Eventi

La biblioteca incontra – Appuntamenti in Fondazione Benetton

La biblioteca incontra – Nella mente dello storico dell’arte: il metodo di Luigi Coletti, martedì 21 febbraio 2017 ore 18:00 alla Fondazione Benetton Studi Ricerche di Treviso. La biblioteca incontra, annuale iniziativa dedicata all’approfondimento e alla valorizzazione del patrimonio documentario conservato dalla Fondazione Benetton Studi Ricerche, si articola quest’anno in quattro appuntamenti interamente dedicati al Fondo Coletti.
Si tratta di un patrimonio culturale unico nel Trevigiano, e un raro esempio di conservazione organica di una biblioteca e di un archivio che documentano e raccontano una delle famiglie più importanti della città e alcuni dei suoi membri più rappresentativi, nel dipanarsi di oltre un secolo della storia recente, di rilevanza non solo locale ma anche nazionale.

Nel primo incontro, Nella mente dello storico dell’arte: il metodo di Luigi Coletti, in programma martedì 21 febbraio alle ore 18 negli spazi Bomben di Treviso, Alice Cutullé, anch’essa storica dell’arte, ripercorrerà un itinerario ideale nel percorso di lavoro di Luigi Coletti (1886-1961) attraverso l’analisi di alcune sezioni del suo archivio, dedicate, in particolare, ad alcuni importanti artisti oggetto di studi monografici, quali Tomaso da Modena e Giorgione. Ne parlerà insieme a Giuliana Tomasella, docente di Storia della critica d’arte presso l’Università degli studi di Padova, che si occupa dell’origine della disciplina attraverso lo studio dei grandi storici dell’arte del Novecento e che recentemente ha curato, presso l’ateneo patavino, la mostra a essi dedicata, Alle radici del metodo. Luigi Coletti, storico dell’arte e critico d’arte, iniziò la carriera accademica nel 1937 a Bologna e la concluse nel 1957 a Trieste. Notevole la sua opera per il patrimonio storico e artistico di Treviso, ove fu conservatore del Museo e della Pinacoteca civica; molti gli impegni onorari, tra cui quello di membro del consiglio dell’Istituto di storia dell’arte della Fondazione Cini.

I prossimi appuntamenti del ciclo La biblioteca incontra saranno: Luigi Coletti e l’Associazione per il Patrimonio Artistico Trevigiano, con Eugenio Manzato e Chiara Voltarel, storici dell’arte (21 marzo); Restaurare a Treviso tra buone pratiche e istituzioni: l’esempio di Luigi Coletti, con Rossella Riscica, architetto, Antonio Bigolin, restauratore, e Luca Majoli, Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per l’area metropolitana di Venezia e le province di Belluno, Padova e Treviso (11 aprile); La famiglia Coletti, un trait d’union di lunga durata fra Treviso e Cadore, con Bruno De Donà, storico e giornalista, e Emanuele D’Andrea, avvocato e vice presidente della Magnifica Comunità di Cadore (23 maggio).

Il Fondo Coletti, conservato in Fondazione Benetton da alcuni anni, è da tempo fonte libraria e documentaria preziosa per ricercatori, interni ed esterni, e oggetto di un sistematico lavoro di analisi e catalogazione che ne sta progressivamente rivelando le peculiari caratteristiche e i molteplici elementi di interesse.
Si tratta di un fondo complesso che comprende la biblioteca e l’archivio della famiglia Coletti – che dall’originario Cadore si insediò nella metà dell’Ottocento a Treviso –, e in particolare del capostipite di questo ramo familiare, Luigi Coletti (1812-1892), eminente avvocato e fervente patriota; di Isidoro Alberto Coletti (1851-1945), imprenditore, impegnato in campo amministrativo e pubblico; di Luigi Coletti (1886-1961), storico dell’arte e critico d’arte; e di Fernando (Nando) Coletti (1923-1997), studioso e professore di letteratura a Padova, Treviso e Venezia, attivamente presente nella vita cittadina.
Il fondo contiene documentazione dalla seconda metà dell’Ottocento alla fine del secolo scorso, e porta un contributo importante alla conoscenza della storia della città di Treviso, grazie alla partecipazione di tutti i membri della famiglia alla vita amministrativa, sociale e culturale trevigiana.

La biblioteca comprende indicativamente 14.500 volumi e opuscoli, circa 100 testate di periodici, 400 miscellanee di pubblicazioni e documenti, una trentina di manoscritti, il catalogo manoscritto della biblioteca. Le discipline e gli argomenti prevalenti sono: letteratura italiana, storia dell’arte, letterature europee e delle lingue classiche, critica letteraria, estetica, filosofia, storia; vi sono inoltre guide turistiche e artistiche, libri scolastici e per ragazzi, libretti d’opera, programmi teatrali, spartiti musicali.
L’archivio comprende l’archivio famigliare, buste d’archivio contenenti documenti e carteggi relativi ai singoli membri della famiglia, registri, pubblicazioni per nozze, diplomi e mappe. Emerge, per particolare evidenza, così come nella biblioteca, la documentazione personale e professionale di Luigi e Nando Coletti.

Ingresso libero.
Per informazioni: Fondazione Benetton, tel. 0422.5121, biblioteca@fbsr.it, www.fbsr.it.

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply