Mostra – Continents: Treviso Ricerca Arte 2009-10-19
Time To Lose

Cultura

Mostra – Continents: Treviso Ricerca Arte

Si intitola “Continents” la mostra che l’Associazione TRA – Treviso Ricerca Arte e la galleria milanese Pack organizzano per il 24 ottobre presso la sede dello Spazio Paraggi. Un’appendice dell’esposizione invece, si terrà presso il negozio Apres Paris, in linea con la mission di TRA di portare l’arte contemporanea fuori dai luoghi… tradizionali di fruizione.
Un altro appuntamento per l’arte contemporanea viene proposto alla città di Treviso e, come nel caso della mostra “Second skin”, è ancora una volta un evento internazionale, connotato dalla presenza di artisti conosciuti in tutto il mondo. Da qui nasce la collaborazione con Galleria Pack che si è affermata in questi anni come una delle poche realtà italiane a lavorare direttamente con i protagonisti dell’arte non solo europea, ma anche cinese, cubana e nord americana.

Con “CONTINENTS”, il curatore Valerio Dehò, ha voluto sottolineare l’aspetto dell’incontro di esperienze provenienti da continenti diversi, rappresentati per l’occasione dal cinese Zhang Huan, dalla cubana Maria Magdalena Campos-Pons e dall’artista macedone, ma ormai residente a Milano da diversi anni, Robert Gligorov.

I continenti richiamati dal titolo della mostra sono in questo caso anche gli artisti stessi.

Ognuno di loro è portatore di un proprio particolare territorio d’idee, di esperienze, di soluzioni espressive che vengono messe a confronto attraverso una ventina di opere. Si tratta di artisti che hanno lavorato spesso sia su tematiche politico-sociali che legate al corpo, come estrema testimonianza di resistenza umana fisica e psichica, come limite tra individuo e società.

Zhang Huan è uno dei primi artisti cinesi che hanno raggiunto la notorietà internazionale: le sue opere sono presenti nei maggiori musei e collezioni mondiali, dal MOMA di New York al MOCA di Los Angeles e in Europa presso il Centre Pompidou di Parigi o la Collezione Saatchi di Londra. In mostra potremo ammirare un suo lavoro storico “12 metri quadri” del 1994, oltre alle fotografie della serie “Window” (2004) e “My Rome” (2005).

Maria Magdalena Campos-Pons è un artista che realizza installazioni, fotografie, dipinti e assemblaggi partendo sempre dalla sua esperienza personale, dal suo corpo, per confrontarsi con il mondo di valori e segni che conosce e con cui si confronta in giro per il mondo. Opera sempre sul recupero delle esperienze più semplici e popolari, dando forza ad oggetti comuni, ad immagini e oggetti provenienti dalla realtà quotidiana. In mostra saranno presenti, oltre ad una serie di straordinarie polaroid degli anni novanta, alcuni lavori realizzati a Padova nel 2006. Città in cui l’artista ha vissuto alcuni mesi confrontandosi con la cultura alta, come quella giottesca degli Scrovegni, e con la realtà quotidiana dei migranti africani.

Robert Gligorov è artista che sa unire intelligenza e provocazione, in opere sempre forti, esplicite, senza mezze misure. Già presente a Treviso nella mostra “Second skin”, in “CONTINENTS” vengono esposti alcuni suoi lavori fotografici ed istallativi realizzati recentemente e in cui i grandi temi sociali si mescolano alla critica del mondo dell’arte. Gligorov però non rinuncia mai alla bellezza anche quando cerca e ottiene effetti forti proprio per superare il mondo mediale che appiattisce ogni comunicazione.

Attraverso la collaborazione con una prestigiosa galleria come Pack di Milano, il programma dell’associazione TRA continua a portare a Treviso l’arte contemporanea internazionale più nuova e interessante, nell’intento di creare sensibilità e collezionismo in un territorio profondamente vocato all’innovazione come la Marca trevigiana.

“CONTINENTS” a cura di Valerio Dehò Dal 24 ottobre al 6 dicembre 2009

Opere di:
ZHANG HUAN
ROBERT GLIGOROV
MARIA MAGDALENA CAMPOS-PONS


Mostra organizzata da:
TRA – Treviso Ricerca Arte

In collaborazione con:
Galleria Pack, Milano

INAUGURAZIONE: SABATO 24 OTTOBRE
ore 17.00 – cocktail presso Apres Paris
ore 18.30 – Spazio Paraggi

Spazio Paraggi
Via Pescatori 23 – Treviso
dal mercoledì al sabato, dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 19.30
domenica dalle 16.00 alle 19.30

Apres Paris

Via Barberia 34 – Treviso
lunedì dalle 15.00 alle 19.00
dal martedì al sabato, dalle 10.00 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 19.00

Biografie degli artisti

Maria Magdalena Campos-Pons
Nata nel 1959 a Matanzas, Cuba, vive e lavora a Brookline, Massachusetts.
Attraverso le sue installazioni e i suoi lavori fotografici o grafici, l’artista cubana Maria Magdalena Campos-Pons dispiega la sua ricerca visiva partendo dalle esperienze di spostamenti che hanno segnato la sua vita, in quanto donna, nera, cubana, esiliata negli Stati Uniti.
Le sue composizioni polisemiche fanno dialogare codici culturali e norme sociali diversi, in un processo di transculturazione. Per l’artista, “le identità possono essere dolorose, restrittive e pericolose. La mia idea per una ricerca d’identità è di avvolgere l’altro, capire l’altro, condividere con lui uno spazio di similitudini. Nella ricerca dell’identità abbiamo bisogno di segnare le differenze, ma ciò che cerchiamo di trovare alla fine sono le similitudini “.
Lo stabilire un rapporto inter-umano, la necessità di nutrirsi di altre esperienze, spingono l’artista a non fermarsi alla sua già eterogenea identità culturale, ma a cercare confronti in altri tipi di vissuti, spesso segnati dall’allontanamento dalla propria terra.

Zhang Huan
Nato nel 1965 ad An Yang City, Cina, risiede tra New York e Shanghai.
Ha iniziato il suo lavoro come parte di un piccolo collettivo di artisti conosciuto come “Beijing East Village”. Zhang Huan è performer, scultore e pittore, noto in tutto il mondo per la cruda fisicità delle sue azioni pubbliche e per l’intelligente complessità della sua opera. Le performance di Zhang Huan coinvolgono sempre il suo corpo, spesso nudo. Egli cita il corpo come metodo primario di comunicazione, descrivendolo come l’unico strumento attraverso cui le persone fanno esperienza del mondo e viceversa. Attraverso l’uso di un rituale quasi-religioso, egli cerca di scoprire il punto in cui lo spirituale si manifesta attraverso il corporeo.

Robert Gligorov
Nato a Kriva Palanca (Macedonia) nel 1960, vive e lavora a Milano.
Il lavoro di Gligorov tende costantemente a sconvolgere lo spettatore. Ogni opera stuzzica l’immaginazione risvegliandola da uno stato di letargia. Presentando una società abituata a forme sofisticate ed estreme di comunicazione visuale, Gligorov amplifica il valore shock del suo lavoro al fine di competere con l’inondazione di immagini che oscurano il nostro campo visuale.
Arista poliedrico ed instancabile, Gligorov sviluppa da anni il suo percorso producendo un’opera sfaccettata, ironica e spiritosa sperimentando linguaggi differenti verso tematiche ed intuizioni mai ripetitive. Attore, illustratore, performer, utilizza il video e la fotografia, l’installazione e la pittura, piegandoli alle esigenze di una ricerca che si misura sempre con i limiti e le ambiguità della rappresentazione.
Gligorov indaga continuamente e meticolosamente le mutevoli sfaccettature della realtà, testando, da un lato, l’artificioso volto delle cose e rovesciando dall’altro, ciò che pare reale e attendibile per renderlo talvolta fantastico, talvolta ironico. Attraverso la sua ricerca, l’artista si misura sempre con i limiti e le ambiguità della rappresentazione. Gligorov ricorre spesso alla manipolazione e al fotoritocco digitale per superare i limiti posti dal fotomontaggio: con la fotografia digitale l’artista non desidera stupire nè provocare, ma permetterci di indagare il fantastico della ricerca poetica, dove l’autonomia autoreferenziale dell’immaginario ci appare nella sua realtà.

Organizzazione:
TRA – Treviso Ricerca Arte
Piazza Rinaldi 4
31100 Treviso
www.trevisoricercaarte.org

Informazioni:
tel. 366 5024997
info@trevisoricercaarte.org
www.trevisoricercaarte.org

Ufficio Stampa:
Dasler comunicazione
tel. 348 6772908
ufficiostampa@dasler.it

Dasler comunicazione
via Roma 80
31029 Vittorio Veneto TV
dasler@dasler.it
www.dasler.it

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply