Da Albertini nasce la prima carta dei “Prosecchi col fondo” 2010-07-24
Time To Lose

da Albertini

Da Albertini nasce la prima carta dei “Prosecchi col fondo”

Al Ristorante Albertini la prima carta dei “Prosecchi col fondo”. Guido Albertini, patron dell’omonimo ristorante,  è da sempre appassionato di prosecco “col fondo”, il prosecco sur lie come lo battezzò il grande Angelo Serafin, primo presidente dell’AIS Veneto negl’anni 70 e da più di trent’ anni  lo fa imbottigliare per servirlo ai tavoli del suo ristorante di VisnadelloFilippo, nel nome del padre,  ha creato un marchio chiamato,appunto, GUI.DO: un gioco di parole tra la provenienza delle uve GUIa e fonDO, mantenendo chiara la dedica alla passione del padre.
Il prosecco col fondo come si faceva una volta, quando non c’erano macchinari costosi per spumantizzare. Si imbottiglia una settimana dopo Pasqua, si lascia a fermentare sui suoi lieviti un paio di mesi e poi è pronto da bere.
E’ un prosecco a residuo zuccherino uguale a zero, torbidino e con sedimento.
Naturale, leggero, con poche bollicine, bassissimo contenuto di solforosa sono le caratteristiche principali che lo rendono perfetto per il consumo in ogni occasione e perfettamente in linea con i tempi d’oggi.
Da un idea di Filippo Albertini martedì 29 giugno scorso, nel giardino del ristorante si sono incontrati, produttori e amici per una piccola cena in onore della prima “carta dei prosecchi col fondo” ed ora disponibile nel ristorante di Visnadello da lunedì 19 luglio.
Che in etichetta ci sia scritto solo Prosecco, Glera o Valdobbiadene DOCG non dimentichiamoci che da sempre il prosecco è solo delle colline trevigiane e… nasce , cresce e vive col fondo!

RISTORANTE ALBERTINI
Via Roma, 228 Visnadello di Villorba (Treviso)
prenota il tuo tavolo
Tel. 0422 928102 – Fax 0422 629434
www.ristorantealbertini.it
chiuso martedì sera e tutto mercoledì

1 Comment

  1. luca ferraro

    Agosto 2, 2010 at 1:19 pm

    vi siete dimenticati che potrebbe chiamarsi anche asolo docg !
    luca

    TTL Staff: Grazie 🙂

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply