è il lontano punto di partenza del brano di Juan Arroyo: di esso rimane l’impotenza di trovare una via per esprimere a parole la tristezza.
È un brano fortemente politicizzato che all’epoca venne
È del 1964 La Fabbrica Illuminata, all’epoca censurato dalla RAI per i contenuti fortemente politicizzati. Decine di voci lo compongono, dalla voce dell’esecutrice live a quelle degli operai dell’Italsider di Cornigliano, ai quali il pezzo è dedicato.

14 novembre
Nadia Ratsimandresy

Ore: 19:30 Chiesa di San Gregorio
Nadia Ratsimandresy Onde Martenot
L’onde Martenot è una tastiera analogica monofonica del 1928, considerata lo strumento fratello del Theremin.
Tecnicamente è costituito da due generatori ad alta frequenza, un oscillatore, condensatori inseriti in circuito, sette tubi elettrici, un altoparlante e un risonatore. Di fronte ad una terminologia così tecnica si potrebbe essere indotti a considerarlo un generatore di timbri freddi, asettici, poco modulati. In realtà lo strumento colpisce proprio per la sensualità della sua voce, perché esattamente di voce è possibile parlare viste le sue peculiarità espressive.

15 novembre
Francesco Dillon e Claudio Rocchetti

Ore: 17:30 ex cinema Hesperia
Il concerto vedrà protagonisti Francesco Dillon, violoncellista che ha inciso per le prestigiose etichette Sony, Ecm e Kairos, componente del quartetto Prometeo che proporrà musiche dagli anni 80 ai giorni nostri, assieme a Claudio Rocchetti, audace e poliedrico musicista, residente ormai da anni a Berlino, che propone un lavoro di ricerca sul suono come elemento non solo emotivo e compositivo ma anche materico, grazie alla pletora di strumenti analogici ed elettronici che manipola con un atteggiamento quasi teatrale.
I due musicisti si esibiranno inizialmente come solisti per poi chiudere con una co-improvvisazione elettroacustica.
Francesco Dillon violoncello
Claudio Rocchetti dusty analog devices

21 novembre
Ensemble L’arsenale

Ore: 19:30 Chiesa di San Gregorio
Musiche di: Giovanni Verrando, Peter Ablinger, Mauro Lanza, Santiago Diez-Fischer, Silvia Borzelli, Yair Klartag, Giuliano Bracci
Dopo dieci anni di attività abbiamo voluto arricchire questa nostra stagione con delle nuove collaborazioni.
Grazie al contributo della Ernst von Siemens Music Foundation e della Norsk Kulturråd abbiamo potuto commissionare ad alcuni compositori che stimiamo dei nuovi lavori per il nostro organico.
Peter Ablinger, Ansgar Beste, Silvia Borzelli, Giuliano Bracci, Santiago Díez-Fischer, Stefano Gervasoni, Yair Klartag, Mauro Lanza, Olga Neuwirth, Giovanni Verrando hanno risposto alla nostra Chiamata alle Musiche! I loro brani si aggiungono ad un repertorio che abbiamo cominciato a costruire in questi anni di esplorazione e condivisione con compositori da diversi Paesi. Nel concerto di questa sera eseguiremo in prima assoluta alcuni di questi nuovi lavori.
Ensemble L’arsenale
Livia Rado soprano
Ilario Morciano sax
Igor Zobin fisarmonica
Lorenzo Tomio chitarra elettrica
Roberto Durante pianoforte e synth
Filippo Perocco direttore

Info e fonte; festival.larsenale.com

TTL Staff © redazione@time-to-lose.it - www.time-to-lose.it












Categorie

Archivio