Un quartetto per John Taylor al Teatro Eden di Treviso 2016-01-04
Time To Lose

Eventi

Un quartetto per John Taylor al Teatro Eden di Treviso

Teatro Eden in Jazz: Omaggio a John Taylor sabato 9 gennaio alle ore 20:45. Un quartetto per John Taylor: il quartetto rispecchia un progetto che Taylor aveva in mente pochi giorni prima della sua improvvisa scomparsa per un tour che si sarebbe dovuto tenere in Inghilterra: Taylor parlava di un quartetto jazz interagente con un quartetto d’archi. In questa occasione saranno presenti solo i componenti del quartetto jazz con cui John Taylor intendeva lavorare, essendo le parti per quartetto d’archi non scritte. Al pianoforte siede il suo miglior ex-allievo che, già da oltre una decina d’anni, suona nei migliori festival europei.

Come purtroppo noto il meraviglioso pianista e compositore inglese John Taylor è scomparso lo scorso 18 luglio.
Difficile ricordare in poche righe lo stile inconfondibile e magistrale del pianista britannico: innanzitutto il tocco, probabilmente uno dei pianisti jazz con la più variegata paletta timbrica a disposizione, che poteva spaziare dalla leggera grazia e raffinatezza di un jeu perlé di ascendenza classica sino a un percussivismo che poteva richiamare sia certe opere di Bartók o Prokof’ev, sia generi più moderni ed energici come il rock progressivo o similari; il linguaggio armonico, chiaramente influenzato dal suo amatissimo maestro, amico e compositore, pure recentemente scomparso, il trombettista anglo-canadese Kenny Wheeler, ma ancora una volta un’influenza perfettamente mutuata e arricchita da reminiscenze di un compositore francese che spesso era sul leggio del pianoforte di John, Oliver Messiaen; e non si può dimenticare l’approccio ritmico, ma sarebbe certo più giusto dire poliritmico, delle sue composizioni e delle sue improvvisazioni. E si potrebbe continuare, ma preferiamo scrivere una sentenza lapidaria: il modo di suonare di John Taylor era unico.

Ecco perché di fronte alla tragica notizia della sua scomparsa l’unica possibilità per ricordarlo degnamente, ci è parsa la seguente: una serata interamente dedicata alle sue musiche eseguite dai musicisti e amici con cui lui più amava collaborare negli anni recenti. John ci ha lasciati, è vero, ma ci ha anche lasciato un vero e proprio inestimabile tesoro con le sue musiche.
Andrea Marini

Omaggio a John Taylor
Diana Torto – voce
Julian Siegel – clarinetto basso & sassofoni
Pablo Held – pianoforte
Anders Jormin – contrabbasso

John Taylor è nato a Manchester e ha iniziato a imporsi all’attenzione del pubblico del jazz nei primi anni ’70, lavorando sia come leader sia come sideman con formazioni eccezionali quali Azimuth, il Trio di Peter Erskine e collaborando inoltre con svariati musicisti tra i quali Jan Garbarek, Lee Konitz, Mark Feldman, Marc Johnson, Steve Swallow, Joey Baron, etc.
Negli ultimi dieci anni John Taylor ha iniziato a lavorare principalmente su due suoi progetti: il suo attuale Trio, con Palle Danielsson e Martin France, con cui ha già realizzato due CD per CamJazz, Angel of the Presence e Whirlpool; un nuovo quartetto in cui figurano ancora Palle Danielsson e Martin France assieme al sassofonista Julian Argüelles, con i quali è stato registrato un CD: Requiem for a Dreamer, pubblicato per CamJazz.
John ha anche iniziato un’intensa attività di piano solo esibendosi in diversi concerti in Europa, Australia e Canada e registrando altri due CD nel 2005 (Songs and Variations) e nel 2009 (Phases) e di recente pubblicazione (gennaio 2014) In Two Minds.

Nel 2004 John ha inoltre iniziato una nuova e assidua collaborazione in duo e in altre formazioni con la cantante italiana Diana Torto. Assieme sono stati ospiti solisti nel marzo 2010 con la WDR big band in un importante progetto, trasmesso in radiodiffusione europea dalla Radio Tedesca, con nuovi arrangiamenti appositamente scritti per i due solisti e big band, commissionati dalla WDR, e sono poi stati nuovamente invitati in duo assieme alla prestigiosa orchestra nel settembre 2012 per festeggiare il 70° compleanno del pianista britannico.
Dal giugno 2013 John Taylor ha dato vita a un nuovo progetto John plays Paul, un progetto a geometria variabile di arrangiamenti del pianista inglese di brani di Paul McCartney: in trio, assieme a Diana Torto e Julian Siegel; o in quintetto con l’aggiunta di Anders Jormin e Martin France.

Teatro Eden
Via Monterumici Treviso
info e fonte; Teatri e Umanesimo Latino S.p.A.
Tel. 0422 540480 www.teatrispa.it

CdZ - TTL Founder & CEO.                                                                  Contatta la redazione per richieste e rettifiche in Contact us. TimeToLose non può essere ritenuta responsabile delle eventuali modifiche al programma degli eventi pubblicati in Agenda.

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply