Un presepe vivente da rekord al parco Sant’Artemio di Treviso


Un presepe vivente da rekord al parco Sant’Artemio di Treviso

A Trevso il presepe vivente da guinnes della solidarietĂ . Una rappresentazione della nativitĂ  diffusa su 95 ettari 400 figuranti e un ricco calendario di iniziative durante l’intera giornata di domenica 13 dicembre Treviso si prepara ad accogliere, dalle 10 alle 18, al parco Sant’Artemio – sede della Provincia di Treviso – e dello Storga un presepe vivente che ambisce a vincere il Guinness World Record 2015, strappando il titolo a Provo, nello Utah (Stati Uniti), che lo ha ottenuto nel 2014.

Ma c’è di più: lo fa per una causa benefica, raccogliere offerte per incrementare il Fondo dei Veneti schiacciati dalla crisi.
L’accesso alla rigogliosa area verde destinata all’evento, sulle sponde del fiume Storga, avverrà dalle Case Piavone e si potrà raggiungere anche con il trenino che collegherà i parcheggi attigui alla sede provinciale. I visitatori saranno accolti dal Gruppo Folcloristico Trevigiano e, prima di intraprendere il percorso di 600 metri che condurrà alla natività, potranno visitare la mostra di presepi all’interno del Museo Etnografico. Durante il cammino saranno allestiti alcuni punti di ristoro e, giunti al primo slargo, si incontreranno il Gruppo Ecologico Tiveron, l’Associazione Cultura Tradizione Contadina e il Principato di Canizzano, che proporranno una rievocazione degli antichi mestieri. Proseguendo si potrà poi ammirare il presepe a grandezza d’uomo di Alfonso Pozzobon, ideatore della mostra dei presepi di Resana, e ancora si attraverseranno gli oltre cento orti sociali, incontrando il grande gregge, e si tornerà indietro attraverso il bosco, dove sarà presente l’Associazione culturale Monsignor Tognana con le erbe officinali e gli antichi saperi ad esse legati. Un angelo a questo punto indicherà la natività e la Pastoria di Borgo Furo, il Gruppo Coro folcloristico Palio Zero Branco e l’associazione Veneti schiacciati dalla crisi accoglieranno la gente nel Parco Sant’Artemio, dove, accanto alla chiesetta di San Giovanni di Dio, si incontrerà la Sacra Famiglia: nel corso della giornata si alterneranno alcune figuranti di diverse nazionalità che impersoneranno la Madonna (per le quali i negozi Masina di Padova hanno realizzato otto tuniche e otto mantelli), 3 an Giuseppe e 6 bambinelli.
Infine, nel foyer della sede provinciale saranno presenti Israa, con i lavori realizzati dagli anziani, e Cooperativa SolidarietĂ  e Topinambur con i loro prodotti. E qui nel pomeriggio si esibirĂ  anche il Coro Voci bianche di Treviso.

Il momento più scenografico sarà l’arrivo dei tre Re Magi, con l’accensione della stella che sovrasterà la capanna, alle 16.00.
Tutti coloro che visiteranno il presepe, al termine del percorso che si concluderà all’ingresso della sede provinciale, dove sarà presente anche la Compagnia degli arcieri di Treviso, saranno invitati a contribuire con un’offerta libera per sostenere il Fondo dei veneti schiacciati dalla crisi. A questo invito, il più importante, se ne affianca un altro: quello di raggiungere la manifestazione portando con sé una lanterna elettrica che consentirà di apprezzare meglio la rappresentazione – ideata nel rispetto dei valori e delle usanze di duemila anni fa, e quindi priva di luminarie e di effetti speciali – e di contribuire a creare una scenografia ancor più suggestiva.
Nel corso della giornata bar e mensa all’interno del Parco Sant’Artemio saranno aperti.
Il presepe terminerà alle 18.00 e, idealmente, anticiperà l’arrivo a Treviso, con l’apertura della porta santa in cattedrale alle 18.30, del Giubileo straordinario della Misericordia voluto da Papa Francesco.
A fine giornata domenica 13 dicembre si procederĂ  alla valutazione del raggiungimento del Guinness: due persone imparziali (che faranno le veci del giudice del concorso) verificheranno che tutte le linee guida del Guinness World Records siano state rispettate, fornendo testimonianze, prove fotografiche e prove video al Management Team Records. E quindi si attenderĂ  il responso ufficiale.

fonte: Provincia di Treviso

TTL Staff © redazione@time-to-lose.it - www.time-to-lose.it












Categorie

Archivio