Incontri Asolani 2014 – Concerto 2014-08-01
Time To Lose

Calendario

Incontri Asolani 2014 – Concerto

Incontri Asolani 2014 – XXXVI Edizione del Festival Internazionale di Musica da Camera nella Chiesa di San Gottardo ad Asolo.La grande musica torna a vibrare nell’asolana chiesa di San Gottardo, per la 36ma edizione di Incontri Asolani: un numero che è un’autentica rarità nel panorama delle proposte festivaliere estive dedicate alla musica classica in Italia. Sono otto gli appuntamenti di fine estate con il Festival Internazionale di Musica da Camera concerti che – come sempre – affiancano grandi nomi e giovani talenti, proposte inusuali e capolavori universalmente conosciuti che ancora una volta s’incontreranno nella magia di San Gottardo che, dopo il restauro conservativo che l’ha resa inagibile per l’ultima edizione degli Incontri, riaprirà le porte al pubblico mercoledì 27 agosto 2014.

E’ questa, infatti, la data d’inizio del Festival asolano, che inaugurerà con un concerto simbolo della filosofia che anima il suo cartellone. Saranno, infatti, di scena Mario Brunello e il Signum Saxophone Quartet, nel segno di una collaborazione artistica già concretizzatasi da qualche tempo, e nata proprio agli Incontri Asolani 2013, quando il violoncellista trevigiano sedeva tra il pubblico del concerto del quartetto di sassofonisti che incantò il pubblico di Villa Emo. E dall’ammirazione, si sa, possono nascere progetti. Per questo il titolo dell’insolito programma per violoncello e sassofoni, che spazierà da Haydn a Piazzolla, passando per Grieg e Respighi, sarà Incontro Asolano.

Sabato 30 agosto saranno sul palco di san Gottardo lo scrittore Pietrangelo Buttafuoco e il pianista Nazzareno Carusi per un Omaggio a Shakespeare in musica e parole. Per la terza volta il vulcanico pianista torna agli Incontri, dove ha già portato i leader in chiave jazz con la cantante Danila Satragno e dov’è tornato, due anni fa, con Vittorio Sgarbi per un intenso spettacolo dedicato a R.Browning. Questa volta, tra sonetti del Bardo e pagine di Buttafuoco, correrà il filo della musica di Beethoven e di Berio, di Chopin e di Morricone, in un intenso dialogo tra linguaggi di ieri e di oggi. Tra passioni senza tempo.

Venerdì 5 settembre un altro gradito ritorno agli Incontri, quello della violinista Sonig Tchakerian, protagonista nel 2007 di uno straordinario concerto a solo. Questa volta sarà, invece, con il sassofonista Pietro Tonolo e con l’Orchestra di Padova e del Veneto, per un appassionante programma intitolato Le stagioni e le mezze durante il quale l’esecuzione delle Quattro Stagioni di Vivaldi saranno intervallate dalle Mezze stagioni scritte ed interpretate da Pietro Tonolo al sax. Dando vita ad un continuum tra barocco e jazz che farà gustare al meglio la libertà inventiva che anima due ambienti musicali forse non così lontani.

Martedì 9 settembre si va Da Vienna a Vienna con il pianista Filippo Gamba e il Gringolts Quartet. L’ensemble raccoltosi intorno a Ilya Gringolts, uno dei più affermati violinisti della sua generazione, proporrà l’ultimo dei quartetti per archi di Schubert che idealmente chiude il periodo della classicità viennese. E poi, con l’espressivo tocco del pianista veronese, interpreterà il Quintetto op. 34 di Brahms, una delle partiture più amate di sempre, in cui la musica viennese scoprì la sua anima romantica.

Giovedì 11 settembre uno straordinario omaggio al canto tricolore con Bianchi, Rossini e Verdi. Un viaggio originale e raffinato nella storia della musica classica (e non solo) italiana. Con la voce e l’autorevole presenza scenica di Elio e il pianoforte di uno dei più talentuosi musicisti italiani: Roberto Prosseda. Dalle arie di Don Giovanni e Barbiere di Siviglia alle odi musicali alla zanzara, al criceto e moscerino, in uno spettacolo caleidoscopico e divertente nel segno della musica di qualità.

Domenica 14 settembre tornerà agli Incontri un amico di sempre: Bruno Giuranna.
Anche questa volta il grande violista si esibirà con una giovane e molto interessante formazione: The Busch Ensemble, trio con pianoforte britannico che si sta distinguendo nel panorama internazionale. Deutsch Schule è il titolo del programma che impegnerà il trio inglese in musiche di Haydn e Mendelssohn, per poi affrontare con la viola di Giuranna il Quartetto di Brahms op.26, una delle più alte pagine della poetica brahmsiana, curiosamente composto proprio quando il Maestro d’Amburgo aveva l’età dei tre musicisti inglesi. Anche quello di Fabrizio Meloni è un felicissimo ritorno agli Incontri: da trent’anni primo clarinetto del Teatro e della Filarmonica della Scala, Meloni nutre infatti un’autentica passione per la musica da camera che lo ha portato anche ad incontrare l’Ars Trio di Roma, con il quale giovedì 18 settembre eseguirà una delle opere più strabilianti della musica del Novecento: il Quartour pour la fin du Temps di Messiaen. Il programma, intitolato Elegie, si completerà poi con il Trio op. 67, n.2 di Šostakovič, opera quasi contemporanea al quartetto di Messiaen, che racconta anch’essa lo smarrimento e il dolore.

Conclusione sgargiante, domenica 21 settembre, con I Virtuosi Italiani e il loro Souvenir d’Italie. Con il virtuosismo del violinista serbo Stefan Milenkovich e la direzione di Alberto Martini (primo violino), una delle orchestre più attive e qualificate del panorama artistico internazionale spazierà da Rossini a Rota, da Paganini a Respighi, per offrire alcune pagine di musica italiana rare da ascoltare. E sicuramente entusiasmanti da scoprire.

Un finale festoso, dunque, per un Festival come sempre poliedrico e ricco di proposte inusuali. Ricco di amici e di interpreti di fama internazionale che tornano agli Incontri con grande entusiasmo e di artisti che hanno accolto con gioia l’invito ad un Festival famoso nel mondo per l’inusuale familiarità del contesto e per l’eccellenza delle sue proposte. E a proposito di amici, non si possono qui non ringraziare coloro che rendono possibili gli Incontri Asolani: i sostenitori pubblici e privati senza i quali la musica non tornerebbe puntualmente a vibrare ad ogni fine estate tra i Cento orizzonti di Asolo e i mille incerti orizzonti della musica colta in Italia.

Inizio concerti ore 20.45
Biglietti: interi 25 euro, ridotti 19 euro
Sosta gratuita presso il parcheggio comunale Cipressina
(a 200 metri dalla chiesa di San Gottardo)
Info: Asolo Musica, tel. 0423.950150
www.asolomusica.com

Organizzazione e info: Asolo Musica
tel. 0423/950150 fax 0423/529890
info@asolomusica.com www.asolomusica.com
Asolo, Chiesa di San Gottardo
Ingresso intero € 25; ridotto € 18
Prevendita presso Asolo Musica in via E. Fermi
fonte; reteventi.provincia.treviso.it

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply