Eventi

Il Prosecco in una mostra sensoriale a Palazzo Sarcinelli

A Palazzo Sarcinelli di Conegliano le Terre del Prosecco in una mostra sensoriale. Una mostra sperimentale: 30 riproduzioni di grande formato, 4 inedite profumazioni dei terroir dove cresce il Prosecco Superiore Docg. Dal paesaggio immaginato al paesaggio reale. E attraverso una pagina internet www.proseccoshire.it ed il profilo facebook si possono lasciare i propri commenti sulla candidatura a Patrimonio dell’Umanità e vincere un biglietto per la mostra Carpaccio Vittore e Benedetto

A Palazzo Sarcinelli si è aperta una mostra sul paesaggio del Prosecco Superiore che unisce vista e olfatto. Per la prima volta nel cinquecentesco palazzo comunale il visitatore è invitato a fare un percorso sensoriale tra 29 immagini di grande formato (+ 1 che si può ammirare già nell’Androne del Palazzo) e 4 profumazioni del terroir del Prosecco ispirate a diversi momenti del giorno e dell’anno.
Dentro le immagini, dentro i profumi, rivivendo il ciclo naturale del giorno e della notte, delle quattro stagioni, della pioggia e del sole, il visitatore é chiamato a confrontarsi con il paesaggio – spiega la curatrice, architetto Sara D’Altoé – quello atavico, desiderato o immaginato, e quello reale, con il quale entrerà pienamente in relazione solamente uscendo all’esterno e poi riferendo le sue impressioni attraverso la rete dei social network attivata per l’occasione.

Una formula sperimentale, che mette insieme vent’anni di scatti del fotografo di paesaggio Francesco Galifi, e una ricerca durata 6 mesi a cura del profumiere Roberto Dario, su commissione di EUROISA ( l’Istituto Europeo di Analisi Sensoriale, il primo del sistema Confindustriale italiano).
La mostra è frutto del confronto tra i sopralluoghi fatti nell’area interessata , le analisi tecniche dei terroir, la documentazione storica sulle evoluzioni del nostro paesaggio – spiega Emanuele Serafin, co-curatore della mostra – quello collinare che afferisce al Prosecco Superiore, un territorio di circa 20 mila ettari che corrisponde a quello circoscritto dal triangolo disegnato tra i Comuni di Conegliano, Vittorio Veneto e Valdobbiadene, in tutto 15 comuni.

Dal paesaggio immaginato al paesaggio reale tocca al visitatore ripercorre e rivivere il racconto della mostra nella realtà esterna a Palazzo Sarcinelli. Con una gradita sorpresa.
A tutti coloro che lasceranno le loro impressioni sulla pagina del sito www.proseccoshire.it sarà dato in omaggio un biglietto di ingresso alla mostra: Carpaccio, Vittore e Benedetto da Venezia all’Istria’ a Palazzo Sarcinelli fino al 28 Giugno.

Il percorso nella galleria novecento di Palazzo Sarcinelli
Attraverso immagini di grande formato (in media, 3 metri X 2) del fotografo paesaggista Francesco Galifi e 4 profumazioni realizzate dal profumiere Roberto Dario (Collabora con EUROISA dal 2014), il visitatore viene accompagnato in un percorso sensoriale che lo immerge e lo proietta dentro e fuori dalla mostra, al centro del paesaggio culturale, candidato a diventare patrimonio dell’Umanità.
Sono 29 riproduzioni, in dialogo costante con i profumi delle diverse stagioni di un territorio spettacolare, quello che si estende tra Conegliano e Valdobbiadene, riprodotti in forma unica e per la prima volta nel cinquecentesco palazzo comunale.

Prima sala (4 immagini) – L’osservatore é immerso nella dimensione del paesaggio ma in modo inconsapevole. Il rapporto é distaccato. L’uomo é chiuso nella sua dimensione egoistica ed erotica ed il paesaggio sembra sottolinearono. Lo si riscontra nei titoli delle foto che, seppure riferite al paesaggio, richiamano alla dimensione umana: le tre età, incombe la tempesta, la gioia di vivere, la fatica.
Seconda sala (9 immagini) – comincia il dialogo tra immagini e profumi sul tema delle 24 ore, dall’alba al tramonto; é un paesaggio ancora immaginato quello che ha davanti il visitatore ma nel quale prende piano piano consapevolezza del proprio ruolo, seppure nel trascorrere imperturbabile del tempo che lo rende ancora un po’ spettatore.
I profumi: Mattina…la freschezza verde dei primi germogli, delle prime foglie e dell’erba calpestata passeggiando al mattino in collina, accompagnati dal sole luminoso e dal cielo blu…Sera…dopo una giornata assolata, sulle colline mentre il sole tramonta, si avverte l’odore della terra, caldo, ricco, legnoso che la brezza collinare tende poi ad addolcire, mescolandolo all’odore dei cespugli in fiore… Le immagini: Alba a Collalbrigo (Conegliano), Mattina a Guia (Valdobbiadene), Giorno a Colbertaldo (Vidor), Giorno a Farra di Soligo, Pomeriggio in Valbona (Conegliano), Pomeriggio a Costa (Conegliano), Sera a Carpesica (Vittorio Veneto), Tramonto sul Piave (Susegana), Crepuscolo a Rolle (Cison di Valmarino).
Terza sala (9 immagini): é quella del ciclo naturale delle stagioni, nel quale l’uomo prende consapevolezza di essere attore e regista del paesaggio, di essere dentro ma soprattutto dietro il paesaggio. É qui che oltre alla meraviglia si sviluppa una coscienza ecologica e ambientale. I profumi: Primavera/estate…la primavera e l’estate, le stagioni calde, risvegliano la vita: i sentori freschi e verdi delle erbe e quelli floreali dei fiori di campo insieme alle note fragranti e secche delle essenze legnose inondano l’aria delle colline coneglianesi…Autunno/inverno…l’autunno e l’inverno: le giornate si accorciano e l’aria comincia il lento raffreddamento riempendosi di sentori caldi e terrosi. Le prime nebbie che cominciano a formarsi nell’aria e trasportano gli odori della raccolta dell’uva, dei tralci e le foglie che vengono tagliati e dei primi sentori di cantina…
Le immagini: Primavera sul Lago di Santa Maria (Revine), Primavera a Costa (Conegliano), Primavera a Confin (Vittorio Veneto), Estate a Santo Stefano (Valdobbiadene), Estate a Formeniga (Vittorio Veneto), Autunno a Refrontolo, Autunno a San Pietro di Feletto, Inverno a Combai (Miane), Inverno a San Pietro di Feletto
Quarta sala (5 immagini): la fotografia diventa pittura, pennellate ora a tinte forti ora manieriste e barocche che proiettano il visitatore fuori dalla Galleria, all’esterno, predisponendolo alla ricerca della meraviglia piena, alla ricerca di un equilibrio tra l’uomo moderno ed il paesaggio reale.
Ma soprattutto spingendolo ad indagare in quel paesaggio le stratificazioni della mano umana, cercando di comprenderne le ragioni per una più ampia lettura, alla conoscenza dei luoghi e delle genti che lo hanno reso così unico.

All’esterno (il paesaggio reale, l’interazione con i social): Di questo paesaggio culturale, che va verso il riconoscimento di patrimonio UNESCO, vorremmo sapere cosa pensa il visitatore della mostra, che viene chiediamo a raccontare con testi e immagini il suo paesaggio grazie all’ausilio dei social network, facebook e twitter in particolare, una volta usciti e fatta esperienza diretta sul territorio.

I Protagonisti

Il Fotografo – Francesco Galifi (Conegliano, 1968), fotografo paesaggista, ha realizzato le foto. Gli studi classici e la conoscenza della storia dell’arte (laurea in conservazione dei beni culturali a Udine) hanno contribuito alla formazione della sua personalità artistica. La sua fotografia prende ispirazione in particolare dall’arte pittorica e privilegia i fiamminghi, l’arte Veneta del Rinascimento, soprattutto quella di Giorgione, e la pittura degli impressionisti. Il lavoro è impostato sulla meticolosa ricerca di un equilibrio tra luce, forma, colore e l’aspetto più emozionale che riesce a trasmettere la natura.
Osservatore attento e appassionato del territorio è stato in grado di dare un contributo fondamentale alla valorizzazione del patrimonio paesaggistico delle colline di Conegliano Valdobbiadene, territori famosi per la produzione del Prosecco.

Il Profumiere – Roberto Dario (che opera con EUROISA)
Dopo aver conseguito la laurea in Chimica, inizia a lavorare come ricercatore e si avvicina poi al mondo dell’olfatto, quando la sua curiosità lo spinge a saperne di più sull’odore delle molecole con cui lavora in laboratorio.
Viene rapito da questa nuova dimensione sensoriale ed intraprende perciò il suo cammino di apprendimento nel mondo dei profumi, in un crescendo di esperienze olfattive dove la conoscenza chimica e la passione per gli odori si sono unite.
Lavora come consulente per la creazione di profumi e loghi olfattivi e organizza corsi e seminari sull’olfatto, sugli odori e di conoscenza dei profumi.

I Curatori – Sara D’Altoé (Conegliano, 1978), architetto, laureata allo IUAV di Venezia e con studi anche alle Belle Arti di Siviglia (Spagna), negli anni ha sviluppato competenze particolari nella conservazione del patrimonio storico artistico ed architettonico, con una forte sensibilità per il paesaggio, ha curato l’allestimento in mostra e ha effettuato la selezione delle immagini; Emanuele Serafin (Conegliano, 1984), enologo, ha curato la ricerca sui terroir e ha realizzato le schede tecniche per la creazione dei profumi; Marco Ceotto (Vittorio Veneto, 1974), comunicatore di formazione umanistica, con esperienza nell’organizzazione di eventi culturali, si é occupato del project management e del copyright; Anna Carlet (Sacile, 1979), musicista (chitarra, liuto e vihuela) e insegnante di strumento con formazione umanistica ed esperienza di direzione artistica di rassegne concertistiche e festival.

Informazioni
Galleria Novecento di Palazzo Sarcinelli (3 piano con ascensore)
Via XX Settembre 132, Conegliano TV
A cura di Sara D’Altoé, Emanuele Serafin, Anna Carlet, Marco Ceotto
Foto – Francesco Galifi
Orari; dal 7 al 28 giugno 2015
Martedì – Venerdì: dalle 10-13 / Sabato e Domenica: dalle 15-18
Tuesday – Friday: 10-13 / Saturday and Sunday: 15-18
Orari; dal 4 al 27 settembre 2015
Venerdì – Sabato – Domenica: dalle 10-13 / dalle 15-18
Friday, Saturday and Sunday: 10-13 / 15-18
Entrata libera

Per informazioni;
www.proseccoshire.it proseccoshire@gmail.com
Seguici / Follow us : facebook proseccoshire twitter proseccoshire
internet: www.proseccoshire.it I mail: proseccoshire@gmail.com
fonte; comune.conegliano.tv.it

Patrocini : Regione del Veneto, Provincia di Treviso, Camera di Commercio IAA Treviso, Consorzio Conegliano Valdobbiadene, IPA Terre Alte
Collaborazioni : EUROISA, Liceo scientifico Marconi, ITT Da Collo, Scuola enologica Cerletti, Strada del prosecco e Vini dei Colli Conegliano Valdobbiadene, Civita Tre Venezie, Gal Altamarca
Contributi : Ascom Conegliano, Primavera del Prosecco Superiore, Conegliano In Cima

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply