Creatività al Femminile Ciclo di incontri in Villa Marignana 2018-02-21
Time To Lose

Rassegna

Creatività al Femminile Ciclo di incontri in Villa Marignana

Creatività al Femminile – Il mondo femminile in Villa Marignana.

eventi al Museo Toni Benetton.

domenica 4 – 11 – 18 – 25 marzo 2018.

Il Museo Toni Benetton, casa-museo dedicata allo scultore trevigiano con sede in Villa Marignana a Mogliano Veneto, in collaborazione con alcune importanti associazioni del territorio moglianese e la partecipazione di studiosi e ricercatori, nel mese di Marzo 2018 organizza Creatività al femminile, un ciclo di incontri di approfondimento dedicato alle esperienze di alcune importanti figure femminili del XIX e XX secolo. Durante i quattro incontri organizzati nei pomeriggi di domenica 4, 11, 18 e 25 marzo 2018, verranno raccontate le storie di alcune donne, talune già note, altre tutte da riscoprire, esempi di coraggio, intraprendenza e creatività, che si sono distinte, attraverso le loro doti, quali protagoniste del proprio tempo nei più differenti ambiti: professionale, politico, artistico, sociale. Le quattro giornate saranno riservate a quattro diverse protagoniste, ciascuna presentata da relatori esperti chiamati a intervenire. Gli approfondimenti saranno accompagnati da un momento di discussione con il pubblico e da spettacoli dal vivo realizzati da artisti del territorio.
Al termine di ogni appuntamento sarà organizzato un rinfresco con pubblico e ospiti.

4 marzo 2018 – h. 16.00

Rosa Genoni, una protagonista del Novecento per la pace, l’insegnamento, la moda.

Relatrici: Raffaella Podreider, nipote di Rosa Genoni e presidente dell’associazione milanese Amici di Rosa Genoni, da anni impegnata in attività di divulgazione e promozione legate alla figura della creatrice di moda. Elisa Masiero, studiosa d’arte tessile e storica del costume, ha collaborato con diversi enti pubblici e privati (tra cui le Soprintendenze per i beni artistici del Veneto, il Patriarcato di Venezia e il Polo Museale Fiorentino).
Intellettuale poliedrica ed eclettica, fervente attivista politica e pacifista, impegnata nel sociale per i diritti delle lavoratrici e nel campo dell’insegnamento. Rosa Genoni è nota anche come creatrice di moda, unanimemente riconosciuta quale autentica precorritrice, in quest’ultimo settore, del concetto di made in Italy, anni prima delle sperimentazioni autarchiche del periodo fascista, come delle sfilate della Sala Bianca, promosse a Firenze da Giovanni Battista Giorgini: suo infatti il proposito di ideare uno stile profondamente radicato nella tradizione storica, culturale e artistica nazionale, che arrivò a rielaborare con grande creatività e fantasia.
In accompagnamento concerto d’archi del Trio d’archi Harmoniae.
(violini: Luisa Bassetto, Francesca Balestri; violoncello: Valentina Rinaldo).
Il Trio, formatosi nel 2003, è nato in seguito alla comune passione di tre musiciste diplomate al Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia per il repertorio dell’epoca barocca e classica di area veneziana, che include composizioni di Antonio Vivaldi,
Benedetto Marcello, Giovanni Bassano, Dario Castello, Baldassarre Galuppi.


11 marzo 2018 h. 16.00

Adele Fornoni – Memorie dal passato

Relatore: Dalla Pietra Claudio, laureato in storia presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Autore del libro Nazismo: fondamenti gnostici di un totalitarismo, collabora col Museo Toni Benetton nell’organizzazione di eventi ed attività culturali.
Attraverso le pagine di un antico epistolario databile al 1843, scopriremo la figura appassionante di Adele Fornoni, antica proprietaria di Villa Marignana: una donna protagonista del suo tempo e con una mentalità sicuramente all’avanguardia per l’epoca, sensibile alle novità, curiosa, interessata allo studio e alla cultura. Dai suoi scritti emerge uno spaccato storico di grande spessore, riguardante un’epoca – di poco precedente l’unità d’Italia – caratterizzata da grandi innovazioni tecnologiche, cambiamenti sociali e scontri politici.

Le signore del giallo ovvero da Carolina Invernizio ad oggi

Relatore: prof. Felice Galatioto, coniugando la sua esperienza di insegnante con la passione per il giallo, promuove da diversi anni Adele Fornonie Carolina Invernizio numerosi corsi sulla Storia del giallo italiano presso Associazioni Culturali, Centri di Educazione Permanente, Biblioteche Civiche del territorio veneziano e Istituti di Scuole Superiori. E’ tra i promotori del Festival Mesthriller e ha curato lezioni–spettacolo sul tema presso il Centro Culturale Candiani di Mestre. Ha condotto diversi incontri con gli autori più importanti del panorama letterario del giallo italiano e internazionale. Che il noir sia roba da maschi è una banalità. Se c’è un settore dove non si avverte la necessità delle cosiddette quote rosa è sicuramente questo. Il noir è un genere che si declina sempre più al femminile. A partire da Carolina Invernizio un veloce excursus sulla storia del giallo in rosa.
In accompagnamento Attori per Caso.


18 marzo 2018 – h. 16.00

Camille Claudel – Storia differente della scultura

Relatrice: Emiliana Losma, studiosa e storica contemporanea, conduce una ricerca incentrata sulla riscoperta di quelle donne non ascese alla ribalta dell’ufficialità, ma che hanno comunque contribuito in modo determinante all’evoluzione dei rispettivi ambiti professionali: dalle arti applicate alla scienza, dalla cultura alla politica.
In questo incontro proveremo a percorrere una strada inedita della storia dell’arte indagando la presenza di alcune scultrici e facendo emergere traiettorie alternative e pressoché sconosciute del rapporto donne/scultura a partire dalla soggettività di queste artiste. E’ possibile che ci siano state pochissime scultrici? E’ possibile che le scultrici si siano sempre relazionate con artisti? Perché nei manuali di storia dell’arte la loro biografia, la loro azione e il loro lavoro è quasi sempre cancellato? Che tipo di opere hanno creato e quali erano i loro obiettivi? Queste sono alcune delle domande a cui proveremo a rispondere in un incontro dedicato a Camille Claudel e a molte altre scultrici.
In accompagnamento Attori per Caso in Las Mariposas.
Lo spettacolo ripercorre la vita e il coraggio delle sorelle Mirabal, attraverso la recitazione, la danza, la musica e filmati video.
Attori per Caso intraprende un viaggio nella memoria e in parallelo un viaggio nell’attualità, nella consapevolezza che il femminicidio, è tuttora un dramma irrisolto
a cui è necessario dare la massima risonanza possibile.


Toti Dal Monte 25 marzo 2018 – h. 16.00

Toti Dal Monte – Il soprano di Toscanini

Relatrice: Elena Filini laureata in filosofia, ha studiato canto e pianoforte a Venezia e Ginevra. Lavora come cronista e critico musicale per il quotidiano Il Gazzettino. Nel 1975 l’Italia perdeva in fondo uno delle più grandi artiste liriche a cavallo tra le due guerre, il soprano prediletto da Arturo Toscanini, l’icona della voce angelicata. Di Toti Dal Monte, nata Antonietta Meneghel, resta un curioso miscuglio di pagine ufficiali e scorci laterali: primadonna mignon, squisitamente ed intimamente paysanne, legata alla propria veneticità come ad un vezzo radicale. Toscanini fu l’artefice della completa definizione della vocalità e del repertorio di Toti dal Monte che sotto la sua guida definì quella caratteristica sbiancatura che diventerà la firma dei suoi ruoli principali: Gilda, Amina e, soprattutto, Lucia di Lammermoor.
In accompagnamento Attori per Caso.
L’Associazione Culturale Attori per Caso nasce nel 1995 attraverso un lungo percorso fatto di studi, di corsi e di laboratori teatrali.
Il repertorio è vario e comprende proposte per bambini e adulti, readings e recitals di poesie con accompagnamento musicale dal vivo. Da anni propone corsi di teatro ed espressione corporea per adulti e bambini, scrittura creativa e lettura espressiva.


ingresso libero e gratuito

Museo Toni Benetton
Via Marignana, 112 tel. 041 942111
31021 Mogliano Veneto – TV
info : www.museotonibenetton.it

You must be logged in to post a comment Login