Bonaventura Maschio invita ad abbandonarsi al sapore e alle suggestioni del Rum… 2009-02-28
Time To Lose

Busatto

Bonaventura Maschio invita ad abbandonarsi al sapore e alle suggestioni del Rum…

La Distilleria Bonaventura Maschio di Gaiarine (Tv), nota per l’acquavite d’uva Prime Uve, organizza una ricercata degustazione di rum, condotta dal “filosofo del gusto” Michele di Carlo

Alcuni rum di fama mondiale, tra cui anche il Rum Cubaney, importato dalla Bonaventura Maschio, saranno al centro di un’affascinante analisi sensoriale, che rievocherà la memoria e le atmosfere dei luoghi dove nasce il rum, aprirà le porte della fantasia e dell’immaginazione, ma anche dei ricordi e delle passioni, grazie ai raffinati sapori del prezioso distillato, leggermente abboccato e setoso, che si concede affascinante a chi ha la pazienza di volerlo conoscere e gustare fino in fondo.

Complice e veicolo di questa esperienza la musica della polistrumentista  Maria Giovanna Argento, che accompagnerà e guiderà la degustazione, aiutando a far emergere le peculiarità di ogni singolo rum, suscitando o rafforzando emozioni e percezioni, provocando reazioni nell’anima, per un’esperienza indimenticabile.

A far da contorno l’avventuroso racconto della storia della bevanda, fatta di viaggi, di conquiste e scoperte.

L’iniziativa si propone di essere un momento-evento, un percorso culturale ed emotivo, nonché una preziosa opportunità per gli appassionati degustatori di approfondire la conoscenza del distillato. In linea con questi propositi la scelta della location dell’evento: la sede della Dama Castellana, Associazione di carattere storico-culturale, attenta al territorio e alle tradizioni, con un occhio di riguardo all’enologia. Tra gli eventi promossi: la “Festa dell’Uva”, le degustazioni di vini “Gente e Vino” e il Concorso “EnoConegliano” dedicato ai vini regionali a denominazione di origine e a indicazione geografica.

Il primo uomo che legò il suo nome al rum fu Cristoforo Colombo. Sappiamo infatti che durante il suo secondo viaggio, nel 1493, la flotta aveva a bordo coltivatori di canna da zucchero provenienti dalle Canarie: proprio loro, dopo lo sbarco, ne piantarono alcuni ceppi nell’isola di Hispaniola. Da qui iniziò il lungo percorso della bevanda, ottenuta proprio dalla fermentazione della canna da zucchero, che si diffuse tra le popolazioni delle colonie con diversi nomi.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA – Cell. 335.62.600.31

02-03 Hotel Laguna Palace – Mestre (riservato aibes)

02-03 Grillo’s -Roncade

03-03 Hotel Europa Executive – Belluno

03-03 Rist. Tempini – Jesolo

04-03 Rist. Aghesante – Rivignano Ud

05-03 Rist. Busatto – Quinto di Treviso

06-03 Enoteca Col di Salce- BL

06-03 Hotel Grande Italia – Chioggia VE


You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply