Le migliori Mostre in Italia da vedere tra il 2019 e il 2020 2019-10-09
Time To Lose

Mostra

Le migliori Mostre in Italia da vedere tra il 2019 e il 2020

Le migliori mostre d’arte e esposizioni da vedere in Italia fra il 2019 e il 2020.
da ottobre a dicembre 2019.

Le migliori Mostre in Italia da vedere fra il 2019 e il 2020. Vernici e finissage delle più importanti collezioni in Musei e gallerie italiane da Aosta a Barletta, passando per le grandi città d’arte le proposte più interessanti per il popolo delle Mostre.

le migliori mostre italiane
dell’autunno 2019 

La grandiosa, spettacolare mostra Raffaello e gli amici di Urbino (sino al 19 gennaio) ha aperto, al Ducale di Urbino, le Celebrazioni per il quinto Centenario della morte di Raffaello. Ed ha aperto la Stagione ottobre-dicembre dei grandi appuntamenti espostivi in Italia.
Ad anticipare questa stagione, davvero superba per qualità e varietà di proposte, sono state, a Rovigo, in Palazzo Roverella, la mostra sul Giappone in Europa (sino al 26 gennaio) e una serie di appuntamenti di gran classe a Firenze: la trentunesima edizione di BIAF – Biennale Internazionale dell’Antiquariato, in Palazzo Corsini, e a Palazzo Antinori, la spettacolare monografica sui Signorini, padre e figlio, impegnati a raccontare Firenze (sino al 10 novembre). Pochi passi più in là, nel magnifico Palazzo Bartolini Salimbeni, ha aperto le porte (sino a febbraio 2020) la seconda parte, dedicata al Novecento più recente, della Collezione Casamonti.

Importantissime – a Ravenna – le proposte della Biennale Internazionale del Mosaico (sino al 12 gennaio), con diversi appuntamenti, tra cui le monografiche di Chuck Close e Riccardo Zangelmi al MAR- Museo d’arte della città di Ravenna. Originale e popolare, a Mamiano di Traversetolo (Parma), Carosello. Pubblicità e Televisione 1957 – 1977, nella Villa dei Capolavori sino all’8 dicembre.

Semplicemente emozionante, a Venezia, alla Fondazione Cini (sino al 24 novembre), la grande monografica di Emilio Isgrò.
Affascinante, alla Reggia di Caserta (sino al 13 gennaio), Da Artemisia a Hackert. Storia di un Antiquario Collezionista Alla Reggia, con i capolavori di Cesare Lampronti.
Tra gli appuntamenti di più recente apertura, a Milano, alla Galleria Tornabuoni Arte, Arman (sino al 6 dicembre) e a Lodi, un’imperdibile edizione del Festival della Fotografia Etica (sino al 27 ottobre).

Mostre in programma
nel 2020 

Tornando alle mostre di imminente o prossima apertura, ecco a Conegliano, in Palazzo Sarcinelli, Dagli Impressionisti a Picasso. In mostra i Capolavori dalla Johannesburg Art Gallery, sino al 2 febbraio. Dalla grande arte ai manga, on Radiant. Venti d’Oriente nel manga europeo, a Rovigo, in Palazzo Roncale, dal 16 ottobre 2019 al 26 gennaio 2020.
Dal 17 ottobre al 19 gennaio 2020, a Torino, Camera – Centro Italiano per la Fotografia, attesissimo Man Ray| Women, mentre nella stessa sede, ma alla Projetc Room, dal 29 ottobre, Tommaso Bonaventura. 100 marchi – Berlino 2019.

dal Piemonte al Canton Ticino

Alla Pinacoteca Zust di Rancate, dal 20 ottobre al 2 febbraio, in mostra Arte e Arti. Pittura, grafica e fotografia tra ‘8 e ‘900.
Nel Veneto, ad Este, al Museo Nazionale Atestino, sono di scena Veleni e magiche pozioni, mostra tra le più intriganti della stagione (19 ottobre 2019 – 2 febbraio 2020).
Dal 25 ottobre al 30 novembre, la Tornabuoni Arte, a Firenze, riserva una monografica a Renato Mambor, eclettica figura di grande artista.
Dal 26 ottobre al 15 marzo, il Museo Archeologico Regionale di Aosta propone una ampia retrospettiva riservata a Carlo Fornara e il Divisionismo, sino al 15 marzo 2020.
Sul fronte del grande antiquariato letto in chiave molto trendy, ecco a Torino, dal 31 ottobre al 3 novembre, Flashback, 7ma edizione, al Pala Alpitour.
Con Raphael Ware. I colori del Rinascimento, si torna alla Galleria Nazionale delle Marche, nel Palazzo Ducale di Urbino, per una esposizione di preziosissime maioliche di collezione privata, dal 31 ottobre 2019 al 13 aprile 2020.

Mostre da Aosta a Barletta

Dalle maioliche raffaellesche alle ceramiche di Picasso. E’, infatti, con Picasso. La sfida sella ceramica che il MIC – Museo Internazionale della Ceramica di Faenza cala il suo asso per questa stagione espositiva, dal 1 novembre al 12 aprile. Tra grandissima arte e profondo significato sociale e emotivo, la mostra che Padova propone dal 16 novembre 2019 al 12 gennaio 2020, in Palazzo del Monte. Si tratta di Incontro e Abbraccio. Nella scultura del Novecento da Rodin a Mitoraj a Padova, Palazzo del Monte.
Olivo Barbieri – Mountains And Parks è il titolo della importante mostra che aprirà il 15 novembre ad Aosta, al Centro Saint-Bénin, dove si potrà ammirare sino al 19 aprile 2020.
Grandissima scultura e grandissima pittura, dal 16 novembre al 5 aprile, alla Gran Guardia di Verona, con la attesissima mostra Il Tempo di Giacometti da Chagall a Kandinsky. Capolavori dalla Fondazione Maeght.

Mostre nel nord Italia

Davvero originale l’esposizione che, a Milano, la Galleria Salamon, propone intorno all’oro, un excursus Dai Maestri del Trecento al Contemporaneo (22 novembre – 31 gennaio).
Di grande eleganza l’appuntamento veronese con Carlo Scarpa. Vetri e Disegni. 1925-1931 (in Sala Boggian del Museo di Castelvecchio, Verona, dal 23 novembre al 29 marzo).
Dal 26 novembre, a Roma, Museo di Roma in Trastevere, grande omaggio a Inge Morath, prima donna fotografa di Magnum.
Fashion, atmosfere, storie e tanta bella pittura, alla Basilica Palladiana di Vicenza per Ritratto di Donna. Il sogno degli anni Venti e lo sguardo di Ubaldo Oppi, dal 6 dicembre 2019 al 13 aprile 2020.

La medesima presentazione vale, a pieno titolo, anche per la monografica di Boldini che dal 7 dicembre al 3 maggio, si potrà ammirare alla Pinacoteca De Nittis, a Barletta.
Ancora a dicembre, dal 14 e sino al primo marzo, appuntamento di assoluto rilievo a Reggio Emilia. Sul tema Zavattini oltre i confini. Reti, pratiche, ricezione, di scena alla Biblioteca Panizzi.
E per concludere l’anno in bellezza, cosa c’è di meglio di una mostra che unisce i grandi protagonisti della musica di Verdi ai grandi creativi della moda? Unconventional Verdi – The extraordinary Maestro è un progetto artistico di Fidenza Village in collaborazione con lo studio creativo Kreativehouse, affidato alle immagini di Luca Cacciapuoti e ai fashion stylist più in voga oggi. Per libare i lieti calici ad uno sfavillante 2020.

info : www.studioesseci.net

You must be logged in to post a comment Login