Festa di primavera al parco Livelet 2010-02-19
Time To Lose

Calendario

Festa di primavera al parco Livelet

Festa di primavera al parco archeologico Livelet

Domenica 21 marzo si apre la stagione al Livelet, con il Radicchio Rosso di Treviso e Variegato di Castelfranco.

Riapre ai visitatori il Parco Archeologico Didattico del Livelet di Revine Lago. Domenica 21 marzo, infatti, dalle 10.00 alle 18.00, il villaggio palafitticolo sarà aperto ai visitatori per la “Festa di Primavera”. Si tratta di un appuntamento tutto particolare, durante il quale sarà possibile sia visitare le tre riproduzioni di palafitte dell’Età della Pietra, Età del Rame ed Età del Bronzo, accompagnati da guide specializzate, ma anche sostare al Parco nell’area pic-nic e sperimentare una varietà di laboratori e giochi.

Gli operatori didattici del parco saranno infatti a disposizione dei più piccoli per numerose attività creative e ludiche legate alla Preistoria, quali la lavorazione dell’argilla e dei cereali, nonché la cottura del pane e il tiro con l’arco preistorico e con la lancia. Per questa particolare giornata, il Comitato Provinciale delle Pro Loco Trevigiane, che gestisce da un anno il Parco in convenzione con la Provincia di Treviso, ha ricercato inoltre la collaborazione del Consorzio di Tutela del Radicchio Rosso di Treviso IGP e Variegato di Castelfranco IGP, con il preciso intento di rendere il Livelet anche un punto di promozione e una vetrina delle eccellenze eno-gastronomiche venete.

Si comincia quindi con il prodotto principe dell’inverno: il pregiato Radicchio Rosso di Treviso IGP. A partire dalle 14.00, presso il Parco sarà possibile scoprire e sperimentare le varie fasi di lavorazione e produzione di questo straordinario ortaggio, in compagnia degli esperti del Consorzio di Tutela, che dal 1996 lavora per valorizzare il prodotto IGP.

“Apriamo la nuova stagione con grande entusiasmo – spiega il Presidente dell’UNPLI Treviso Giovanni Folladorspinti dal notevole successo di pubblico riscosso dalle nostre Feste nel 2009, che ci ha permesso, lo scorso anno, di portare al Parco oltre 12.000 visitatori. Già da metà febbraio il Parco è aperto durante la settimana per le attività didattiche con le scuole di tutto il Veneto. Con questa Festa di Primavera, riapriamo ufficialmente il Livelet anche ai visitatori e turisti. Questa è solo la prima delle tante iniziative che abbiamo in programma in questo 2010 e, grazie al coinvolgimento dei vari consorzi di tutela, ognuna ospiterà un prodotto tipico diverso. Non mancheranno – conclude Follador – attività laboratoriali e di archeologia sperimentale, ospiti a sorpresa e molto altro ancora”.

Il Parco Archeologico Didattico del Livelet:

è stato inaugurato nel 2007, frutto di un Protocollo d’Intesa tra la Provincia di Treviso, il Comune di Revine Lago, il Comune di Tarzo e la Comunità Montana delle Prealpi Trevigiane. La volontà è stata quella di ricostruire un villaggio palafitticolo con tre tipologie abitative. Nel suo primo anno di apertura ha fatto registrare circa 11.000 presenze. Nel 2008, nonostante l’introduzione di un biglietto per i costi di gestione, si è confermato sulle 10.000 presenze. L’anno scorso l’Unpli, Unione delle Pro Loco, è entrata nella gestione del Parco in seguito alla firma di protocollo d’intesa con la Provincia. Nel  2009 si è superata la quota delle 12.000 presenze, delle quali oltre la metà erano turisti. A febbraio è stato firmato il Protocollo con la Regione per la nascita del parco dei laghi di Revine e Tarzo, segno della volontà degli enti locali di investire sulla vallata.

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply