Piano Jazz 2013; Teatro Verdi – Pordenone 2013-03-20
Time To Lose

Calendario

Piano Jazz 2013; Teatro Verdi – Pordenone

Piano Jazz 2013” – Circolo culturale Controtempo al Teatro Verdi di Pordenone.Giovedì 11 aprile, per il primo appuntamento in cartellone. A salire sul palco del Ridotto del Verdi il pianista e compositore americano Chris Jarret, oggi considerato un artista estremamente influente.
La sua musica combina l’amore per la classicità con la libertà dell’improvvisazione jazz, un binomio perfetto che deriva da un bisogno di comunicare e di suscitare pensieri e sentimenti.
Seguirà venerdì 26 aprile, lo scandinavo Martin Tingvall, che presenterà il suo ultimo lavoro “En ny dag” (Un nuovo giorno) le cui melodie mozzafiato risentono dell’influenza della musica popolare scandinava.
A chiudere la rassegna, sabato 4 maggio, Cesare Picco che si esibirà in un concerto tratto dall’album “Piano Calling”, un nuovo straordinario percorso in cui l’artista si racconta e ci racconta, storie, che fotografano l’attualità non solo musicale, ma anche sociale di questi difficili anni.

Giovedì 11 aprile h. 20:45 – Chris Jarrett
Ridotto Teatro Comunale Giuseppe Verdi Pordenone
Fratello minore del ben più noto Keith, Chris Jarrett nasce ad Allentown, Pennsylvania. Una volta diplomato in pianoforte e storia della musica inizia a vagabondare per il mondo fino quando, nel 1985, approda in Germania, dove risiede tuttora. È di questo periodo il suo primo disco (“Dance On The Volcano”), la musica per il balletto “For Anne Frank” ed il suo primo lavoro sinfonico (“Loves Me Not”). La sua musica nasce dal forte desiderio di comunicare. Ignora ogni dettame stilistico, ma utilizza le strutture della musica classica e la libertà dell’improvvisazione jazz. Lo spettro del suo modo di esprimersi musicalmente è ampio: selvaggio, ritmico, ironico, epico, melancolico, bizzarro, mistico e variopinto.
Biglietti settore unico euro 10,00
Info www.comunalegiuseppeverdi.it
T +39 0434 247624

Venerdì 26 aprile h. 20:45 – Martin Tingvall “En Ny Dag”
Ridotto Teatro Comunale Giuseppe Verdi Pordenone
Con “En ny dag”, Martin Tingvall dona ai suoi ascoltatori uno sguardo ad un altro aspetto del suo cosmo musicale. E questo avviene dopo aver collezionato un successo dietro l’altro con il Tingvall Trio, anche su scala internazionale, aver di recente scalato la Jazz Charts arrivando al primo posto con l’album “Vägen” e aver ricevuto dai critici il premio ECHO JAZZ “Ensemble of the Year, National” sia nel 2010 che nel 2012. “En ny dag (un nuovo giorno) è superlativo: un giusto equilibrio tra splendide e malinconiche melodie, con echi di Chopin e Grieg, e, a sorpresa, diversi temi giubilanti e assertivi che potrebbero essere usciti dalle mani di Abdullah Ibrahim o Chris McGregor”. (Guido Festinese, Alias 12.01.2013)
Biglietti settore unico euro 10,00
Info www.comunalegiuseppeverdi.it
T +39 0434 247624

Sabato 4 maggio h. 20:45 – Cesare Picco “Piano Calling”
Ridotto Teatro Comunale Giuseppe Verdi Pordenone
“Piano Calling”, è un nuovo straordinario percorso in cui Cesare Picco si racconta e ci racconta, attraverso il grandissimo senso melodico e la profonda spiritualità del suo pianismo, trasformando il pianoforte in veicolo di storie che fotografano l’attualità non solo musicale, ma anche sociale di questi difficili anni. Cesare Picco, pianista in continua evoluzione e ricerca, propone in questo suo concerto tratto dall’omonimo album, 14 tracce originali e inedite in cui per la prima volta alterna brani di pura improvvisazione ad altri appositamente asciugati e ristrutturati in un sorta di continua ricerca di essenzialità. I linguaggi musicali sembrano qui prendere una forma definitiva: non è solo il non avere barriere stilistiche la cifra portante di Cesare Picco, ma è di proporre un linguaggio che è ormai a sé stante e che racchiude naturalmente stili musicali vissuti negli ultimi decenni.
Biglietti settore unico euro 10,00
Info www.comunalegiuseppeverdi.it
T +39 0434 247624

infoe fonte; Circolo Culturale Controtempo

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply