Bob Margolin band – The legendary Muddy Waters guitarist 2010-01-01
Time To Lose

Calendario

Bob Margolin band – The legendary Muddy Waters guitarist

Bob Margolin band – The legendary Muddy Waters guitarist | Opening: Papa George
Sabato 6 Febbraio 2010 – Ore 21:15 Al “Canevon” Di Villa Varda – Brugnera (PN)

ingresso € 10,00

Bob Margolin non ha certo bisogno di presentazioni; essere stato l’ultimo chitarrista della Muddy Waters Band vale più di una laurea in storia del blues: Muddy ha sempre avuto un grandissimo fiuto in fatto di musicisti e il suo gruppo ha sempre rappresentato il meglio del meglio reperibile sulla scena.

Da questo ensemble sono usciti più della metà dei più grandi musicisti blues degli ultimi 50 anni, qualche esempio: Little Walter, Buddy Guy, James Cotton, Otis Span, Jimmy Rogers, senza contare i fidatissimi Pinetop Perkins e Willy “Big Eyes” Smith che in questo album accompagnano Bob Margolin. Forse avrete gia capito di cosa si tratta: il brizzolato cantante e chitarrista ha messo assieme una super band di blues e con essa rende omaggio alla musica del diavolo nella sua incarnazione “Chicago style”. Oltre a 2 gia citati”higlander”, Pineto Perkins al piano è del 1913, sono della partita Carey Bell (uno dei grandissimi dell’armonica blues), Monkie Brill al contrabbasso e Hubert Sumlin alla seconda chitarra, quest’ultimo è anch’esso uno dei nomi storici del blues essendo stato il chitarrista di Howlin Wolf praticamente fino alla morte di quest’ultimo. In più in un brano fa la sua comparsa anche Jimmy D. Lane figlio di Jimmy Rogers e autore di un paio di ottimi album.. Con questa “super band” il buon Bob rilegge dei classici del Chicago blues e rende omaggio ai suo maestri con delle composizioni proprie.

Le 15 canzoni che compongono questo album sono abbastanza varie, ci sono brani dal vivo, altri in studio altri ancora registrati in casa dello stesso Bob come a dare prova che il blues non ha bisogno di nulla di particolare per essere bello, basta uno strumento e tanta passione e il gioco è fatto. Togliamo subito ogni dubbio: Se non amate il blues classico lasciate stare questo album, qui non ci sono soluzioni innovative , miscuglio con altri generi o cose simili, solo del sano e fottuto blues elettrico suonato dannatamente bene.Le canzoni sono cantate di volta in volta da Bob , Pinetop e Carey Bell dando così un tocco di ori9ginalità al lavoro e permettendoci di confrontare da vicino diverse generazioni di bluesmen all’opera. Inutile dire che i musicisti suonano in modo meraviglioso visti i nomi che abbiamo appena citato. Tra le cose migliori segnaliamo la song di apertura “Brutal-Hearted Woman” , autore Johnny Shines, eseguitati a manuale con Margolin particolarmente ispirato alla voce e Carey Bell e Pinetop Perkins in forma smagliante.Bella anche “Mean Old Chicago” canzone che Margolin dedica a Jimmy Rogers e nella quale è presente il gia citato Jimmy D Lane figlio di quest’ultimo. Si tratta di uno slow registrato dal vivo in modo abbastanza artigianale con qualche imperfezione , che comunque da alla song un fascino maggiore, ma davvero suonato e cantato col cuore.. Tra i brani più famosi segnaliamo la mitica “Juke” di Little Walter in cui spicca Carey Bell, uno che in fatto di armonica ha pochi rivali in una indiavolata esibizione di classe cristallina. “Country Boy” è un omaggio al maestro Muddy eseguita nello stile tipico del grande McKinley. “The Last Time” è un brano di Jimmy Rogers suonato acustico con solo chitarra e armonica con il vocione di Carey Bell in bella mostra. Per ultima segnaliamo” Sweet (Little) Black Angel” dove spicca la prova alla slide di Margolin davvero eccezionale e il grande Pinetop sempre ispirato al piano.
In sostanza questo è un album per amanti del blues i quali con queste 15 tracce andranno sicuramente a nozze. Niente di nuovo sotto il sole ma un disco suonato e cantato benissimo, il che coi tempi che corrono non è certo poco.
More about Bob Margolin on www.bobmargolin.com www.myspace.com/bobmargolin

Papa George è uno dei piú importanti artisti blues della scena britannica. La sua musica è imbottita di tutto lo spirito del profondo Sud americano ma, allo stesso tempo, comunica un tono fresco e contemporaneo. Lo straordinario risultato di questa “miscela” l’ha portato a clubs e festivals in tutte le parti del Regno Unito, dell’Europa e anche degli USA. Come tanti musicisti della sua generazione (è nato nel 1953) ha scoperto il blues grazie alla musica dei Beatles, i Rolling Stones, Elvis, Ray Charles, Rory Gallagher, Jeff Beck, Peter Green e Jimi Hendrix, ma ama anche Robert Johnson e Muddy Waters, pur riservando una particolare ammirazione per Stevie Wonder, che reputa un compositore favoloso. Per Papa George il blues è “un’espressione spirituale”.  E’ legato a una pulsione e a un ritmo che parlano direttamente alla gente, un fenomeno che esiste fuori dal tempo e dalle classi sociali.”   Dopo trent’anni di carriera la sua passione di suonare e cantare in concerto in diretto contatto con i suoi ascoltatori non è mai diminuita

Organizzazione: Associazione Culturale Blues in Villa

Evento: FVG FESTIVAL

Info: www.fvgfestival.com

Eventi collsterali: Mostra Fotografica “Blues captured live” di Diego Silvestrin


Ass. Culturale Blues in Villa
Via Villa Varda, 4 – 33070 Brugnera (PN)
Tel. 0434-613232 – Fax 0434-613456
E-mail: info@bluesinvilla.com
www.bluesinvilla.com

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply