“La bottiglia mezza vuota” – Esposizione alla Osteria Arman 2009-01-08
Time To Lose

Arman

“La bottiglia mezza vuota” – Esposizione alla Osteria Arman

La bottiglia mezza vuota” un omaggio all’artista Kolomoon Moore – disegni – Una mostra mercato di disegni dell’ artista Kolomon Moore c/o Hosteria da Arman’s – Treviso

Kolomon Moore è autore di un corpus di disegni molto consistente comparso sul mercato dall’anno 2000 circa. Si parla addirittura di alcune migliaia di opere.
Di questo misterioso artista non conosciamo nulla per certo se non quello che suggeriscono i suoi disegni, datati agli anni trenta del Novecento. Nella maggior parte delle sue rappresentazioni, Kolomon M. utilizza la stessa tecnica: usa una matita grassa nera su cartoncino ad alta grammatura, color biscotto. Molto interessanti sono i pochi disegni a china diluita. La maggioranza dei fogli misura circa cm 25 x 34, ma l’artista lavora anche su fogli di dimensioni doppie, cm 35 x 50.
Da un certo momento della sua produzione, l’artista utilizza una precisa tipologia di bicchiere e di bottiglia disegnati accanto al suo nome, una segnatura quasi fosse una seconda firma o un marchio d’autore identificante. In questo caso la bottiglia, probabilmente d’un liquore, ha sempre un’etichetta ovale o romboidale colorata di rosso, come spesso è rosso il tappo.
Il genere di Kolomon è assolutamente figurativo: uomini e donne in ambienti pubblici o privati, per via, in una camera, al caffè, seduti o in piedi. Accanto a loro ricorre spesso il disegno di un bicchiere e/o una bottiglia.
Talvolta si tratta di personaggi fortemente caratterizzati, ritratti individuali che qualche volta indicano anche il nome della persona raffigurata.
Una caratteristica della sua ritrattistica è il disegno delle lunghe ciglia solo sulla rima inferiore dell’occhio, sia degli uomini che delle donne.Nei suoi disegni echeggia moduli stilistici di artisti attivi fra la fine del XIX e gli inizi del XX secolo, da Toulouse-Lautrec ai nudi di Egon Schiele; usa il tratto forte di Oskar Kokoschka ed esibisce una chiara preferenza verso artisti dell’espressionismo tedesco del primo ventennio del secolo come Ernst Ludwig Kirchner ed Erich Heckel.

I soggetti di Kolomon si ispirano al mondo raccontato da Brassaï e da André Kertész, i due fotografi ungheresi che hanno magnificamente ritratto la Parigi tra la fine degli anni venti e i primi anni trenta. Come Brassaï, Kolomon esibisce una chiara predilezione per gli stessi soggetti, le situazioni ambigue, gli stessi ambienti ai margini, notturni, popolati da prostitute, omosessuali, lesbiche.

www.kolomon.eu/
www.kolomonmoore.com
presso Hosteria da Arman’s: via Manzoni, 27.: Treviso – 31100
Treviso info : 0422 547747- 329.4177634
Fino alla fine del mese di gennaio 2009

 

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply