Serata in onore di Mario Del Monaco 2012-10-09
Time To Lose

Calendario

Serata in onore di Mario Del Monaco

Martedì 16 ottobre 2012 serata ricordo in onore di Mario Del Monaco. Auditorium spazi Bomben (ore 20.45) “Mario Del Monaco- un trentennale in dieci parole”. Un trentennale in dieci parole. Il 16 ottobre 1982 a settantasette anni se ne andava il più celebre tenore del dopoguerra, l’Otello più celebrato del XX secolo cui dal 2010 è titolato il Teatro Comunale di Treviso. Nato a Firenze ma trevigiano d’adozione,cosmopolita e cittadino del mondo, divo in un tempo in cui il teatro operistico scatenava forme di businness economico ed entusiasmo oggi inimmaginabili, Del Monaco seppe mescolare ad arte palcoscenico e star system, chiudendosi però- dopo il ritiro dalle scene, in un triste declino, temperato in parte dalle molte attestazioni di stima, dall’amore per la pittura e la dolcezza della campagna trevigiana.

Elena Filini, critico musicale che da qualche anno sta approfondendo la vicenda vocale di Mario Del Monaco, ha deciso di coordinare un evento in ricordo del tenore aggregando le forze culturali della città.Fondazione Benetton studi Ricerche, Teatri SpA, Conservatorio di musica Agostino Steffani, Giancarlo e Donella Del Monaco, Teatri Spa hanno dato la propria adesione all’iniziativa che Martedì 16 ottobre 2012, a trent’anni esatti dalla scomparsa del tenore, si terrà nell’auditorium spazi Bomben (ore 20.45) “Mario Del Monaco- un trentennale in dieci parole”.
La serata vedrà presentata la ristampa di “Mario Del Monaco, monumentum aere perennius” biografia ufficiale del tenore, alla presenza dell’autrice, Elisabetta Romagnolo. Nel corso dell’evento, cui parteciperà Gianfranco Gagliardi, amministratore unico di Teatri SpA, prenderanno la parola Donella Del Monaco e Paolo Troncon. Il Conservatorio Agostino Steffani sarà rappresentato, oltre che dal suo direttore, dal talento del soprano Francesca Dotto. Il giovane soprano trevigiano, diplomata allo Steffani sotto la guida di Elisabetta Tandura, presenterà, accompagnata da Gianni Cappelletto, tre arie che fissano altrettanti momenti importanti della carriera di Mario Del Monaco.

Non si poteva perdere l’occasione di ricordare una figura così importante del panorama operistico e tanto legata alla città di Treviso-spiega Marco Tamaro, tra i concreti fautori dell’iniziativa- e l’occasione si è trasformata anche nell’opportunità di unire ancora una volta le forze con altri operatori per un’azione condivisa, perseguendo in quella che credo sia la strada da percorrere per dare un contributo concreto alla vita culturale della città anche in un momento difficile“. E paolo Troncon, che non ha voluto far mancare il Conservatorio, aggiunge ” l’occasione è importante per fare il punto della situazione a 30 anni dalla morte, per sapere quale ruolo le istituzioni locali vorranno interpretare per dare seguito al messaggio e all’esempio datoci da questo nostro illustre concittadino“.

La serata ricordo persegue una linea molto cara a Giancarlo e Donella Del Monaco, che ha già visto un gran galà il 2 agosto allo Sferisterio di Macerata e porterà alle imponenti celebrazioni a Pechino nel 2015, per il centenario dalla nascita. Per questa ragione è stata commissionata dalla famiglia una corposa tela al pittore Silvio Gagno che, presentata a Santa Caterina il 27 ottobre, verrà donata al National Centre for the Performing Arts di Pechino , nuovo ciclopico teatro d’opera cinese.

Il libro
A dieci anni esatti dalla pubblicazione, avvenuta in occasione del ventennale dalla morte del tenore, il volume “Mario Del Monaco Monumentum aere perennius” viene ristampato e presentato ufficialmente a Treviso. Una biografia di modello inglese,la sola autorizzata dalla famiglia, documentatissima e ricca di immagini private, con una corposa cronologia e minuziosi riferimenti discografici frutto di un lavoro diuturno.In città l’autrice, Elisabetta Romagnolo, che ha licenziato questo corposo volume (quasi mille pagine) dopo anni di lavoro su materiale privato del tenore, messo generosamente a disposizione dal primogenito, il regista teatrale Giancarlo Del Monaco.

Un trentennale in dieci parole
“Raccontare la figura del Monaco in dieci parole è un modo per limitare la molta retorica che intorno al personaggio si è spesa.- spiega Elena Filini- Lo studio progressivo della carriera, la valutazione di una voce che ancora oggi ci appare come una luminosa e problematica meteora ha convinto che non ci sarà vera memoria, nè autentica eredità, se di Del Monaco si continueranno a guardare gli aspetti esteriori, quelli che molto appartengono al personaggio e poco al cantante. Tra tutte le definizioni che di Del Monaco sono state date infatti, ci guiderà soprattutto quella di tenore per la vita. Tale è stato, un artista con il pungolo incessante, quasi ossessivo del proprio lavoro”.
La serata vedrà dunque convergere intorno alle dieci parole riflessioni, immagini inedite, filmati d’epoca.

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply