Giuliano Pasini – Io sono lo straniero 2014-02-14
Time To Lose

Calendario

Giuliano Pasini – Io sono lo straniero

Libreria “Il Viale” presenta: Giuliano Pasini con il suo ultimo thriller ambientato fra le colline del prosecco:
“io sono lo straniero”

Mondadori Editore
16 febbraio 2014, ore 16.00
Museo del Cenedese
Serravalle di Vittorio Veneto
presenta: Annarosa Tonin
Ingresso Libero

Dopo il terribile inverno di Case Rosse, il commissario Roberto Serra ha lasciato l’Appennino emiliano per Termine, nel profondo Nord Est, sulle colline del Prosecco: quattro case, tre strade, una chiesa, un cimitero, e intorno solo vigneti, a perdita d’occhio. Lì, di sera, Roberto sfoga in incognito la sua passione per la cucina e per i vini nel piccolo ristorante ricavato nel chiostro di un antico monastero. Di giorno, invece, lavora nella questura della scintillante e perbenista Treviso. Una vita che scorre lenta, tra le sempre più rade visite della sua Alice e le sempre più frequenti chiacchierate con Susana, una bella sudamericana andata come lui a voltare pagina in quell’angolo di mondo. Sino a quando, un giorno d’inverno, il commissario non incontra Francesca, una ragazza eccentrica e disperata che cerca di convincerlo a occuparsi del caso di una giovane sparita nel nulla. Per quanto Roberto punti i piedi in nome della serenità ritrovata tra i vigneti di Termine – anche grazie ai farmaci che assume per non sprofondare nelle visioni angosciose che lo tormentano – davanti a lui si delinea una scia di scomparse misteriose: tutte donne, tutte giovanissime, tutte straniere. Invisibili per la procura, per la polizia, per la gente. Roberto non può più scappare. è costretto ad affrontare un’indagine che lo porterà a scrutare le acque nere dei laghi nascosti tra i vigneti, a scoprire che un passato irrisolto può allungare le sue dita fatali fino al nostro presente, a sondare gli abissi più oscuri della mente umana. Dormienza, pianto, allegagione, invaiatura… le fasi della vita delle vigne scandiscono la nuova indagine del commissario Serra, i cui occhi hanno la luce speciale di chi si sente, in ogni luogo, straniero – e proprio per questo vicino alla sofferenza delle vittime, alla disumanità dei carnefici. Con scrittura mobile, asciutta, a tratti intensamente poetica, Giuliano Pasini dà vita a un romanzo sull’amore e sull’odio, sul dolore e sulla redenzione.

Organizzazione
Libreria “Il Viale”
MAI Associazione Culturale

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply