Storie di Luce – Mostra al Museo Cima 2012-03-23
Time To Lose

Calendario

Storie di Luce – Mostra al Museo Cima

Storie di Luce – Mostra pittorica nella Casa Museo G.B. Cima di Conegliano – Dal 5 maggio al 10 giugno 2012. Roberto Piaia incontra i pittori Fiamminghi del ‘600. La mostra si articolerà in una trentina di dipinti, equamente suddivisi tra quelli del maestro Piaia e le opere antiche: queste ultime provengono tutte dalla prestigiosa Galleria Luigi Caretto di Torino, da più di un secolo punto di riferimento – in Italia e all’estero – per i dipinti fiamminghi e olandesi del Cinque e del Seicento. Le varie opere di entrambi sono ricche di dettagli minuziosi e mostrano un’intima attenzione al mondo: dalla cura per i drappi ai bicchieri di cristallo, dai ritratti alle scene di vita quotidiana, il tutto illuminato dalla luce che avvolge con attenzione l’infinitamente piccolo e l’infinitamente grande, unificando così tutte le rappresentazioni.

Gli artisti fiamminghi e olandesi, narratori del proprio tempo, rappresentano la realtà quotidiana delle varie classi sociali, dal popolo all’alta borghesia del “Secolo d’Oro” dei Paesi Bassi. Roberto Piaia “racconta” le sfumature della nostra civiltà e l’influenza della storia nel nostro tempo, con protagonista assoluta la donna.

Si comincia con il soggetto-simbolo: la natura morta, rappresentata da importanti autori quali Jan Jansz De Heem e Cornelis Kruys. Aringhe, agrumi sbucciati, molluschi, un trionfo di cibo come esibizione d’opulenza e allusione alle vanità terrene, ma soprattutto come esaltazione delle qualità evidenti della materia tramite la tecnica pittorica. Per l’occasione, verrà presentata anche una monumentale opera di Pieter Claesz, tradizionalmente considerato il più importante naturamortista olandese, che, per formato e qualità, è un “quadro-evento” all’interno della rassegna.

Storie di Luce
Dal 5 maggio al 10 giugno 2012
Casa Museo G.B. Cima, Conegliano

Orari: mar-mer-gio: 15.30/19,30;
ven-sab-dom: 10,00/12,30-15.30/19.30. Lunedì chiuso
Ingresso libero

fonte: www.marcatrevigiana.it

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply