Teatro – Rosario Bonaccorso Quartet 2009-09-19
Time To Lose

Calendario

Teatro – Rosario Bonaccorso Quartet

Teatro Eden Jazz – Rosario Bonaccorso Quartet

Domenica 6 dicembre 2009 ore 20.45
TRAVEL NOTES Appunti di viaggio
ROSARIO BONACCORSO contrabbasso
FABRIZIO BOSSO tromba, flicorno
ANDREA POZZA pianoforte
NICOLA ANGELUCCI batteria

“ … mi piace comunicare con la magia delle note, riaprire gli “appunti di viaggio” è come un ripartire tra i colori, le passioni, le complicità e gli amori di una vita in musica … ”

Rosario Bonaccorso

Dopo anni di collaborazioni prestigiose e dopo aver contribuito con il suo talento musicale al successo di tanti artisti, il contrabbassista Rosario Bonaccorso si presenta nella veste di leader di un suo quartetto. Per molti anni la sua musica e il suo estro di compositore sono stati custoditi nel cassetto, o meglio nella valigia delle tournée, raccolti come in un diario, ricco di note, di appunti di viaggio in musica, quasi aspettando l’occasione giusta per farsi conoscere al mondo. La nuova e affermata etichetta discografica “Parco della Musica Records”/EGEA ha colto al balzo l’occasione e ha prodotto, nel dicembre 2008, il primo lavoro discografico di Rosario Bonaccorso: Travel Notes

Perché Travel Notes? “Perché sono tutte composizioni che mi sono venute in testa viaggiando. Quando compongo, non mi siedo a tavolino e strutturo il pezzo nella sua totalità: sono un compositore all’antica. Viene prima la melodia, che mi posso essere annotato su un foglio di carta mentre sono in viaggiando. Ogni brano ha una sua immagine, una identificazione pittorica, una sua fotografia”.

In Travel Notes Rosario Bonaccorso suona con un ensemble d’eccezione, costituito da artisti di grande calibro: Andrea Pozza al pianoforte, Fabrizio Bosso alla tromba e Nicola Angelucci alla batteria, grandi musicisti e compagni di innumerevoli avventure artistiche.
Il mix di questi quattro artisti è speciale e sotto la guida esperta di Bonaccorso il gruppo si apre all’invenzione sonora e la musica si colora di nuovi aspetti cromatici, si gioca con la luce e le ombre, le loro personalità si fondono per creare un sound puro e coinvolgente in grado di raccontare per immagini sonore il viaggio musicale del suo leader.

Cominciamo da Andrea Pozza che vanta una trentennale amicizia musicale con Bonaccorso: è un pianista raffinato, sensibile, colto, capace di esprimere al meglio la profondità delle invenzioni melodico-armoniche di Bonaccorso. Diplomato al Conservatorio N. Paganini di Genova, si dedica alla carriera jazzistica da più di 20 anni.Tra gli ispiratori del suo stile troviamo Teddy Wilson, Bud Powell, Bill Evans, Winton Kelly, McCoy Tyner e Paul Bley. Ha avuto l’occasione di esibirsi con grandi musicisti come Harry “Sweet” Edison, Bobby Durham, Chet Baker, Al Grey, Charlie Mariano, Phil Woods, George Coleman, Scott Hamilton, Massimo Urbani, Larry Nocella, Lee Konitz. Ha inciso quattro cd in trio a suo nome e ha fatto parte del Quintetto di Enrico Rava dal 2004 al 2008 con il quale ha inciso per la ECM “The Words And The Days”. Ha suonato stabilmente con Sal Nistico, ha fatto parte del quartetto di Steve Grossman, con il quale ha suonato a Londra, Parigi e in importanti festivals internazionali. Collabora stabilmente con Gianni Basso col quale ha inciso numerosi cd. Altre significative collaborazioni sono quelle con Bob Bonisolo, Tullio DePiscopo, Alan Farrington, Dado Moroni, Bruno Marini, Carlo Atti, Piero Odorici. Coodirige il quartetto Out Of The Blue(s) con Dick De Graaf (tenore). Dal 2009 tiene i corsi di Pianoforte, Musica d’ Insieme e Tecnica dell’ Improvvisazione al Conservatorio G. Verdi di Milano.

Il trombettista Fabrizio Bosso, invece, si innamora del prodotto musicale di Bonaccorso è decide di unirsi a questo prestigioso progetto, portando nel quartetto una tecnica e una sensibilità ineccepibili. Nato a Torino nel 1973, inizia lo studio della tromba a soli 5 anni e si diploma al Conservatorio Giuseppe Verdi a soli 15 anni. Durante gli studi classici si avvicina al jazz e inizia a suonare in piccoli gruppi e big band.
Nel 1990, grazie a una borsa di studio, partecipa ai seminari estivi del St. Mary’s College di Washington, esperienza che gli permette di arricchire ancora il suo percorso musicale.
Nel 1999 è premiato come Miglior Nuovo Talento dalla rivista specializzata Musica Jazz e crea il suo primo quintetto con cui incide, l’anno seguente il primo cd.
Nel 2002 gli viene assegnato il prestigioso premio europeo Django D’Or, da quel momento in avanti è una continua crescita.
Bosso passa rapidamente dall’essere considerato una promessa ad una certezza, grazie alla sua tecnica impeccabile, al suo dinamismo, alla forza e alla freschezza del tocco. Vanta collaborazioni importanti e porta avanti numerosi progetti: dallo storico quintetto High Five, ai più recenti progetti Latin Mood, con la co-leadership di Javier Girotto, e al duo con Antonello Salis (da cui è tratto il cd Stunt), passando per le collaborazioni con Stefano di Battista e Paolo di Sabatino, per arrivare a Sergio Cammariere, Mario Biondi e la recente scoperta sanremese Simona Molinari.

Infine, il giovane ed energetico batterista Nicola Angelucci, amante e conoscitore della tradizione del jazz, nonché di tutte le nuove tendenze della percussione contemporanea.
Nato nel 1979, inizia giovanissimo lo studio della batteria con il batterista e percussionista Alberto Biondi. Si trasferisce a Roma nel 2000 e nella capitale approfondisce gli studi jazzistici con il batterista Lorenzo Tucci e con il pianista Luca Mannutza.
La sua esperienza è ormai indiscussa, è infatti sideman di molti tra i più interessanti leader del Jazz, quali Benny Golson, Steve Grossman, Sonny Fortune, George Garzone, Wess Anderson, Joel Frahm, Andy Gravish e molti altri.
Vincitore di numerosi awards e scholarship tra cui una borsa di studio presso il prestigioso
Columbia College a Chicago nel 2000, vincitore del concorso “Baronissi Jazz” nel 2000 e 2004,
del “Gran Prix du Public” al “Tramplin Jazz d’Avignon” nel 2002 e del “26th Hoeilaart Jazz
Contest” in Belgio nel 2004. Ha suonato sui palchi più prestigiosi della scena jazzistica mondiale: Ronnie Scott’s, Pizza Express (Londra), Dizzy’s Jazz Club (New York), Sunset/Sunside (Parigi), Bimhuis (Amsterdam) e l’elenco sarebbe ancora lungo.
Nonostante la sua giovane età ha al suo attivo più di 20 dischi come sideman. Di prossima uscita il suo primo lavoro da leader The First One.

Travel Notes non è semplicemente una raccolta di brani coinvolgenti e dall’altissimo valore artistico ma un vero e proprio percorso umano e musicale “autobiografico” con cui Bonaccorso si racconta portando per mano chi si ferma ad ascoltare.

Teatri S.p.A. Piazza S.Leonardo, 1 31100 Treviso
Tel.: 0422.513300
Fax: 0422.513306
Biglietteria Tel. 0422 540 480
biglietteria@teatrispa.it

TEATRO EDEN
Via Monterumici – 31100 Treviso
Tel. 0422 513 310 – Fax 0422 419 637

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply