Intermezzi d’Attore – In scena con: “le cose mute” 2009-11-04
Time To Lose

Eventi

Intermezzi d’Attore – In scena con: “le cose mute”

Sabato 7 Novembre Filippo Tognazzo mette in scena “le cose mute”. La pièce teatrale dedicata alla Grande Guerra, tra i luoghi e le “cose” che, se ascoltate, possono raccontare nuovamente quegli eventi. Nuovo appuntamento con la rassegna teatrale INTERMEZZI D’ATTORE, organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Montebelluna …in collaborazione con Zelda – Compagnia Teatrale Professionale. In concomitanza delle celebrazioni del 4 Novembre, per il 91° Anniversario della Vittoria della Grande Guerra, al Teatro Binotto di Villa Correr Pisani andrà in scena Filippo Tognazzo con lo spettacolo teatrale “LE COSE MUTE”.

Anche se prodotto in occasione del 90imo anniversario dalla Fine della Prima Guerra Mondiale, LE COSE MUTE non è uno spettacolo commemorativo e si differenzia dai precedenti lavori di Tognazzo per l’assenza di parti narrative. L’attore padovano ha infatti deciso di porre al centro del suo lavoro la profonda trasformazione delle coscienze all’inizio del XX° secolo, soffermandosi sul conflitto fra tecnica artigianale e tecnologia militare e industriale e sulla paura di un nemico sconosciuto ma del quale si condivide un destino di sofferenza.

Da dove parto, io, ignorante per raccontare la Grande Guerra?”, si domanda il protagonista del monologo, Claudio Simone, professore di storia deriso dagli alunni perché “impara la storia dai libri” invece di impararla dalle cose. Per colmare questa lacuna Claudio partirà per un viaggio fra il Piave e le Dolomiti alla ricerca di tracce, di “cose mute” che sappiano raccontagli nuovamente quegli eventi. Dopo essersi perso fra boschi e crode, viene ritrovato dalla polizia mentre vaga in stato confusionale e, nel corso di un surreale interrogatorio, dalle sue parole prenderanno vita gli spettri della Grande Guerra, studenti, telegrafisti, contadini, soldati semplici, a comporre un’umanità ancora presente e viva.

Rinunciando a ogni intento descrittivo, l’allestimento sceglie perciò la via della suggestione e dell’evocazione, calando lo spettatore nella confusione di un improbabile commissariato, proiezione della mente confusa del protagonista che confessa così la sua colpa: “Immaginazione, commissario, e della più fervida”.

La scenografia, una sorta di scatola mentale dalle pareti in cemento, è la metafora della fantasia mutevole del protagonista, un archivio confuso di nozioni dove risuonano gli echi distorti della battaglia. Ideata da Giulio Magnetto, è stata realizzata presso il laboratorio scenografico del Teatro Sociale di Rovigo, mentre il disegno luci è di Sergio de Simone e le musiche sono curate da Tito Pavan.

Oltre allo spettacolo, nel corso della serata verranno presentati la mostra fotografica I LUOGHI DELLE COSE MUTE, di Matteo de Santi e il fumetto LA GRANDE GUERRA: STORIA DI NESSUNO edito da Becco Giallo. Si tratta di due progetti paralleli, creati per offrire un quadro più completo sulla Prima Guerra Mondiale e sulle tracce ancora visibili rimaste sul nostro territorio.

Ingresso intero 7 euro, ridotto 5 euro.
Prevendite presso la Biblioteca Comunale di Montebelluna.
Per informazioni: 340 9362803.

La rassegna Intermezzi d’Attore continuerà con Il concerto dei miracoli della Piccola Bottega Baltazar (13 novembre)
Magnificat di Antonio Moresco con Elisa Pol (21 novembre)
per concludersi con il concerto dei fiati dell’orchestra Legrenzi di Montebelluna (4 dicembre).

Per informazioni:
Federica Bittante – 340 9362803
spettacoli@zeldasrl.com

Zelda s.r.l.

Compagnia teatrale professionale

via Togliatti, 20 – 31022 Preganziol (Tv)

C.F./P.I. 04262500269

www.zeldasrl.com

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply