Rassegna Tremilioni a Teatro al Dina Orsi di Conegliano 2019-09-24
Time To Lose

Rassegna

Rassegna Tremilioni a Teatro al Dina Orsi di Conegliano

Tremilioni A Teatro 22^ Edizione 2019 al Dina Orsi a Conegliano.
dal 9 novembre al 7 dicembre 2019.

Il Cartellone degli spettacoli e il programma della 22^ Rassegna autunnale Tremilioni a Teatro 2019 sul palco del  Teatro Auditorium Dina Orsi a Conegliano. In calendario 5 spettacoli proposti da compagnie di teatro amatoriale tutti in programma al sabato sera alle ore 21:00.

programma degli spettacoli
Tremilioni a Teatro 2019

  • sabato 09 novembre 2019 – Serata a sostegno di ADMO
    La Locandiera di Carlo Goldoni, regia di Toni Sartor a cura della Compagnia Tremilioni di Conegliano
    Dopo più di dieci anni di successi in ambito interregionale, la Tremilioni ripresenta al proprio affezionato pubblico La locandiera, per la regia dell’inossidabile e appassionato cultore e lettore del Vangelo goldoniano Toni Sartor.
    Chi non l’ha fatto ancora si affretti a gustare la squisita arte e grazia femminili con cui Mirandolina, appunto la locandiera, sa gestire la sua locanda, i suoi affari e i sentimenti di chi non sa apprezzare adeguatamente (un conte, un marchese, persino il futuro marito!) o addirittura disprezzare, come fa un cavaliere (che sotti­le vendetta!), lei nel suo essere donna e quindi decisa ad agire in nome di tutte le altre donne! Vedere o rivedere questa affascinante commedia sarà comunque uno spasso per tutti e un modo per manifestare il nostro plauso per una compagnia che molto ha dato al Teatro e a Conegliano.
  • sabato 16 novembre 2019
    Nel Nome Del Padre di Luigi Lunari, regia Stefano Sandroni a cura di La Corte dei Folli di Fossano (Cuneo)
    Una donna ed un uomo si ritrovano in una sorta di limbo, un non-luogo e non-tempo che i due sono costretti a condividere con l’intento di liberarsi dal proprio drammatico passato per adire finalmente ad una meritata pace eterna. Rosemary e Aldo, realmente esistiti, provengono da due mondi opposti e sono figli di due famosi uomini politici, di contrapposte posizioni ideologiche, che hanno segnato la storia. Lei, figlia di un diplomatico capitalista, vero e proprio protagonista del mondo del potere e del danaro, lui, figlio di un leader comunista, perseguitato politico costretto all’esilio all’estero per molti anni. Entrambi i figli sono rimasti irrimediabilmente schiacciati dalla personalità e dalle ambizioni – pur così diverse – dei loro padri, pagando un prezzo durissimo. Una commedia sentimentale – come la definisce Lunari stesso – che si sviluppa nel dramma di questi due personaggi che si svelano gradualmente, attraverso un dialogo serrato e liberatorio, a tratti ironico, tenero, duro e commovente, che li porterà, nel comune sonno nella morte, verso un meritato riposo.
  • sabato 23 novembre 2019
    Don Chisciotte tragicommedia dell’Arte, con Marco Zoppello e Michele Mori a cura di Stivalaccio Teatro di Venezia
    A grande richiesta riproponiamo al nostro pubblico il Don Chisciotte dei comici di Stivalaccio Teatro.
    Venezia, anno 1545: salgono sul patibolo gli attori Giulio Pasquati, padovano, in arte Pantalone, e Girolamo Salimberi, fiorentino, in arte Piombino, accusati di eresia. L’unica speranza per i due attori è l’arrivo dei rinforzi, ovvero i colleghi della Compagnia dei Gelosi, corsi dal duca di Mantova per pregarlo di intervenire nella spinosa vicenda. Non resta altro da fare che cercar di prendere tempo nell’unico modo che i due conoscano: recitando una commedia. Ma non esistono commedie per due soli attori e i nostri sono costretti a ripescare il racconto di un marinaio conosciuto su di una nave spagnola, poco dopo la battaglia di Lepanto: un tal Miguel De Cervantes. Marco Zoppello e Michele Mori interpretano il testo di Cervantes in un contesto metateatrale, mettendo in scena, nelle vesti di due attori della commedia dell’arte, uno spettacolo per salvare le loro vite da una sentenza di morte del tribunale dell’Inquisizione. Con un salto nel passato, i due attori trasferiscono nel 1545 scene e personaggi del Don Chisciotte di Cervantes, con incredibili effetti comici.
  • sabato 30 novembre 2019
    Le Scostumate di Carlo Goldoni, regia di Eleonora Fuser a cura della Compagnia Sottosopra di Bagnoli di Sopra (Padova)
    Le Scostumate, un’idea allegorica, in cui cinque uomini interpretano ruoli femminili goldoniani, e una donna, Nora Fuser, che interpreta i ruoli maschili. Le Scostumate raccontano di un Goldoni ormai vecchio e cieco a Parigi, che tra incubo e lucidità incontra questi cinque amici con i quali si divertiva d’estate a Villa Widman di Bagnoli di Sopra a recitare e scrivere il suo teatro. Nel sogno-incubo i cinque amici si manifestano per sollevarlo dalla sua ipocondria recitando stralci dai suoi capolavori La locandiera – Le baruffe chioggiotte – Le massere – La pelarina (operetta per musica) – Le donne gelose – I pettegolezzi delle donne – I rusteghi. Un pretesto teatrale che l’attrice-regista Nora Fuser, che da un po’ di anni lavora con la compagnia Sottosopra di Bagnoli di Sopra, con la cui collaborazione ha voluto realizzare anche questo spettacolo, prendendo a piene mani dalla sua formazione di commedia dell’arte dove i caratteri maschili sono sempre stati il suo divertimento. È un puro gioco teatrale quindi di totale invenzione con la collaborazione di Marco Casonato, i costumi di Giacomo Sega, le maschere di Giorgio De Marchi.
  • sabato 7 dicembre 2019
    L’avaro di Molière, regia di Toni Sartor a cura della Compagnia Tremilioni di Conegliano
    L’opera è presentata dalla Tremilioni in due atti, con l’eliminazione di alcune scene e personaggi secondari. Le vicende si svolgono a Parigi. Il protagonista indiscusso Arpagone (letteralmente rapace, avido arraffatore) non è solo avaro, come l’Euclione di Plauto, ma anche usuraio e strozzino, fino a soffocare ogni altro sentimento, anche verso i figli Cleante ed Elisa, che per questo non lo sopportano. La situazione si aggrava quando Arpagone manifesta la sua intenzione di sposare la bella e povera Mariana, amata da Cleante, e di maritare Elisa a un anziano gentiluomo, Anselmo, che l’accetta senza dote. Intanto Cleante ha scoperto nel padre l’usuraio-strozzino a cui si è rivolto per un prestito per poter sposare Mariana. La situazione appare irrisolvibile, quando accade un imprevisto e avviene che…

Ingresso: (posti numerati): Adulti   € 12,00 – Ragazzi (fino 16 anni) € 8,00
Prevendite e informazioni: Calzoleria Cancian – Via G. Marconi, 11 – Conegliano
Teatro Auditorium Dina Orsi
Via L. Einaudi, Conegliano TV
info : www.tremilioni.it

You must be logged in to post a comment Login