Ensemble Vivaldi in concerto in Santa Maria dei Miracoli 2012-07-11
Time To Lose

Festival

Ensemble Vivaldi in concerto in Santa Maria dei Miracoli

Veneto Festival 2012 (42° Festival Internazionale G. Tartini) “Ensemble Vivaldi” de “I Solisti Veneti” Motta di Livenza Chiostro Della Basilica di Santa Maria dei Miracoli, sabato 14 luglio 2012  – Ore 21. Geometrie Variabili è il titolo dell´imminente, attesissimo appuntamento che il “Veneto Festival 2012” (42° Festival Internazionale G. Tartini) in collaborazione con la Regione del Veneto, con la Provincia di Treviso – Reteventi Cultura, con la Basilica di Santa Maria dei Miracoli e con il Comune di Motta di Livenza.

Programma
Gounod – “Inno Pontificio” (Omaggio al luogo sacro)
Mozart – “Eine kleine Nachtmusik” K 525 (“Piccola serenata notturna”)
Haydn – Trio in re maggiore per viola d´amore, violino e violoncello
Vivaldi – Sonata in do minore RV 6 per violino e violoncello
Paganini – “Les charmes de Padoue” (“Il fascino di Padova”) per violino e archi
Chopin – Variazioni per ottavino e archi su un tema di Rossini
Rossini – Variazioni in mi bemolle maggiore per clarinetto e archi

Al centro dell´importante serata culturale sarà la musica, senza dubbio, e di grande musica si tratta, eseguita – e questo è il primo aspetto straordinario della serata – da interpreti di tutta eccezione. La sera del 14 luglio sarà infatti a Motta di Livenza uno dei più amati e popolari  ensembles fra quanti ne sono nati dall´inesauribile creatività artistica de “I Solisti Veneti” in cinquant´anni di gloriosa attività. Non occorrono certo tante parole per richiamare l´universale celebrità dell´”Ensemble Vivaldi” de “I Solisti Veneti”, composto dalle prime parti della celebre orchestra padovana, che nel Chiostro della Basilica di Santa Maria dei Miracoli si lancerà nell´interpretazione di un programma ricco di capolavori emozionanti. A partire dal brano iniziale: il solenne Inno Pontificio di Charles Gounod, che sarà omaggio al luogo sacro che accoglierà la manifestazione, per poi schiudere un suggestivo panorama musicale librato tra il Classicismo e il Romanticismo, con pagine immortali come la serenata “Eine kleine Nachtmusik” K 525 di Wolfgang Amadeus Mozart, capolavoro che piccolo è solo nel titolo, e Mozart – sempre pieno di spirito – lo sapeva assai bene quando elegantemente la chiamò così!
I bravi solisti dell´”Ensemble Vivaldi” proseguiranno poi con un altro titano del Classicismo viennese, Franz Joseph Haydn, del quale interpreteranno il raro Trio in re maggiore per viola d´amore, violino e violoncello, occasione quasi unica per gustare le sonorità antiche e suggestive di uno strumento – la viola d´amore – che oggigiorno non si ode tanto di frequente. Sarà poi la volta di Antonio Vivaldi, con la sua Sonata in do minore per violino e violoncello, un capolavoro del camerismo veneziano del Settecento, prima che la serata prenda letteralmente il volo sulle ali del grande virtuosismo strumentale del primo Ottocento. Se da sempre il virtuosismo sfrenato è un po´ il fiore all´occhiello dell´”Ensemble Vivaldi” questo sarà ancora più vero la sera del 14 luglio, con ben tre grandi brani di funambolico virtuosismo, il primo dei quali – “Les charmes de Padoue” per violino e archi – composto da un musicista che è ormai una leggenda del virtuosismo: Niccolò Paganini. Una pagina che contempera mirabilmente poesia descrittiva e virtuosismo e che ben introduce le successive Variazioni per ottavino e archi che Fryderyk Chopin – che era un grande ammiratore di Rossini – scrisse su uno dei più brillanti temi rossiniani, esattamente il tema del Rondò conclusivo della Cenerentola: “Non più mesta accanto al fuoco”. Infine, per concludere in gloria (in fondo sempre in un luogo sacro si sarà!) ecco Rossini in persona, e la sua più esaltante pagina strumentale: quelle Variazioni in mi bemolle maggiore per clarinetto e archi che egli scrisse rielaborando due suoi fortunatissimi temi, l`uno tratto dall´Oratorio Sacro Mosè in Egitto e l´altro dal melodramma La Donna del lago. In effetti questo sarebbe l´ultimo brano che compare sul programma, almeno così come è previsto sulla carta, ma se non si può dire che qui comincerà la vera emozione (tutto il programma sarà una grande emozione!) cominceranno senza dubbio qui le sorprese: è già sicura infatti una serie pirotecnica di  “fuori programma” (i tanto amati bis!) che con l’irresistibile gioia di far musica che da sempre li contraddistingue i bravi solisti dell´”Ensemble Vivaldi” sempre concedono all’entusiasta pubblico che invariabilmente gremisce le sale ad ogni loro apparizione.

Il “Veneto Festival” giunto alla sua quarantaduesima edizione – un felice traguardo! – conferma anche quest’anno la propria vocazione all’esaltazione e alla diffusione del ricchissimo patrimonio musicale di tutti i tempi. Inauguratosi lo scorso maggio il “Veneto Festival 2012” ha presentato uno straordinario calendario di concerti per tutto maggio e giugno e prosegue ora con una ricca serie di serate straordinarie per i mesi di luglio e agosto. Itinerando nei luoghi artisticamente più interessanti del Veneto (e non solo del Veneto), le numerose manifestazioni del Festival si arricchiscono di volta in volta della presenza di artisti di fama internazionale appositamente invitati per conferire ampiezza e splendore ad una serie di appuntamenti già di per sé eccezionale e per confermare la fama di un festival che, per valore culturale e artistico, rientra fra i più prestigiosi e qualificati Festival Internazionali d’Europa.

 

Ingresso – Prezzo Unico € 10,00. Biglietti a Motta Di Livenza presso Libreria Montan (Borgo Girolamo Aleandro, 13 – tel. 0422 766152); a Oderzo presso Libreria Becco Giallo (Via Umberto I, 29, tel. 0422 712472); a Conegliano presso Libreria Quartiere Latino (Via XI Febbraio, 34 – tel. 0438 411989) e Libreria Canova (Via Cavour, 6 – tel. 0438 22680) e a Padova presso Ente Veneto Festival (Piazzale Pontecorvo 4/A – tel. 049 666128)

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply