XIX Pordenone Blues Festival 2010 2010-08-11
Time To Lose

Calendario

XIX Pordenone Blues Festival 2010

XIX Pordenone Blues Festival 2010: una settimana di blues in città, una edizione totalmente rinnovata. Musica, teatro, arte, cinema, letteratura, elettronica, itinerari   enogastronomici e culturali: è questo l’ambizioso ventaglio degli  eventi che si mescoleranno in sette spettacolari giornate dal 23 al 29 Agosto 2010. Più di 150 persone tra artisti e addetti ai lavori, oltre 80 tra bar e negozi tutti uniti per un unico scopo: creare un evento memorabile,  con il blues come elemento catalizzatore!
Questa è la sfida del XIX Pordenone Blues Festival 2010: una rassegna   storica con un focus ben preciso, che vuole proporsi in maniera   innovativa e originale mantenendo la tradizione della musica che   rappresenta, filtrata con la lente dei nostri giorni. Ingresso gratuito www.pordenonebluesfestival.it
INFO : 3357046007 e-mail:
info@pordenonebluesfestival.it

Lunedì 23 agosto

Convento Di San Francesco Piazza Della Motta

ore 18.30

Inaugura zione 0re 19.00

Giulio Jurisse Vic & Luca Ambrosio

presentano

L’arte incontra il Blues

Due diversi punti di vista, due diverse modalità espressive che si combinano grazie ad un unico comune denominatore:

il blues!

Questa è l’anima del progetto realizzato da Luca Ambrosio, affermato fotografo pordenonese, e da Giulio Iurissevich, illustratore, artista urbano, grafico di Pordenone famoso in tutto il mondo per il suo stile polimorfico. Quest’ultimo è figura che annovera tra i suoi clienti internazionali Elle, Marie , Vogue, The Source, Burlington, Gap, Pepsi e che ha ideato la grafica per la nuova Pepsi Max, olimpiadi invernali canadesi Vancouver 2010. Ha esposto in Uk, Usa, Germania, Olanda, Francia, Cina, Giappone Hong kong e Taiwan. Eletto “the best british contemporary illustration 2005/2006 (AOI)”, è

considerato da Luerzer Archive uno dei 200 migliori illustratori degli ultimi quattro anni a livello mondiale. Le sue opere sono esposte nelle maggiori gallerie di Parigi, Bruxelles, Londra, Lione e Roma (da Settembre 2010 a Giugno 2011) In questa mostra i due artisti operano una reinterpretazione/ rivisitazione dell’origine popolare e dell’immagine classica del blues.

La mostra rimarrà aperta fino al 29 Agosto c/o Il caffè

Letterario

La storia della grafica del Pordenone Blues Festival

Mostra dei poster promozionali che hanno dato l’immagine alle

XIX edizioni del Pordenone Blues Festival.

ore 19.30

Presenta zione della maglietta ufficiale del Festival

È con orgoglio che verrà presentata la maglietta ufficiale del XIX° Pordenone Blues Festival. La grafica della maglia, che è anche l’immagine dell’edizione 2010 del festival, è stata creata da Giulio Iurissevich.

0re 20.00

Azienda Agricola Plozner presenta:

Vino Blue

I vini ufficiali del XIX Pordenone Blues Festival

“Sociale ed emozionale, il vino ha nel suo carattere qualcosa che lo accomuna alla musica blues, che è musica di terra, di quotidiano, musica diretta. Ho scelto per accompagnare queste note due vini, che parlano della nostra terra: il bianco Friulano e Ter, un vino rosso fatto di Merlot, Cabernet e Refosco.”

(Sabina Maffei).

Le etichette disegnate da Giulio Jurissevich rendono le bottiglie splendidi oggetti da collezione. Potrete degustare Blue in quasi tutti i locali del centro di Pordenone, da solo o abbinato a uno stuzzichino creato apposta per il festival al prezzo di 3 Euro.

La colonna sonora della serata sarà suonata da “JUST DUET” in concerto della

Play School Of Music Di Pordenone

ore 21.15

Il teatro incontra il Blues

All’interno del Meeting Internazionale

“l’arlecchino errante ” la scuola sperimenta le dell’attore

presenta:

“AMAT ISS IMA”

Dal romanzo omonimo del premio nobel Toni Morrison.

Un’opera sulla schiavitù dei neri in America. Nella sua lingua aspra e dolente eppure calda scorre lo stesso sangue del blues più sincero. Una voce sola per cento personaggi e paesaggi, un’armonica sola per mille eco profonde. Un concerto di fantasmi e insieme un rito di passaggio. La vera memoria è quella che serve per guarire dai mali futuri, e la musica è il suo motore.

Claudia Contin, voce – Gianni Massarutto, armonica

riduzione di Flavio Massarutto – regia di Ferruccio Merisi

ingresso gratuito

Martedì 24 agosto

ore 19.30

c/o LA NUOVA BIBLIOTECA CIVICA

PIA ZZA XX SETTEMBRE

Alberto Milani 4et e

Play School Of Music Di Pordenone

presentano

Aperitivo Blues

ore 21.00

La Letteratura Incontra Il Blues

In collaborazione con la Biblioteca Civica

presentazione del libro di Luigi Monge:

Howli n’ Wolf . I’m Th e Wolf .

Testi Commentati (Roma: Arcana, 2010)

Una cinquantina di testi di Howlin’ Wolf o cantati da Howlin’ Wolf, con particolare attenzione alle tematiche testuali sviluppate dal Lupo e al suo complesso rapporto con Willie Dixon, cui è dedicato un capitolo di analisi delle liriche interpretate da Howlin’ Wolf.

Merc oledì 25 agosto

c/o La Nuova Biblioteca Civica Piazza Xx Settembre

ore 19.00

L’Associazione Musicale CEM di Pordenone

presenta

Pn Blues Guitar Contest 2010

Concorso di chitarra blues aperto a tutti

Primo premio una chitarra Stratocaster

richiedi il bando di concorso a:

ASSOCIAZIONE CEM

VICOLO CHIUSO 4 33170 PORDENONE PN

WWW.ASSOCIAZIONECEM.IT INFO@ASSOCIAZIONECEM.IT

SEGRETERIA: TEL – 0434/520754(16-19) 335/327812

335/6262167

Gi ovedì 26 agosto

CONVENTO DI SAN FRANCESCO PIA ZZA DELLA MOTTA

ore 21.00

Il Cinema Incontra Il Blues

Nell’ambito della rassegna Visoni Sonore CINE MA ZERO presenta “rarità blues del delta ”

Una serata in cui la musica del diavolo dialoga con le immagini,

per farsi fotogramma nel turbinio di suoni e colori del

blues. Registrazioni video rare e imperdibili, piccole gemme

d’immagine e sopratutto di suono, a partire da un lisergico

Sonny Boy Williamson per arrivare a Big Bill Broonzy passando

per Ida Cox.

ore 21.40

Giulio Masieri Drawing Sound Experience Live Performance

Il Blues suonato e dipinto dall’arte contemporanea è sicuramente come non ve lo aspettate!”

Drawing Sound Experience è un progetto nato nel 2008, ideato da Giulio Masieri per unire pittura e musica in un unico atto performativo.

Artista residente nel pordenonese, conosciuto in paesi come Giappone, Russia, Inghilterra, Francia, Belgio, Crimea per aver decorato ambienti e palazzi illustri, tra i quali la residenza del presidente del Kazakistan, Masieri mette ora a frutto la propria pluriennale esperienza di pittore rinascimentale/barocco dedicandosi all’arte contemporanea.

Per raggiungere tale scopo Giulio Masieri ha inventato un pannello sonoro con il quale, grazie a dei sensori che permettono computer di trasformare il gesto pittorico in nota o accordo musicale senza utilizzare basi o campionamenti, riesce a creare delle opere pittorico-musicali; Il contatto tra la musica e la pittura diventa, in questo modo, reale e immediatamente percepibile dallo spettatore.

L’obiettivo di questa ricerca è dipingere qualcosa che non si possa dipingere se non suonando e suonare qualcosa che non si possa suonare se non dipingendo.

Al Pordenone Blues Festival, viene presentato in prima mondiale al pubblico il suo nuovo spettacolo, che lo vedrà accompagnato da musicisti noti in ambito nazionale.

Venerdì 27 agosto

dalle ore18.00

Blues On The Road

I locali del centro si tingono di bluesOltre 40 tra bar, ristoranti, pizzerie e osterie uniti all’insegna dello spirito blues propongono musica live, dj set, spettacoli vari, piatti a tema e cicchetti a gogo per tutta la sera portando in città Bourbon Street di New Orleans.Sabato 28 agosto

Convento Di San Francesco Pia Zza Della MottaOre 20.00

The Blues Brothernight Part Y + The Blues Mobile Band In Concerto

In Collaborazione Con Cinema Zero

Una festa con la musica e le immagini, molte inedite, del mitico gruppo. The Blues Brothers compie quest’anno trent’anni. Il film diretto da John Landis, uscito nel giugno del 1980, segnò un’epoca con la sua comicità a ritmo di musica, diventando ben presto un cult per un’intera generazione.

THE BLUESMOBILE BAND è una big band composta da 10 elementi che porta in scena, con tanta passione e autentico divertimento, un vero e proprio show durante il quale si canta e si balla al ritmo dei brani più famosi dei Blues Brothers

È gradito almeno un accessorio A TEMA

IN CASO DI BRUTTO TEMPO IL PARTY VIENE TRASFERITO AL PNBOX STUDIOS – Castello di Torre – Via Vittorio Veneto, 23

Pordenone – Tel: 0434.551.781

29 agosto

PARCO DI SAN VALENTINO

Via San valentino – PORDENONE

Grande Chiusura Del Xix Pordenone Blues Festival

ingresso gratuito

apertura cancelli ore 17.00 inizio concerti ore 17.30

in caso di mal tempo il festival si terrà presso il Deposito

Giordani, via Prasecco,13 (Pn)

ROY YOUNG & BAND Unica data in Italia

SHAKURA S’AIDA Unica data in Italia

THE DI MAGG IO CONNECTION + BROS

Durante al serata “A scuola di blues ”

dimostrazioni con

Play School Of Music Di Pordenone

Associazione Musicale Cem Di Pordenone

PNBO X STUDIOS – Castello Di Torre

Via Vittorio Veneto, 23 – Pordenone

Tel: 0434.551.781

dalle ore 23.30

AFTER SHOW BLUES PART Y:

Dopo festival ci si ritrova tutti al pnbox studios per incontrare i protagonisti del festival e brindare assieme. Il tutto verra’accompagnato da un djset e le migliori immagini del xix Pordenone Blues Festival

Roy Young & Band (Jamaica)

unic a data in Itali a Willie Mitchell, il produttore di tutti i più grandi artisti di Memphis (da Al Green ad Ann Peebles) ha detto: «Chi avrebbe potuto pensare che un cantante nato in Giamaica e che vive a Tel Aviv avrebbe salvato la Soul Music negli U.S.A.» Stava parlando di Roy Young, presentato come “fenomeno emergente della musica soul mondiale alla non più verde età di sessantuno anni”. Nato sulle colline della Giamaica in una baracca senza acqua corrente ed energia elettrica, espresse il suo amore per la musica già in giovane età. Mentre tutti i suoi amici ascoltavano gli ultimi successi ska e reggae, Roy ascoltava gruppi come i The Dells, The Drifters e The Temptations. A tredici anni si stabilì in Inghillterra, dove conobbe il sound di artisti quali Otis Redding, Wilson Pickett, Joe Tex e Solomon Burke. Era il momento dell’esplosione del vasto movimento Northern Soul, i tardi anni ’60 e i primi ’70, e coincise con l’incontro di Roy con la musica di uno degli artisti che si rivelerà tra i suoi principali ispiratori, il grande Sam Cooke. A quindici anni abbandonò la scuola per andare in tour con i “The Work Shop”, toccando tutta l’Inghilterra. Calcò il palco del Marquee Club di Londra dividendolo con Long John Baldry, al numero 1 in quel momento in Inghilterra con “Let the Heartache Begin”, e con Arthur Brown, al top delle UK charts con “Fire”. Con lui hanno collaborato musicisti del calibro di Long John Baldry, Arthur Brown, Marvin Gaye, Pat Rizzo dei War e The Four Seasons che parteciperanno anche al suo disco pubblicato dalla Emi nei primi anni ’80. Un primo assaggio delle sue capacità di performer ve lo darà l’ascolto del suo “Memphis”, prodotto in studio da Willie Mitchell (storico produttore di Al Green), arrangiato da Gil Askey (Temptations e Curtis Mayfield) e interamente suonato da musicisti di Memphis. Ma la vera emozione la darà dal vivo come tutti i veri soul singers e dopo aver calcato i più importanti palchi del blues & soul di tutto il mondo arriva anche a Pordenone accompagnato da una big band di dieci elementi. Preparatevi a ballare facendovi travolgere dall’incanto della sua voce.
www.royyoung.net
Gianluca Sambataro: Piano, Organ, Musical Director
Camillo Bellinato: Bass
Enrico Porazzi: Guitar
Marco Sambataro: Drums
Richard Arduini: Percussions
Gaia Pedrazzini: Backup Vocals
Manuela Limonta: Backup Vocals
Simeone Riva: Trumpet

Sha Kura S’aida (USA )
unica data in Itali a Nata a Brooklyn, cresciuta in Svizzera, vissuta in Canada, prodotta discograficamente in Germania. Tutto questo è Shakura S’Aida, una vera artista internazionale, che negli ultimi 20 anni ha arricchito la scena musicale canadese con la sua voce profonda, la sua forte personalità e l’impegno musicale. Che lo faccia in inglese, in tedesco o in francese, Shakura si connette immediatamente con il suo pubblico attraverso il cosmopolitismo applicato al blues. Quest’anno, il suo nuovo cd “Brown Sugar” è stato lanciato sul mercato internazionale grazie anche a due tour europei insieme al grande bluesman Coco Montoya. Shakura si presenta a Pordenone accompagnata dalla sensazionale chitarrista Donna Grantis per presentare il suo nuovo lavoro discografico prodotto dal leggendario Jim Gaines, già al fianco di Stevie Ray Vaughan, J.L. Hooker e Santana. La carriera solista di Shakura ha abbracciato molti generi e l’ha portata sui maggiori palcoscenici americani, ad iniziare dall’Apollo Theatre di New York, al fianco di Jimmy Smith, Ruth Brown e Patti Labelle. Ma il vero lancio nel mondo del blues è avvenuto recentemente, nel 2008, con la vittoria all’International Blues Challenge a Memphis. Come dice Shakura: “I am truly blessed by all the incredible opportunities I have had. “My life has been filled with amazing adventures; I can’t wait to see what happens next!”
www.shakurasaida.com
Shakura S’Aida – Vocals
Donna Grantis – Guitar
Andrew Stewart – Bass
Lance Anderson – Keys
Giampaolo Scatozza – Drums

The Di Maggio Connection + Bros (Ita )
Esponente di punta della scena R’n’R internazionale e considerato dalla stampa specializzata come uno tra i migliori chitarristi mondiali. Si è esibito veramente dappertutto America, Cina, Hong Kong, in tutta Europa e nei più importanti festival del mondo. Dal 2008 la prestigiosa marca di chitarre Gretsch/Fender lo nomina unico endorser italiano. Con l’album “Rockabilly From The Boots Up” (1998) viene ingaggiato negli USA dal presidente della Rockabilly Hall of Fame il quale gli produce il cd, gli conferisce il titolo di membro onorario e in seguito lo elegge Presidente della sede Europea. Ha suonato e suona con pressoché tutte le leggende del r’n’r: Terry Williams(Dire Straits), D.J. Fontana e Scotty Moore (Elvis’ Band), Robert Gordon, Linda Gail Lewis (sorella di Jerry Lee Lewis), Albert Lee e Billy Swan. Ha realizzato 12 albums, prodotti in Usa, Germania, Finlandia, Italia, e compare ben in oltre 35 compilation internazionali. Realizza colonne sonore per films e spots quali Honda Scooter, TIM, Santal, trasmessi in USA e in gran parte dell’Europa. Un suo brano viene inserito in una puntata della celebre serie tv FRIENDS. Unico artista italiano ad essersi esibito al teatro del Grand Ole Opry di Nashville, in occasione dell’assegnazione del Grammy alla carriera a Brenda Lee. Il suo bagaglio tecnico gli ha concesso di affermarsi anche in campo didattico con il video “La chitarra Elettrica Rockabilly” molto apprezzato a livello internazionale. Da qualche anno collabora ed effettua stages e workshop per conto dell’accademia musicale Lizard. La sua tecnica è un crossover di stili: Rockabilly, Country, Western Swing, Blues, Surf e Rock’n’Roll. Il celebre cantante newyorkese Robert Gordon, dopo aver suonato con vere leggende delle 6 corde quali ha voluto Marco e il suo trio per i suoi concerti europei. Non da meno il giudizio di Terry Williams, batterista dei Dire Straits, il quale rilascio’ questa dichiarazione: “Ho suonato con i piu’ grandi, Mark Knopfler, B.B. King, Eric Clapton, Albert Lee…posso dire che Marco Di Maggio è uno di loro”. Marco si mette in luce anche in qualità di arrangiatore con la Supersonic orchestra, composta da 7 elementi. C’è ne sarebbe molto ancora da scrivere ma lo spazio è poco.
Spettacolo garantito www.marcodimaggio.com
Marco Di Magg Io – Chitarra Elettrica E Voce
Massimo Di Maggio – Voce E Chitarra Acustica
Matteo Giannetti – Contrabbasso
Marco Barsanti – Batteria

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply