Calendario

Trekking Urbano 2015 – XII Edizione

Giornata Nazionale del Trekking Urbano 2015 – XII Edizione 2015 in provincia di Treviso; il programma di Treviso, Asolo, Oderzo, Valdobbiadene, Conegliano e Vittorio Veneto. Che cosa è il Trekking Urbano? E’ un nuovo modo di fare turismo, meno strutturato e lontano dai circuiti più conosciuti. Un turismo sostenibile e vagabonding, più libero e ricco di sorprese che privilegia gli angoli più nascosti e meno noti delle città d’arte italiane. Il trekker urbano, attraverso itinerari studiati da esperti, ha la possibilità di vivere un’esperienza di viaggio unica, coniugando la possibilità di immergersi nell’arte e nella natura, facendo sport. Oltre ad essere un’attività che fa bene al fisico e alla mente, il trekking urbano fa bene alle città perché permette di decongestionare le zone attraversate dai flussi turistici tradizionali, allargare il raggio delle visite alle aree più periferiche dei centri urbani e prolungare i soggiorni.
Chi può praticare il Trekking Urbano?
Il Trekking Urbano è uno sport dolce, adatto a tutte le età. Gli itinerari sono differenziati per lunghezza e per difficoltà al fine di poter essere percorsi sia da persone allenate che da trekker meno esperti.
Quando si pratica il Trekking Urbano?
Ogni momento dell’anno è adatto per provare l’esperienza del Trekking Urbano. Di giorno o di notte, d’estate o d’inverno. A differenza del trekking praticato nei campi e nei boschi, infatti, quello in città può essere praticato, seguendo gli itinerari proposti, con qualsiasi condizione meteorologica e in qualsiasi momento della giornata.
Quali sono i benefici del Trekking Urbano?
Il Trekking urbano è un’attività che oltre a far bene allo spirito e alla mente, permette di mantenersi in forma. Camminare a passo sostenuto per almeno 20 minuti consente, infatti, di bruciare circa 150 kilocalorie; di allontanare i rischi, legati a ipertensione, osteoporosi e di curare le conseguenze della vita sedentaria come stress, ansietà, depressione. Gli itinerari proposti dalle città che in questi anni hanno aderito alla Giornata Nazionale del Trekking Urbano hanno una durata media che varia da una a quattro ore, consentendo a chi li percorre di bruciare da un minimo di 450 kilocalorie (percorso di un’ora) a un massimo di 1.800 kilocalorie (percorso di quattro ore) per volta.
info e fonte; www.trekkingurbano.info

Treviso; che qui il piacer del cibo è fino
Treviso si offre al visitatore come città da percorrere a piedi e da assaporare a tavola o davanti al bancone di una tipica osteria, centro della vita sociale nei tempi andati. L’itinerario si snoda partendo dalla centralissima Loggia dei Cavalieri e permette di scoprire e ricordare episodi e personaggi che hanno reso la città e la Marca Trevigiana uno dei luoghi d’elezione della gastronomia veneta, attraversando le piazze dei mercati di oggi e di ieri: Pescheria, Piazza delle Erbe, Piazzetta delle Beccherie, Piazza del Grano, antico Mercato dei buoi, Piazza dei Cunici (conigli). Verranno svelati alcuni misteri. Chi ha inventato il famoso tiramisù e cosa prevede la ricetta originale? Come nasce il tradizionale piatto della sopa coada? Percorrendo i vicoli e le piazze, costeg-giando e attraversando i corsi d’acqua, il visitatore potrà assaggiare quell’indole gaudente, da sempre presente nel dna dei trevigiani.
Info Percorso:
Giorno percorso: sabato 31 ottobre
Tempo di percorrenza: circa 3 ore
Lunghezza:3 km
Difficoltà: bassa
Punto di partenza: Museo delle Scienze – Corso del Lavoro e della Scienza, 3
Orario di partenza delle visite guidate: ore 10
La partecipazione con guida turistica inclusi gli ingressi ai siti è gratuita (facoltativa entrata al MUSEO a tariffa agevolata) – Prenotazione obbligatoria
Per Informazioni:
Ufficio IAT Treviso
Via Fiumicelli 30 (presso Camera di Commercio accanto all’URP)
Tel.: 0422 547632
E-mail: iattreviso@provincia.treviso.it
Web: www.visittreviso.it

Valdobbiadene e le sue eccellenze: delizie per il palato, bellezza per gli occhi e gioia per lo spirito.
Valdobbiadene accoglie quest’anno gli appassionati del trekking urbano proponendo un itinerario sulle orme di San Venanzio Fortunato (che ne cantò le vigne e il miele) e dei personaggi, più e meno conosciuti, che fecero la sua storia. Sapori e profumi che deliziano il palato. Cultura enogastronomica, memoria, tradizioni. Angoli ancora sospesi nel tempo, racchiusi tra terra, acqua e cielo. Panorami mozzafiato, piccoli e grandi tesori d’arte – il vero cibo per lo spirito. La passeggiata inizia dalla piazza centrale col Duomo e l’inconfondibile campanile di F. Maria Preti, per continuare attraverso parchi e ville – testimoni silenziosi di memorabili banchetti – raggiungendo la chiesetta di San Floriano circondata dai vigneti rigogliosi e l’antica borgata di Ron, con le sue accoglienti corti e la vecchia fontana. La Chiesa di San Gregorio Magno non smetterà di stupire con la sua bellezza. Un’ottima occasione per conosce-re le eccellenze DOCG di Valdobbiadene e la ricchezza del suo territorio.
Info Percorso:
Giorno percorso: sabato 31 ottobre
Tempo di percorrenza: circa 3 ore
Lunghezza: circa 2,5 Km
Difficoltà: media
Punto di partenza: Piazza Duca Federico
Orario di partenza delle visite guidate: ore 9.30
Per Informazioni:
Ufficio IAT di Valdobbiadene
Via Piva, 53
Tel. 0423 976975
E mail: iatvaldobbiadene@provincia.treviso.it
Web: www.visittreviso.it
Web: www.valdobbiadene.com

Vittorio Veneto – Scoprire con gusto: fra palazzi e antiche vie di Serravalle
Nata nel 1866 dall’unione dei due borghi storici (Cèneda e Serravalle), la città di Vittorio Veneto partecipa quest’anno per la prima volta alla Giornata Nazionale del Trekking Urbano. Il percorso ha inizio nei pressi dell’attuale centro cittadino, Piazza del Popolo, e vi farà scoprire l’antico abitato di Serravalle, i bei palazzi, gli angoli più nascosti, il castrum, punto centrale della cortina fortificata che circondava il borgo medievale. Grazie alle acque cristalline del fiume Meschio, che la attraversa in tutta la sua lunghezza, fu celebre nei secoli passati per la qualità delle sue spade, qui realizzate per la Serenissima Repubblica, ed in epoche più recenti per la presenza di opifici, filande e cartiere. Ricca è la sua tradizione culinaria: il fiume, la vicina foresta del Cansiglio, le colline che circondano la città offrono formaggi e altri prodotti gustosi e genuini. Una città tutta da scoprire e da gustare!
Info Percorso:
Giorno percorso: sabato 31 ottobre
Tempo di percorrenza: circa 2 ore
Lunghezza: circa 5,8 km
Difficoltà: medio/bassa
Punto di partenza: Ufficio IAT Vittorio Veneto
Orario di partenza delle visite guidate: ore 18
Prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti
Per Informazioni:
Ufficio IAT Di Vittorio Veneto
Viale della Vittoria 110
Tel. 0438 57243
E mail: iatvaldobbiadene@provincia.treviso.it
Web: www.visittreviso.it
Web: www.valdobbiadene.com

Asolo: i piaceri del gusto e dello spirito
Lasciamoci accompagnare dal soffio del ma-gico silenzio di Asolo che ispirò grandi arti-sti, poeti, musicisti e pittori. Scrisse ne Gli Asolani Pietro Bembo: Asolo adunque, vago e piacevole castello posto negli stremi gioghi delle nostre Alpi sopra il Trivigiano, è, sì come ogniuno dee sapere, di Madonna la Reina di Cipri…. La Regina di Asolo, Caterina Cornaro è protagonista assoluta di una dotta corte di artisti, dame, di-gnitari, riuniti nel giardino del Castello e amante dell’arte e del buon vivere. E ancora, la divina del teatro italiano, Eleonora Duse, descrive il suo rifugio tra alberi, frutteti e vigneti: Perché Asolo è bello e tranquillo, paesetto di merletti e di poe-sia… perché è tra il Grappa e il Montello.
Una serata speciale attende il visitatore, un Asolando continuo in compagnia di Robert Browning, un diletto per lo spirito e per gli occhi con i cento orizzonti di Carducci, una esplorazione come fu per Freya Stark, un percorso per deliziare il corpo e l’anima.
Info Percorso:
Giorno percorso: sabato 31 ottobre
Tempo di percorrenza:circa 2 ore e 30’
Lunghezza: circa 5 km
Difficoltà: media
Punto di partenza: Ufficio IAT di Asolo
Orario di partenza delle visite guidate: ore 18
Prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti
Per Informazioni:
Ufficio IAT Di Asolo
Piazza Garibaldi, 73
Tel.: 0423 529046
E-mail: iat.asolo@provincia.treviso.it
Web: www.visittreviso.it

Conegliano: una visita gustosa
Nell’anno dell’Expo dedicato al nutrimento del pianeta, Conegliano offre agli appassionati del trekking un itinerario inedito alla scoperta dei gusti che da sempre caratte-rizzano questa bella cittadina. Lungo il percorso che, partendo dalla Contrada Granda comprenderà anche i borghi esterni prima di salire lungo la Calle degli Asini fino al castello, saranno illustrate le bellezze storico artistiche e paesaggistiche rese celebri nei suoi dipinti dal pittore rinascimentale G.B. Cima. L’itinerario, con le tappe previste alla Carpenè Malvolti e al Museo del Caffè Dersut, darà ai partecipanti la possibilità di immergersi negli aromi del vino e del caffè, ma anche di conoscere la mostarda e tutti gli altri prodotti per cui questo centro è rinomato nel mondo. È proprio il caso di dire: gustatevi la visita!
Info Percorso:
Giorno percorso: sabato 31 ottobre
Tempo di percorrenza: circa 2 ore
Lunghezza: circa 5 km
Difficoltà: media
Punto di partenza: Palazzo Sarcinelli
Orario di partenza delle visite guidate: ore 15
Prenotazione obbligatoria fino ad esaurimento posti.
Per Informazioni:
Ufficio IAT di Conegliano Palazzo Sarcinelli
Via XX settembre 132
Tel.: 0438.21230
E mail: iatconegliano@provincia.treviso.it
Web: www.visittreviso.it

Oderzo -Arte, storia e sapori Opitergini
Ogni epoca ha il suo cibo, ogni luogo la sua specialità. Oderzo, città archeologica ricca di testimonianze di un glorioso passato, si propone per la prima volta agli ap-passionati del trekking urbano con un percorso che riscopre la sua storia, insieme alle varie pietanze caratteristiche di ciascuna epoca. L’itinerario lambisce la Op-terg dei Veneti antichi, attraversa il Foro della romana Opitergium con l’adiacente splendida domus e raggiunge il sito dell’antico castello medievale. I portici dei nobili palazzi accompagnano poi verso il duomo rinascimentale, l’ariosa piazza del mercato, il foro boario, il Museo Archeologico – uno dei più antichi d’Italia – e portano infine a rinomati locali, che oggi come un tempo offrono ristoro alla gente del luogo e ai forestieri. E’ un’occasione per scoprire e assaporare ciò che nutre il corpo e lo spirito, per gustare il fascino, i sapori e i profumi della Marca Gioiosa.
Info Percorso:
Giorno percorso: sabato 31 ottobre
Tempo di percorrenza: circa 1 ora e 30’
Lunghezza: circa 3,5 km
Difficoltà: bassa
Punto di partenza: Ufficio IAT Oderzo
Orario di partenza delle visite guidate: ore 15
Prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti
Per Informazioni:
Ufficio IAT di Oderzo
Via Garibaldi 14
Tel.: 0422 815251
E-mail: iat@comune.oderzo.tv.it
E-mail: iatoderzo@provincia.treviso.it
Web: www.visittreviso.it

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply