I martedì al Cinema a tre euro a Treviso e provincia 2016-05-08
Time To Lose

Eventi

I martedì al Cinema a tre euro a Treviso e provincia

Secondo appuntamento, martedì 10 maggio 2016 nelle sale cinematografiche di Treviso e provincia con la rassegna organizzata dalla Regione Veneto per il cinema di qualità. I martedì al cinema: tutti i martedì del mese di maggio 2016, porteranno nelle sale cinematografiche aderenti alla Fice opere cinematografiche d’autore che saranno fruibili al pubblico al costo ridotto di tre euro.

Ogni settimana gli appassionati di cinema potranno verificare quali opere sono in cartellone a tre euro sul sito internet www.spettacoloveneto.it, oppure attraverso l’applicazione per smartphone e tablet APP al Cinema.

Doppio appuntamento al Multisala Corso di Treviso che, alle 17.30, 19.45 e 22.00, propone Al di là delle montagne (Drammatico, Cina, Francia, Giappone 2015, 131’) di Jia Zhang-Ke. Cina, 1999. Amici d’infanzia Liangzi e Zhang sono entrambi innamorati di Tao, la bella della città. Tao alla fine decide di sposare il ricco Zhang. Hanno presto un figlio di nome Dollar. Dalla Cina all’Australia, le vite, gli amori, le speranze e le disillusioni di una famiglia su più di due generazioni in una società in continua evoluzione. In alternativa, alle 17.30, 20.00 e 22.00, si potrà assistere a Truman – Un vero amico è per sempre (Commedia, Spagna, Argentina 2015, 108’) di Cesc Gay, Premio Goya 2016 per il miglior film. Julián, affascinante attore argentino che vive da lungo tempo a Madrid, riceve la visita inaspettata di Tomás, un caro amico trasferito in Canada. Insieme a Truman, il fedelissimo e inseparabile cane di Julián, che quest’ultimo considera come un figlio, i due amici trascorreranno quattro giorni intensi e indimenticabili, nonostante la difficile situazione che Julián sta affrontando.

Sempre in centro a Treviso, la programmazione del Multisala Edera offre al costo di tre euro, alle 17.30, 20.05 e 22.20, Brooklyn (Drammatico, Irlanda Gran Bretagna 2015, 113’) di John Crowley. L’opera racconta la storia molto toccante di Eilis Lacey, una giovane immigrata irlandese che si fa strada nella Brooklyn degli anni ‘50. Attratta dalla promessa dell’America, Eilis lascia l’Irlanda e le comodità della casa materna alla volta della costa di New York. L’inibizione iniziale dovuta alla nostalgia di casa scompare rapidamente con il coinvolgimento in una relazione che catapulta Eilis nel mondo affascinante e inebriante dell’amore. Presto però questo entusiasmo viene spento dal suo passato e la giovane si trova a dover scegliere tra due paesi differenti e le vite che essi comportano.

In provincia, il Cinema Cristallo di Oderzo propone, alle 20.00 e 22.00, la visione de La corrispondenza (Drammatico, Italia 2015, 116’) di Giuseppe Tornatore, David di Donatello 2016 – David giovani. Protagonista del film è una giovane studentessa universitaria che impiega il tempo libero facendo la controfigura per la televisione e il cinema. La sua specialità sono le scene d’azione, le acrobazie cariche di suspense, le situazioni di pericolo che nelle storie di finzione si concludono fatalmente con la morte del suo doppio. Le piace riaprire gli occhi dopo ogni morte. La rende invincibile, o forse l’aiuta a esorcizzare un antico senso di colpa. Ma un giorno il professore di astrofisica di cui è profondamente innamorata sembra svanire nel nulla.

Doppio appuntamento al Multisala Italia di Montebelluna. Alle 15.30 inizia la proiezione di The Dressmaker – Il diavolo è tornato (Commedia sentimentale, Australia 2015, 118’) di Jocelyn Moorhouse. Il film è ambientato nel 1951. Tilly Dunnage, affascinante e talentuosa stilista, dopo aver lavorato per anni per i più grandi atelier parigini di haute couture, decide di far ritorno a Dungatar, un piccolo paesino nel sud est dell’Australia. Dopo quasi 20 anni di assenza, Tilly, che, ancora bambina, ha dovuto abbandonare la città natale in seguito a un tragico evento, torna per stare accanto all’eccentrica madre, Molly, e affrontare un passato scomodo e doloroso. Alle 15.30, 19.00 e 21.50 è invece il turno di Oscar (Guerra, Italia 2016, 115’) di Dennis Dellai. La storia è liberamente ispirata alla vicenda di Oscar Klein, jazzista ebreo austriaco, che nei primi mesi del 1944 riuscì a sfuggire alle persecuzioni naziste grazie all’aiuto di una organizzazione partigiana del Vicentino. Un giovane ebreo austriaco, al confino nell’Alto Vicentino assieme ai suoi famigliari, si conquista la simpatia della piccola comunità in cui è costretto a vivere, contagiando tutti con la passione del jazz, musica proibita dal regime fascista. Dopo l’8 settembre e la conseguente occupazione tedesca, Oscar e i suoi sono costretti a fuggire. Grazie all’aiuto di tutta la comunità entreranno in contatto con una organizzazione partigiana che li aiuterà a raggiungere il confine svizzero, e con esso la salvezza.

Sono due anche le proposte del Multisala Georges Melies di Conegliano. Alle 17.30, 19.45 e 22.00 inizia La foresta dei sogni (Drammatico, USA 2015, 110’) di Gus Van Sant. Sono l’amore e il rimorso a condurre Arthur Brennan all’altro capo del mondo, in Giappone, nella foresta fitta e misteriosa di Aokigahara, nota come la foresta dei sogni, situata alle pendici del Monte Fuji. Un cammino di riflessione e di sopravvivenza che conferma la voglia di vivere di Arthur e gli fa riscoprire l’amore per la moglie. In alternativa si può scegliere (alle 17.40, 20.00 e 22.15) Mister Chocolat (Drammatico, Francia 2015, 110’) di Roschdy Zem. Rafael Padilla, nome d’arte Chocolat, nacque a Cuba intorno al 1860. Dal circo al teatro, dall’anonimato alla fama, il film racconta il suo incredibile destino di primo artista nero in Francia a calcare la scena di un teatro e, con il clown Footit, a creare un duo comico di successo tra un artista bianco e uno di colore divenuto poi popolare nella Parigi della Belle Epoque, fino a quando questioni legate al denaro, al gioco d’azzardo e alla discriminazione razziale compromisero l’amicizia e la carriera di Chocolat. Il film racconta la struggente storia vera di un’amicizia unica e profonda in un’epoca di pregiudizi e discriminazioni.

Il costo del biglietto è di 3 euro. Nel caso di Multisala verificare preventivamente quali proiezioni sono a 3 euro. La prenotazione dei posti è facoltà riservata alla gestione della sala.

Per informazioni: Fice Tre Venezie www.spettacoloveneto.it
Ufficio Stampa Studio Pierrepi

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply