Tags: , ,
Categorie: Eventi

Tempo di Teatro 2016 al Teatro Eden di Treviso


Tempo di Teatro 2016 al Teatro Eden di Treviso

Fita Treviso presenta la 33^ stagione di spettacoli e rappresentazioni organizzate da Compagnie di Teatro amatoriale sul palco del Teatro Eden di Treviso. A cartellone sette appuntamenti che accompagneranno il pubblico da sabato 8 ottobre a domenica 7 dicembre 2016. Prevendita presso la segreteria F.I.T.A. in via Calmaggiore 10/IV (Palazzo del Podestà) a Treviso dalle 16.00 alle 19.00. Riduzioni per studenti under 26, soci F.I.T.A. e over 65.

Cartellone e Compagnie partecipanti:

Sabato 08 ottobre ore 21.00 ore 21:00
Don Chisiotte – Tragicommedia dell’arte
di Marco Zoppello e Carlo Boso
Stivalaccio Teatro
Regia di Michele Mori e Marco Zoppello
Giulio Pasquati, padovano, in arte Pantalone e Girolamo Salimbeni, fiorentino, in arte Piombino, sono due attori della celebre compagnia dei Comici Gelosi. Salgono sul palco per raccontare di come sono sfuggiti dalla forca grazie a Don Chisciotte, a Sancho Panza ma sopratutto grazie al pubblico.
A partire dall’ultimo desiderio dei condannati a morte prendono il via le avventure di una delle coppie comiche più famose della storia della letteratura, filtrate dall’estro dei due saltimbanco che arrancano nel tentativo di procrastinare l’esecuzione, tra mulini a vento ed eserciti di pecore. E se non rammentano la storia alla perfezione, beh, poco importa, si improvvisa!

Sabato 15 ottobre ore 21:00
Otto Donne di Robert Thomas
TeatroRoncade
Regia di Alberto Moscatelli
Commedia? Giallo? Noir? Dramma? C’è un po’ di tutto nella vicenda di queste Otto donne che ruotano intorno alla vita del padrone di casa, Marcel, trovato morto nella propria camera da letto, mentre tutta la famiglia si stava preparando per festeggiare il Natale. La Moglie, le Figlie, la Cameriera, la Governante, la Cognata, la Suocera, la Sorella… tutte hanno un movente! Ma una forte nevicata e i fili del telefono tagliati impediscono ogni contatto con l’esterno. Bloccate in casa, sono costrette a fronteggiarsi e giustificarsi le une con le altre. Una serra di fiori che si riveleranno per lo più carnivori, una sorta di convento di clausura nel quale rancori e rivalità si rivelano attraverso stilettate dolci e letali. Come spesso accade nella vita, un evento cruento svela la fragilità di un groviglio di rapporti interpersonali. L’intrigo giallo si frantuma sotto il peso dei silenzi e dei sottintesi non meno che delle incessanti rivelazioni. Regnano il sospetto e la diffidenza…

Sabato 22 ottobre ore 21:00
L’avaro di Molière
Tremilioni
Regia di Antonio Sartor
Parigi. Il protagonista indiscusso Arpagone (letteralmente rapace, avido arraffatore) non è solo avaro, come Euclione, ma anche usuraio e strozzino, fino a soffocare ogni altro sentimento, anche verso i figli Cleante ed Elisa, che per questo non lo sopportano. La situazione si aggrava quando Arpagone manifesta la sua intenzione di sposare la bella e povera Mariana, amata da Cleante, e di maritare Elisa a un anziano gentiluomo, Anselmo, che l’accetta senza dote. Intanto Cleante ha scoperto nel padre l’usuraio-strozzino a cui si è rivolto per un prestito per poter sposare Mariana. Quando tutto sembra perduto per i due fratelli, accade l’imprevisto: Freccia, il servo di Cleante, riesce a rubare la cassetta del tesoro di Arpagone (la pentola di Euclione è ora una cassetta)…

Domenica 06 novembre ore 17:00
Piccoli crimini coniugali
di Eric Emmanuel Schimitt
Teatro delle Lune
Regia di Roberto Conte
Sull’altalena del matrimonio tra impercettibili slittamenti del cuore e tradimenti conclamati si consuma la vita dei due protagonisti. Un’intrigante, brillante gioco a due voci. Gilles e Lisa, una coppia come tante, da ormai vent’anni si trovano a vivere un apparentemente tranquillo menage familiare. Un piccolo incidente domestico, in cui Gilles (scrittore di romanzi gialli), pur mantenendo intatte le proprie facoltà intellettuali, perde completamente la memoria, diventa la causa scatenante di una sottile partita dove Lisa sembra venire sopraffatta e costretta a confessare le sue insicurezze, le sue fragilità e le sue disillusioni.
L’amnesia apre le porte insomma, al viaggio alla ricerca dell’identità. Non la propria, non quella di colui che in un solo colpo ha perso la memoria e sembra condannato a vagare aggrappandosi ai ricordi e alle ricostruzioni altrui, ma quella della coppia, la cui evoluzione (ma sarebbe meglio dire involuzione) ha provocato quell’amnesia…

Domenica 13 novembre ore 17:00
Amleto avvisato mezzo salvato
di Pizzol, Sarti, Bongiorno
Oberon architettura di una primavera
Regia di Marco Canuto
Se Yorik, il buffone del re di Danimarca, padre di Amleto, per una strana magia si risvegliasse nel freddo cimitero di Elsinore, dove due becchini stanno lavorando alla sua tomba, e venuto a conoscenza del tragico destino shekesperiano del giovane principe decidesse di scompigliare le carte e di impedire tanti morti, tanto dolore, cosa mai accadrebbe? A questo interrogativo cerca di dare una risposta Amleto avvisato mezzo salvato. Per fare tutto questo lo spiritello-buffone decide di utilizzare lo stesso stratagemma che Amleto usa per smascherare i regicidi: una recita. E a questa scalcagnata messinscena del destino di Amleto partecipano i due becchini, clown sanguigni e arruffoni, che lui Yorik, regista dal cuore generoso, cerca di guidare con la complicità del pubblico.

Domenica 04 dicembre ore 17:00
I maneggi per maritare una figlia
di Nicolò Bacigalupo
Tracce sul Palco
Regia di Paolo Ronchin
Siamo negli anni ’40. In una famiglia benestante c’è una figlia da maritare. Di fatto, come succedeva una volta, c’erano le cosiddette promesse di matrimonio, che per lo più venivano fatte dai genitori. Stefano, il protagonista, si trova ad affrontare la moglie Giggia che fa di tutto per far sposare la figlia Matilde con un ricco giovane, figlio di un deputato. Il maneggio fa da perno per i due atti creando divertenti situazioni tra i presenti, a partire dall’Avvocato Venanzio che è incaricato dal padre di Riccardo a prendere notizie sulla fidanzata Carlotta. La Giggia, dopo aver saputo per vie traverse la faccenda, fraintende la situazione e si convince che l’amore di Riccardo sia per sua figlia. Intanto Stefano cerca di far capire alla moglie che si tratta di un equivoco e che la figlia Matilde ha un impegno con suo cugino Cesare e, tale promessa, dovrà essere onorata per la parola data al fratello Michele, padre di Cesare…

Mercoledì 07 dicembre ore 21:00
Serata di gala e Premiazioni del concorso Vaina Cervi
Spettacolo del gruppo afFi(a)Tati Novecento
di Alessandro Barricco
Regia di Daniele Franci
Lo spettacolo, posto a conclusione della rassegna, verrà rappresentato durante la serata di Gala dove verranno assegnati i premi Vaina Cervi: Miglior Attore, Miglior Attrice, Miglior Spettacolo e Premio Giuria Giovane che premierà i migliori elaborati dei ragazzi delle scuole medie che hanno partecipato al progetto.
Organizzazione e info
F.I.T.A. – Comitato Provinciale di Treviso
cell. 334/7177900 340/8785901
info@fitatreviso.org
Teatro Eden Via Monterumici, 5
intero € 10; ridotto € 8. Abbonamento per 7 serate: intero € 50; ridotto € 40.
Spettacolo dell’8 ottobre (fuori abbonamento) intero € 13; ridotto € 10.
Prevendita presso la segreteria F.I.T.A. in via Calmaggiore 10/IV (Palazzo del Podestà) a Treviso dalle 16.00 alle 19.00. Riduzioni per studenti under 26, soci F.I.T.A. e over 65

TTL Staff © redazione@time-to-lose.it - www.time-to-lose.it












Categorie

Archivio