Franco Battiato in concerto a Treviso – Suoni di Marca 2017


Franco Battiato in concerto a Treviso – Suoni di Marca 2017

Franco Battiato in concerto a Suoni di Marca Festival 2017. E’ di oggi venerdì 30 giugno l’ultimo nome annunciato dall’organizzazione del Festival Suoni di Marca. Franco Battiato, il Maestro catanese, salirĂ  sul palco della 27^ edizione del SdM giovedì 27 luglio, e anche per questo appuntamento l’ingresso sarĂ  gratuito, presso le storiche mura trevigiane.

Battiato tornerĂ  in Italia a seguito di una serie di concerti in Spagna, tra le cittĂ  di Malaga, Madrid e La Coruña. Ha scelto Treviso come una sorta di tappa finale di questo tour ispanico. Non si può mancare all’appuntamento con l’emozione: La cura, Voglio vederti danzare, e Ti vengo a cercare o ancora Centro di gravitĂ  permanente, La stagione dell’amore, fino all’apoteosi di leggerezza per Cuccuruccuccu la musica che sorprende al Festival che ti sorprende.
Quasi impossibile da definire la genialità di questo fantastico artista. Cantautore pop, compositore di musica classica e sperimentale, regista e pittore è una delle personalità più eclettiche ed influenti del panorama culturale italiano ed europeo, il suo repertorio camaleontico e variegato è stato sempre capace di riscuotere l’approvazione del pubblico nel corso degli anni. E’ stato per decenni una delle voci pop più popolari del cantautorato italiano. Il suo suono unico gli è valso un ruolo di primo piano nella scena musicale italiana, e non a caso è stato soprannominato il Maestro. Uno stile inconfondibile lo hanno anche i suoi testi, che spesso contengono riferimenti filosofici, religiosi, e culturalmente esotici, ed affrontano tematiche come la pittura o temi universali sulla condizione umana, soggetti insoliti per le canzoni pop.
L’autore di innumerabili successi ha saputo generare sin dagli esordi dei brani in costante evoluzione, dopo un primo periodo di musica di protesta si è dedicato alla musica elettronica e sperimentale, sino ad arrivare a realizzare una risposta tutta italiana alle trasformazioni internazionali della popular music, ricca di interessanti contaminazioni etniche e orientali.
I suoi testi, inusuali e di carattere citazionista, sono spesso dolenti e pieni di riferimenti polemici alla societĂ  dei consumi e alla classe politica italiana, alla filosofia, all’esoterismo e al misticismo. Molte volte sono privi di qualsiasi nesso causale. Lo stesso Battiato afferma: «Una ragazza di quindici anni mi ha scritto dicendo che non le frega niente di quello che dico, che comunque le piace da pazzi. Per me questo è il massimo, perchĂ© io non voglio dire niente, oppure voglio dire tutto». E ancora: «Se si prova allora ad ascoltare e non a leggere, perchĂ© il testo di una canzone non va mai letto ma ascoltato, diventa chiaro il senso di quella parola, il perchĂ© di quella e non di un’altra. Per capire bisogna ascoltare, serve animo sgombro: abbandonarsi, immergersi. E chi pretende di sapere giĂ  rimane sordo».

info e fonte; www.suonidimarca.it

TTL Staff © redazione@time-to-lose.it - www.time-to-lose.it












Categorie

Archivio