Guide all’ascolto; Verdi – Spazi Bomben 2012-02-17
Time To Lose

Calendario

Guide all’ascolto; Verdi – Spazi Bomben

Radames… vive… La parola scenica in Giuseppe Verdi, guida all’ascolto a cura di Franco Rossi, docente di Storia della musica al Conservatorio Statale di Musica “B. Marcello” di Venezia martedì 21 febbraio ore 20.30 spazi Bomben, Fondazione Benetton Studi Ricerche, via Cornarotta 7, Treviso.
Martedì 21 febbraio alle ore 20.30 si concluderà, negli spazi Bomben di Treviso, il ciclo  di guide all’ascolto organizzato dalla Fondazione Benetton Studi Ricerche, in collaborazione con il Conservatorio Statale di Musica “A. Steffani” di Castelfranco Veneto, proposto  per avvicinare alla musica in modo nuovo e avvincente un pubblico il più esteso possibile.  Nell’appuntamento conclusivo Franco Rossi, docente di Storia della musica al Conservatorio “B. Marcello” di Venezia, affronterà il tema della parola scenica in Giuseppe Verdi nell’incontro Radames… vive… «Verdi» spiega Franco Rossi «non fu un librettista ma  il suo interesse così vivo per questo tema lo portò a contribuire alla stesura dell’Aida e di molte altre opere».  Una visione tradizionalista della storia dell’opera ottocentesca vede rigorosamente separate  le funzioni del compositore da quelle del librettista, una volta aulicamente (ma anche non senza ragioni) chiamato “poeta di teatro”. In realtà, al di là di sparute ma anche brillanti presenze  di operisti italiani impegnati in un analogo doppio lavoro, l’interesse del compositore  nei confronti del libretto, soprattutto per quanto riguarda l’aspetto drammaturgico (ma non va comunque dimenticato quello poetico) emerge in modo del tutto prepotente.  Quanto oggi noi possiamo conoscere circa l’attenzione quasi maniacale dei musicisti  nei confronti della componente letteraria trova ampie conferme nella consultazione dei relativi epistolari: assistiamo spesso in queste occasioni a ripensamenti, riscritture, rifacimenti di intere scene, di decine e decine di versi.  Tra i tanti compositori che abbiamo potuto seguire lungo pagine e pagine di lettere appassionate e appassionanti, la posizione di Giuseppe Verdi appare decisamente perentoria: il “caso” Aida e la collaborazione intensa (altri forse direbbero prepotente…) con il librettista Antonio Ghislanzoni rappresentano una vera e propria epitome librettistica, dove il poeta  è sistematicamente costretto a soggiacere ai desiderata del ben più celebre Peppino nazionale.  auditorium spazi Bomben, via Cornarotta 7, Treviso.

ingresso libero.

per informazioni: Fondazione Benetton, tel. 0422.5121, fbsr@fbsr.it, www.fbsr.it.

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply