Calendario

Goppion Caffè – Cup Tasting

Mercoledì 25 marzo dalle ore 9:30 Goppion Caffè di Preganziol (Treviso) apre le porte ai migliori palati per la quarta semifinale della gara di Cup Tasting del circuito Scae Specialty Coffee Association of Europe. L’invito è aperto a tutti: ai più esperti e a chi semplicemente ama il caffè e vuole cogliere l’occasione per conoscerlo più da vicino, scoprendo le tante declinazioni di gusto che è in grado di offrire.

Entrare in torrefazione significa immergersi in un mondo ricco di fascino, che parte dalle lontane terre di origine, fino all’abilità nel tostare il caffè, da degustare in purezza o da unire in miscele in grado di offrire quel piacere che tutti ricerchiamo in tazza. A guidare nel cammino tra sapori e ambienti lontani è Enrico Meschini, presidente CSC Caffè Speciali Certificati, che sponsorizza queste gare in Italia. A lui il compito di presentare l?Associazione che ha due obiettivi primari: identificare, selezionare e certificare la qualità dei caffè e promuovere la cultura di un prodotto di qualità, per permettere a una platea sempre più ampie di operatori e coffee lovers di riconoscere e scegliere il meglio.
Quindi la presentazione di un caffè molto aromatico e dall’intenso aroma di fiori: un Yrgalem, specie arabica, coltivato in Etiopia, regione del Sidamo a 1600-2000 metri. Prima ancora del gusto, sono le immagini a catturare l’attenzione e con esse il racconto di chi davvero è stato là dove il caffè è coltivato in piccoli appezzamenti e conosce in prima persona il produttore: un?esperienza che pochissimi operatori del settore possono raccontare e che dà una precisa identità e tracciabilità ai caffè che riportano il marchio CSC, che ha da poco ottenuto la certificazione Iso 22005 di rintracciabilità di filiera, dal chicco al confezionamento.

Si passa poi all’assaggio di questo caffè offerto con due diverse tostature e altrettante modalità di estrazione: quella più scura in espresso, dal corpo e dall’aroma più intenso; quella più chiara ottenuta in modalità filtro, più leggera e al contempo ricca di aromi.

È un’ulteriore occasione per imparare come realizzare un buon caffè filtro e anche per apprezzare un prodotto nuovo, diverso, da chiedere al bar per un consumo più lento, a metà mattina o nel pomeriggio. Abbiamo verificato l’interesse sia dei consumatori finali sia dei baristi nei confronti di questo metodo di lavorazione, che offre una buona occasione per ampliare l’offerta e diversificare la propria attività; a essa abbiamo dedicato alcuni corsi di formazione ci dice Paola Goppion, responsabile marketing e comunicazione di Goppion Caffè Non dimentichiamo che sta arrivando l’Expo e con essa tanti turisti stranieri ai quali faremo conoscere il piacere del buon espresso italiano, ma che saranno ben contenti di potere gustare anche il caffè filtro, che per lo più è consumato nel Nord Europa e negli Stati Uniti.

info e fonte; studiocru.it
www.goppioncaffe.it

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply