Vinitaly: Il Prosecco Superiore fatto in Riva 2011-02-22
Time To Lose

Calendario

Vinitaly: Il Prosecco Superiore fatto in Riva

Di Riva in Riva… il Conegliano Valdobbiadene si svela a Vinitaly

Un viaggio alla scoperta dei volti inediti del Prosecco Superiore Pad 7 b i3 – i 4

A Vinitaly il Conegliano Valdobbiadene presenterà il Prosecco Superiore fatto “in Riva”. In occasione della fiera, quest’anno il Consorzio infatti si presenterà con lo slogan “Prosecco Superiore per naturale inclinazione” e proporrà un viaggio di Riva in Riva attraverso le colline di Conegliano Valdobbiadene. La Riva, concetto che identifica le microzone, comuni e frazioni che caratterizzano il territorio storico di produzione, diventerà così l’ideale chiave d’accesso all’affascinante mondo del Conegliano Valdobbiadene, fil rouge che guiderà i visitatori dello stand alla scoperta delle differenze del Prosecco Superiore. Riva, nel dialetto locale, indica la collina alta, la più difficile da coltivare ma anche la più qualitativa. La tipologia Rive, riservata allo spumante e introdotta con la Docg Conegliano Valdobbiadene, si affianca al brut, extra dry, dry e Cartizze. “Oggi che la nuova identità delle bollicine più apprezzate d’Italia è ormai conosciuta, è tempo di offrire agli operatori del settore e alla stampa l’opportunità di scoprire le molte sfumature di un territorio straordinario, inserito nelle Tentative List Patrimoni Unesco lo scorso autunno.” – Afferma Giancarlo Vettorello, Direttore del Consorzio di Tutela Conegliano Valdobbiadene.
Presso lo stand del Consorzio, al padiglione 7b i3 i4, le Rive si mostreranno attraverso un percorso multisensoriale che a partire dalla degustazione coinvolgerà la vista, l’olfatto, il gusto e permetterà anche di “toccare con mano la terra”. Per tutta la durata della fiera infatti si avrà la possibilità di scoprire le  Rive, attraverso le degustazioni curate dal La.Vi.Pe – Laboratorio Viticolo Permanente del Consorzio e ci si potrà immergere nel mondo del Conegliano Valdobbiadene,  con la sua diversità di terreni, dai ferretti rossi, alla silice, dal suolo calcareo a quello argilloso.

La terra delle colline candidate a Patrimonio Unesco si presenta in fiera quindi attraverso una composizione multicolore, una varietà di terreni e microclima confermata anche dalla ricerca. Proprio a Vinitaly, venerdì 8 aprile alle 11 sarà presentato il libro I terroir della denominazione Conegliano Valdobbiadene – studio sulle origini della qualità. Il volume, frutto dello studio di zonazione coordinato da Diego Tomasi, ricercatore dell’Ente Cra di Conegliano, è stato sostenuto dal Consorzio di Tutela.

 

A questa presentazione si aggiungerà poi un fitto calendario di appuntamenti, che si svolgeranno all’interno della sala degustazione allestita presso lo stand del Consorzio, un laboratorio didattico e fucina di eventi, nato per ospitare incontri di approfondimento sulla nostra denominazione.

Come negli scorsi anni, presso lo stand sarà inoltre possibile degustare oltre 200 spumanti della Docg, in rappresentanza delle grandi case spumantistiche e delle cantine più piccole del nostro territorio e si potranno poi incontrare, nell’area riservata alle aziende, un nutrito gruppo di produttori, di aree diverse.

Vinitaly sarà anche l’occasione per presentare Vino in Villa, Festival Internazionale del Prosecco Superiore, in programma dal 21 al 23 maggio al Castello di San Salvatore a Susegana (TV). Tema dell’anno sarà  “Fatto a Mano” (www.prosecco.it/vinoinvilla).

 

Per informazioni:  Consorzio per la Tutela del Prosecco di Conegliano Valdobbiadene

Tel. +39 347 8989027 – www.prosecco.it – info@prosecco.it

Ufficio Stampa:  Gheusis Srl – tel. 0422 928954 – Email: info@gheusis.com

 

 

 

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply